Rosia (Sovicille)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Rosia
frazione
Rosia – Veduta
Veduta di Rosia
Localizzazione
StatoItalia Italia
RegioneCoat of arms of Tuscany.svg Toscana
ProvinciaProvincia di Siena-Stemma.svg Siena
ComuneSovicille-Stemma.png Sovicille
Territorio
Coordinate43°14′51″N 11°13′25″E / 43.2475°N 11.223611°E43.2475; 11.223611 (Rosia)Coordinate: 43°14′51″N 11°13′25″E / 43.2475°N 11.223611°E43.2475; 11.223611 (Rosia)
Altitudine205 m s.l.m.
Abitanti2 573 (2011)
Altre informazioni
Cod. postale53018
Prefisso0577
Fuso orarioUTC+1
Nome abitantirosiano, rosiani[1]
Cartografia
Mappa di localizzazione: Italia
Rosia
Rosia

Rosia (pron. Rosìa) è una frazione del comune italiano di Sovicille, nella provincia di Siena, in Toscana.

La frazione si trova lungo la strada statale 73 Senese Aretina che da Siena conduce in Maremma.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Deve il suo nome dall'omonimo torrente che scorre nelle vicinanze e che sarebbe di origine longobarda (l'etimo Rüsolia significa torrente). Lo sviluppo urbano di Rosia è avvenuto a partire dalla fine del XIX secolo ai piedi del castello, le cui origini risalgono all'XI secolo.

Monumenti e luoghi d'interesse[modifica | modifica wikitesto]

Il castello, che sorge nella parte più alta del centro abitato, ha una mole massiccia ed è costituito da due corpi, uno a monte ed uno più a valle, collegati da un cortile delimitato da mura. La struttura mostra segni di diversi ristrutturazioni che si sono succedute nel corso del tempo.

Vi è ubicata la pieve di San Giovanni Battista, documentata già nel XII secolo e ampiamente ristrutturata nel XIV secolo.

Nei pressi, proseguendo lungo la strada statale 73 Senese Aretina in direzione della colonna di Montarrenti, troviamo il ponte della Pia e l'eremo di Santa Lucia.

Cultura[modifica | modifica wikitesto]

Letteratura[modifica | modifica wikitesto]

Il paese è citato nel romanzo Un cappello pieno di ciliege (2008) di Oriana Fallaci, come luogo del primo incontro tra i suoi antenati Caterina Zani e Carlo Fallaci, combinato tramite un sensale. Per farsi riconoscere, Caterina indossa l'indumento che dà il nome al libro[2].

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Teresa Cappello, Carlo Tagliavini, Dizionario degli etnici e dei toponimi italiani, Bologna, Pàtron Editore, 1981, p. 469.
  2. ^ Oriana Fallaci, Un cappello pieno di ciliege, Rizzoli, Milano, 2008

.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Toscana Portale Toscana: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Toscana