Rosatom

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Rosatom
Atomagentur1.jpg
StatoRussia Russia
Fondazione1º dicembre 2007
Sede principaleMosca
Persone chiaveAleksej Likačëv (direttore generale)
SettoreEnergia
ProdottiEnergia nucleare
Dipendenti255 400 (2018)
Sito webwww.rosatom.ru/en/
Complesso climatico artico di Rosatom

Rosatom (in russo: Росатом?; abbreviazione di Gosudarstvennaja korporacija po atomnoj ėnergii in russo: Государственная корпорация по атомной энергии?) è un'azienda pubblica russa attiva nel settore dell'energia nucleare e che raggruppa oltre 360 imprese.

Le attività di cui si occupa coprono tutti i campi del nucleare: estrazione, conversione e arricchimento dell'uranio, ingegneria meccanica rivolta alla produzione e alla costruzione delle centrali nucleari, smantellamento delle stesse e gestione del combustibile nucleare esaurito, assieme con i rifiuti radioattivi.[1]

Le competenze di Rosatom includono anche attività non nucleari quali le energie rinnovabili, in particolare l'energia eolica, studi su nuovi materiali, supercomputer, robotica e laser. Ciò nonostante, il settore di riferimento rimane il nucleare.[1]

Rosatom è il più grande produttore di elettricità in Russia, con una produzione di 203 TWh nel 2017 (pari al 19,9 % della produzione totale di elettricità nel paese), ed è secondo al mondo per le dimensioni del suo parco nucleare. La società è anche prima al mondo per il numero di reattori nucleari costruiti in funzione, 41 (6 in Russia e 35 all'estero); mentre è seconda per le riserve d'uranio e quarta per la quantità di uranio estratto annualmente.[2][3][4]

La società opera una flotta di navi rompighiaccio a propulsione nucleare con base a Murmansk.[2][3]

Nonostante i 70 anni di esperienza, Rosatom venne ufficialmente creata il 18 dicembre 2007. Il suo stato, i fini, gli obiettivi, le funzioni e i poteri sono definiti dalla legge federale 317-FZ, del 1º dicembre 2007.[5] Ha sede a Mosca ed è diretta da Alexey Likhachev.[2]

Il 12 marzo 2022 prende il controllo della Centrale nucleare di Zaporižžja, a seguito dell'invasione russa dell'Ucraina.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b About us, su rosatom.ru. URL consultato il 27 agosto 2018.
  2. ^ a b c Rosatom, su rosatom.ru.
  3. ^ a b Nuclear Power in Russia, su world-nuclear.org.
  4. ^ Performace of State Atomic Energy Corporation Rosatom in 2016: Public Annual Report (PDF), su rosatom.ru.
  5. ^ Federal Law 317-FZ, su ecolex.org.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN129423513 · ISNI (EN0000 0004 0471 5062 · LCCN (ENno2010064020 · WorldCat Identities (ENlccn-no2010064020