Rossana (caramella)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
(Reindirizzamento da Rossana Perugina)
Jump to navigation Jump to search
Rossana
Rossana Perugina Candy 2.jpg
Caramella Rossana ancora incartata
Categoria Caramella
Marca Fida
Anno di creazione 1926
Nazione Italia Italia
Ingredienti sciroppo di glucosio, zucchero, latte concentrato zuccherato, olio di arachide, siero di latte in polvere, latte scremato in polvere, burro anidro, nocciole, mandorle, armelline, aromi, lecitina di girasole
Valori nutrizionali medi in 100 g
Valore energetico 422 kcal/1.785 kJ
Proteine 2,7 g
Carboidrati 86,6 g
di cui zuccheri 64,5 g
Grassi 7,2 g
di cui saturi 2,3 g
Sito https://www.fidacandies.it/it/brands/rossana

La Rossana è una caramella, conosciuta anche come Rossana Perugina, o, più semplicemente, come Rossa. È considerata una delle caramelle più conosciute fra quelle prodotte in Italia[1].

Prodotto[modifica | modifica wikitesto]

La caramella si presenta di forma simil-parallelepipeda, proposta con l'imballaggio tradizionale, avvolta in un incarto di colore rosso rubino con, in evidenza, la scritta del suo nome. Dura fuori per l'involucro caramellato, la Rossana possiede un nucleo morbido con un ripieno cremoso al latte.

Tra i suoi ingredienti entrano a far parte soprattutto nocciole e mandorle.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

La Rossana nasce nel 1926 come prodotto della Perugina, in onore a Roxanne, la dama amata da Cyrano de Bergerac[2].

Nel 2016, la Nestlé, proprietaria della Perugina dal 1988, ha deciso la vendita del marchio ad altro produttore[3], la piemontese Fida.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Le caramelle, un prodotto “simpatico”, in La Storia siamo noi - Dolce Italia, Alla scoperta di sapori e piaceri. URL consultato il 16 maggio 2012.
  2. ^ Le caramelle Rossana Perugina allo spazio Rossana Orlandi, su hubblog.it. URL consultato il 20/2/2015.
  3. ^ Michelangelo Borrillo, Vendita delle caramelle Rossana, scioperano i dipendenti Perugina, in Il Corriere della Sera, 3 marzo 2016. URL consultato il 3 marzo 2016.
Cucina Portale Cucina: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Cucina