Rosemarie Lindt

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Rosemarie Lindt (a sinistra) e Mirko Valentin ne Il compagno don Camillo (1965)

Rosemarie Lindt (1939 circa[1] o ca. 1945[2]) è un'attrice cinematografica e ballerina tedesca che è stata attiva nel cinema italiano fra il 1963 ed il 1979, sia in film del cinema d'autore che in film di genere e produzioni relative a b-movie (segnatamente poliziotteschi e commedie erotiche all'italiana).

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Formata come ballerina, ha studiato presso la Folkwangschule di Essen sotto Kurt Jooss e presso lo Studio Waker di Parigi sotto Nora Kiss. Si è esibita come prima ballerina nelle Opernhaus Wuppertal, Opernhaus Düsseldorf, Opéra national de Paris, Théâtre Sarah-Bernhardt, Teatro Regio di Torino, Teatro Flaiano, Teatro Argentina, Teatro Villa Celimontana, Teatro Tordinona e nella Aula Paolo VI.

La sua filmografia consta di una trentina di titoli e ha lavorato anche con Pupi Avati nel film Bordella. Apparsa anche in molti fotoromanzi tra cui Killing,[3] è stata romanticamente impegnata con Jacques Herlin, viveva con lui a Roma dal 1966.[1][2] Parla correntemente quattro lingue: tedesco, francese, italiano ed inglese.[4]

Ora sposata ad Alfred Piccolo e conosciuta come Rosemarie Lindt-Piccolo, vive a New York dove conduce il Lindt Ballet Theater (precedentemente noto come International Ballet Dance Center). In precedenza, ha anche insegnato danza classica presso l'Hunter College.[4] Insieme ad Alfred Piccolo, che le scrivesse e realizzò, coreografò anche opere originale: The Ghosts of Music Hall, That Verona Affair, The Cavalier of Venice Casanova, The Last Days of Pompeii, The Roman Carousel.[4]

Filmografia[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b Rosemarie Lindt: »Ich ging durch manchen Foltergarten der Sinnlichkeit!« in: Schlüsselloch, no. 20, 14 maggio 1984, pp. 4–5, eco p. 4
  2. ^ a b Berufliches in: Der Spiegel, vol. 27, no. 42, 15 ottobre 1973, pp. 218, 220, eco p. 220
  3. ^ Rosemarie Lindt : De Polonia con amor
  4. ^ a b c Lindt Ballet

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]