Rosa Venerini

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Santa Rosa Venerini
Rosa venerini.jpg
 

Religiosa

 
NascitaViterbo, 9 febbraio 1656
MorteRoma, 7 maggio 1728
Venerata daChiesa cattolica
Beatificazione4 maggio 1952
Canonizzazione15 ottobre 2006
Ricorrenza7 maggio

Rosa Venerini (Viterbo, 9 febbraio 1656Roma, 7 maggio 1728) è stata una religiosa italiana, fondatrice della congregazione delle Maestre pie Venerini; beatificata nel 1952, fu proclamata santa da papa Benedetto XVI il 15 ottobre 2006.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Rosa Venerini nacque il 9 febbraio 1656 a Viterbo da Goffredo, stimato medico di origine marchigiana, nato nel 1612 a Castelleone di Suasa, che offrì il suo aiuto ai viterbesi nel 1657, durante la peste, e Marzia Zampichetti, discendente di una delle famiglie più importanti dell'Alto Lazio, già precedentemente sposata e vedova.

Oltre a lei, in famiglia vi erano Domenico, morto giovane, Maria Maddalena e Orazio. La piccola Rosa ricevette sin dall'infanzia un'ottima educazione religiosa dalla madre Marzia, donna attenta ai bisogni dei propri figli, e grazie alla zia materna Anna Cecilia, madre superiora nel convento di Santa Caterina a Viterbo.

Figlia spirituale dei gesuiti, nel 1685 a Viterbo aprì, insieme con Porzia Baci e Girolama Coluzzelli, una "scuola pia" destinata all'istruzione e all'educazione religiosa delle giovani più povere, da cui ebbe origine la sua congregazione: grazie all'appoggio del cardinale Marcantonio Barbarigo, l'opera si estese presto anche ad altre città del Lazio e a Roma, dove la Venerini affidò le sue scuole a Lucia Filippini. Naturalmente, le scuole causarono grande scompiglio nella società: era inconcepibile che delle sole donne insegnassero alle fanciulle il catechismo; questo, in particolare, era riservato strettamente ai sacerdoti. Nonostante ciò, l'opera della Venerini si estese, grazie alla benevolenza degli ecclesiastici, come papa Clemente XI, in tutto il Lazio (Corneto, Bagnoregio, Montefiascone, ecc.), fino a Roma, dove aprì due importanti scuole; infatti, qui, le Maestre furono subito ben accette e amate; a Roma restò a dirigere le scuole come madre generale Lucia Filippini, che stette vicino alla Madre Superiora fino alla morte, avvenuta nel maggio 1728 a Roma per tumore al seno.

Rosa Venerini venne tumulata nella Chiesa del Gesù, nella stessa città. La lapide recita, in latino: HIC GIACES ROSA VENERINI MAGISTER PUELLARUM (Qui giace Rosa Venerini maestra delle fanciulle). Tuttavia, a causa di un'alluvione del Tevere nel 1752, la tomba fu inondata e il corpo intatto della Maestra venne riposto in un'urna di vetro e argento nella cappella della casa generalizia di Roma, in via Belli. Alla Santa succedette nel ruolo di madre generale Chiara Candelari, una maestra di origine anconetana che seguiva Rosa da ventotto anni, sin dalla sua giovinezza.

Oggi le Maestre pie Venerini sono diffuse in tutta l'Italia, negli Stati Uniti d'America, in Africa, Romania, Argentina e Brasile.

Culto[modifica | modifica wikitesto]

Rosa Venerini fu beatificata da papa Pio XII il 4 maggio 1952 e canonizzata da papa Benedetto XVI il 15 ottobre 2006. La sua memoria liturgica cade il 7 maggio, giorno della sua morte.

Il miracolo che permise la canonizzazione fu la guarigione da gonfiore toracico inspiegabile di un bambino africano nel 2005. Il bambino andava a scuola in una scuola delle suore della Venerini, in Uganda, e per lui furono rivolte molte preghiere dalle Maestre pie e dalla comunità del luogo alla fondatrice.

A lei sono attribuiti altri due miracoli per fatti avvenuti nel 1952: il primo riguarda una Maestra guarita inspiegabilmente da un gravissimo glaucoma infiammatorio, che avrebbe portato la donna alla cecità in breve tempo, dopo diverse invocazioni alla Venerini; il secondo, avvenuto in un paesino dell'Abruzzo, coinvolge una Maestra malata di una forma aggressiva di tubercolosi, ritornata nel suo luogo natio per l'aria salubre. Il fratello, prete del paese, chiese ai concittadini di pregare la Madonna per la sorella; ma fu la stessa suora a invocare, in preda a un sonno comatoso, santa Rosa: il giorno dopo, nonostante gli avvertimenti dei medici, si alzò dal letto guarita inspiegabilmente.

Inoltre, la santa è ora patrona di Viterbo, sua città natale, insieme all'omonima santa Rosa, vissuta nel Medioevo, e antica protettrice dei Viterbesi durante la peste, nel XIII secolo.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN40189444 · ISNI (EN0000 0000 6147 3929 · LCCN (ENnr91037167 · GND (DE119475553 · BAV ADV12503004 · CERL cnp00556746