Rossana Boldi

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Rossana Boldi
Rossana Boldi daticamera 2018.jpg

Presidente della 14ª Commissione Affari Europei del Senato della Repubblica
Durata mandato 12 maggio 2008 –
14 marzo 2013
Predecessore Andrea Manzella
Successore Vannino Chiti

Deputato della Repubblica Italiana
Legislature XVIII
Gruppo
parlamentare
Lega - Salvini Premier
Circoscrizione Piemonte 2
Sito istituzionale

Senatore della Repubblica Italiana
Legislature XIV, XVI
Gruppo
parlamentare
Lega Nord
Circoscrizione Piemonte
Collegio XIV:
14 (Novi Ligure)
Sito istituzionale

Dati generali
Partito politico Lega Nord
Titolo di studio Laurea in Medicina e Chirurgia
Professione Medico

Rossana Lidia Boldi (Tortona, 5 aprile 1953) è una politica italiana.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

È laureata in medicina e chirurgia, specializzata in odontoiatria e protesi dentaria.

Attività politica[modifica | modifica wikitesto]

Nel 2001 viene eletta senatrice nel collegio uninominale di Ovada. Ricandidata in Senato nel 2006, risulta la prima dei non eletti.

Alle elezioni politiche del 2008 viene rieletta Senatrice. È stata Presidente della Commissione permanente Politiche dell'Unione Europea del Senato della Repubblica nella XVI legislatura.[1]

È inoltre stata membro della delegazione parlamentare italiana presso l'assemblea del Consiglio d'Europa.

Non si ricandida in Parlamento alle elezioni politiche del 2013.

Alle elezioni politiche italiane del 2018 viene eletta alla Camera dei Deputati, nelle liste della Lega nella circoscrizione Piemonte 2.

Controversie[modifica | modifica wikitesto]

Il 6 luglio 2012 fa una gaffe parlando della morte del senatore a vita Sergio Pininfarina: "non si dovono più nominare senatori a vita - dice la senatrice - anche uno di meno è già qualcosa"[2]. Lo stesso giorno, a seguito di polemiche, l'esponente della LNP ha rilasciato alla trasmissione radiofonica di Radio24 "La zanzara" le seguenti dichiarazioni: "Chiedo scusa alla famiglia Pininfarina se ritengono di essersi offesi. La mia è stata una frase infelice, una voce dal sen sfuggita. Mi sono espressa male, chi mi conosce sa che non avrei mai detto una cosa del genere"[3].

Note[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]