Rotes Rathaus (metropolitana di Berlino)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
U-Bahn.svg Rotes Rathaus
U-Bahnhof Rotes Rathaus, Rohbau U5-Ebene.jpg
Banchine con le caratteristiche colonne, giugno 2017
Stazione della metropolitana di Berlino
Gestore BVG
Inaugurazione fine 2020 (prevista)
Stato in costruzione
Linea U5
Localizzazione Berlino-Mitte
Tipologia stazione sotterranea
Dintorni Rotes Rathaus
Mappa di localizzazione: Berlino
Rotes Rathaus
Rotes Rathaus
Metropolitane del mondo

Coordinate: 52°31′08″N 13°24′29″E / 52.518889°N 13.408056°E52.518889; 13.408056

Metropolitana di Berlino
Linea U5
White dot.svg  Hönow
White dot.svg  Louis-Lewin-Straße
White dot.svg  Hellersdorf
White dot.svg  Cottbusser Platz
White dot.svg  Kienberg (Gärten der Welt)
White dot.svg  Kaulsdorf-Nord
S-Bahn-Logo.svg  White dot.svg  Wuhletal
White dot.svg  Elsterwerdaer Platz
White dot.svg  Biesdorf-Süd
White dot.svg  Tierpark
White dot.svg  Friedrichsfelde
S-Bahn-Logo.svg  White dot.svg  Lichtenberg
White dot.svg  Magdalenenstraße
S-Bahn-Logo.svg  White dot.svg  Frankfurter Allee
White dot.svg  Samariterstraße
White dot.svg  Frankfurter Tor
White dot.svg  Weberwiese
White dot.svg  Strausberger Platz
White dot.svg  Schillingstraße
S-Bahn-Logo.svg Berlin U2.svg Berlin U8.svg  White dot.svg  Alexanderplatz
White dot.svg  Rotes Rathaus In costruzione
White dot.svg  Museumsinsel In costruzione
Berlin U6.svg  White dot.svg  Unter den Linden In costruzione
S-Bahn-Logo.svg  White dot.svg  Brandenburger Tor
White dot.svg  Bundestag
S-Bahn-Logo.svg  White dot.svg  Hauptbahnhof

La stazione di Rotes Rathaus è una stazione in costruzione della metropolitana di Berlino. Al suo completamento fungerà da fermata lungo il prolungamento della linea U5.

Prende il nome dal Rotes Rathaus (letteralmente: "Municipio rosso"), il palazzo municipale di Berlino.

Descrizione[modifica | modifica wikitesto]

Disposizione delle linee U5 e U3/U10 attorno alla stazione Rotes Rathaus (a sinistra) e della vicina stazione di Alexanderplatz (a destra)

La stazione, lunga 120 metri[1] con una superficie totale di 8000 m²[2], è in costruzione sotto Rathausstraße, direttamente di fronte al Rotes Rathaus, il municipio di Berlino. La sua entrata in funzione è prevista per la fine del 2020[3].

Caratteristiche ingegneristiche[modifica | modifica wikitesto]

La sua struttura è organizzata a due livelli: quello superiore, a 7 metri di profondità, è dedicato ai binari della linea U5, per la quale sono poste le due banchine laterali, larghe 4 metri. Il livello inferiore, a 12 metri di profondità, sarà destinato a parcheggio, ma potrà essere successivamente riconvertito per ospitare la fermata per la linea U3 nel caso se si decidesse di realizzare il prolungamento di tale linea, oppure per la ipotizzata ma mai realizzata linea U10 (Potsdamer Platz-Lichterfelde)[4].

Gli ingressi della stazione, dotati di scale mobili, sono situati alle sue estremità: una a ovest sulla Spandauer Straße a nord di Rathausstraße, altre due a est sulla Jüdenstraße. Inoltre, all'estremità orientale, due ascensori collegano le banchine alla superficie.

Caratteristiche architettoniche[modifica | modifica wikitesto]

L'architetto, Oliver Collignon, ha previsto che stazione sia caratterizzata dal senso di spazio e ariosità[5], nonché da elementi distintivi come il rivestimento dei muri in calcestruzzo sabbiato[2] e soprattutto da sette colonne tra le due banchine laterali che si estendono con un ventaglio "a fungo" con l'intento di richiamare l'antica copertura a volta utilizzata dal precedente edificio del municipio, del XIII secolo, il cui sito archeologico è attiguo alla stazione. In termini di colori, la stazione disporrà di un moderno design bianco e nero[5].

Costruzione[modifica | modifica wikitesto]

Scavi archeologici del vecchio municipio, 2011
Piattaforma al livello della linea U3, ma destinata per un uso iniziale come parcheggio, giugno 2017

La campagna di scavi archeologici nell'area, tra il 2009 e il 2011, ha permesso rinvenimento dei resti inaspettatamente ben conservati del municipio medievale di Berlino, del XIII secolo[5]. Di conseguenza, dopo una pausa che ha determinato un ritardo dei lavori, il progetto è stato completamente rivisto. Il progetto esecutivo prevede una stazione molto compatta, con la rinuncia agli ampi varchi d'ingresso, in modo da permettere la conservazione dei resti e possibilmente presentarli al pubblico da un affaccio con vetrata a guisa di "finestra archeologica". Per ragioni tecniche e finanziarie, i lavori per la realizzazione di questa finestra sono posticipati e al momento dell'inaugurazione gli scavi archeologici non saranno visibili al pubblico[1].

Per la realizzazione della struttura, ad aprile 2014 sono stimati 62 milioni di euro[6].

Il 7 settembre 2016 è stata celebrata la fine dei lavori della volta superiore e circa 3.000 persone hanno approfittato dell'opportunità di visitare il cantiere[7]. Nel gennaio 2017 si è conclusa la fase di realizzazione della struttura esterna e i lavori si sono spostati sugli interni[8].

Servizi[modifica | modifica wikitesto]

La stazione disporrà di:

  • Biglietteria Biglietteria
  • Scale mobili Scale mobili
  • Ascensori Ascensori

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b Uwe Aulich, U5 Richtfest Neue U-Bahnstation "Rotes Rathaus" wird Archäologie-Bahnhof, in Berliner Zeitung, 7 settembre 2016.
  2. ^ a b Projekte - INFO, su collignonarchitektur.com. URL consultato il 7 maggio 2018.
  3. ^ Peter Neumann, Ausbaupläne Berliner U-Bahn-Netz soll wachsen – doch das Geld fehlt, in Berliner Zeitung, 6 maggio 2018.
  4. ^ Michael Hielscher, Unter der Greifswalder schnell in die City, in Abendblatt-berlin, 2 ottobre 2015.
  5. ^ a b c Rotes Rathaus, Projektrealisierungs GmbH U5. URL consultato il 7 mmaggio 2018.
  6. ^ Drucksache 17/13562 (PDF), Abgeordnetenhaus di Berlino, 16 aprile 2014.
  7. ^ Kurzmeldungen – U-Bahn, in Berliner Verkehrsblätter, nº 10, 2016, p. 204.
  8. ^ Kurzmeldungen – U-Bahn, in Berliner Verkehrsblätter, nº 4, 2017, p. 73.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]