Rosa Maria Fusco

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

Rosa Maria Fusco (Matera, 15 giugno 1953) è una poetessa, saggista e critico letterario italiana.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Nasce a Matera nel 1953, ma vive a Tursi dove ha insegnato in scuole superiori. Poetessa, scrittrice, saggista e critico letterario, il suo nome è presente in numerose antologie italiane[1] e straniere[2].

Ha collaborato a riviste e giornali come Salvo Imprevisti, Lotta continua, Fronte popolare, Collettivo R, Dimensione, Duepiù, Nodi, Perimetro, Stazione di posta[3].

Operatrice culturale, ha partecipato condotto e ideato trasmissioni televisive e radiofoniche, firmando testi di programmi radiofonici e articoli su riviste[3][4]. Ha scritto un volume di saggistica letteraria dal titolo Le lucane, i percorsi della scrittura femminile in Basilicata. È appassionata d'arte moderna, organizza e presenta mostre. Nel giugno del 1961, ha curato, assieme a Giuseppe Settembrino la pubblicazione degli atti del convegno tenutosi a Potenza sul tema Il laboratorio poetico, i poeti, il pubblico, la poesia e Appunti per un'inchiesta sulla pittura in Basilicata[3].

Poesie[modifica | modifica wikitesto]

  • Gli Innamorati
  • Il Mago
  • Il matto
  • Il mattino ha ancora galli
  • La mia poesia è questa stanza
  • La solitudine è un dono
  • Non raccontatelo a noi
  • Tutta la vita che perdo treni
  • Tutto quello in cui affogo

Pubblicazioni[modifica | modifica wikitesto]

  • Le lucane, i percorsi della scrittura femminile in Basilicata, R. Perrino
  • I corpi e le parole, Centro di iniziativa culturale Messapo, Siena, 1980[5]
  • La luna delle ciliegie, Collettivo R, Firenze, 1985
  • Arcana/mente, Libria, Melfi, 1990
  • Iris & Peonie, Polistampa, Firenze, 1996[6]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ L. Di Nola, pag. 70 e 175,
    A. Lotierzo, R. Nigro, pag. 24,
    M. Mori, pag. 67,
    F. Manescalzi, pp. 408-409,
    D. Cara, pag. 331,
    G. Mariani, M. Petrucciani, pag. 588.
  2. ^ Rosa Maria Fusco: una scrittrice del nostro tempo, di Donata Larocca, su paroladidonna.net. URL consultato il 5 febbraio 2009 (archiviato dall'url originale il 20 novembre 2008).
  3. ^ a b c Biografia di Rosa Maria Fusco, da poetilucani.it, su poetilucani.it. URL consultato il 5 febbraio 2009 (archiviato dall'url originale il 7 maggio 2006).
  4. ^ Biografia di Rosa Maria Fusco, su polistampa.com. URL consultato il 25 luglio 2010.
  5. ^ Rosa Maria Fusco. I corpi e le parole di Maria Pina Ciancio, su lucaniart.blogspot.com. URL consultato il 5 febbraio 2009.
  6. ^ Rosa Maria Fusco: Da "I corpi e le parole" a "Iris e peonie" nella continuità di un itinerario. Percorso culturale di Mario Santoro, su consiglio.basilicata.it. URL consultato il 5 febbraio 2009 (archiviato dall'url originale il 12 maggio 2008).

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Domenico Cara, Le Donne della poesia: oltre il femminile, Laboratorio delle Arti, 1991.
  • Laura Di Nola, Poesia femminista italiana, Savelli, 1978.
  • Antonio Lotierzo, Raffaele Nigro, Poeti della Basilicata, Forum/Quinta Generazione, 1981.
  • Franco Manescalzi, La città scritta: da "Quartiere" alle "Giubbe Rosse": la cultura della poesia del secondo Novecento a Firenze, Edifir, 2005, ISBN 88-7970-254-8.
  • Gaetano Mariani, Mario Petrucciani, Letteratura italiana contemporanea, Volume 3, L. Lucarini, 1982.
  • Massimo Mori, Il circuito della poesia: Ottovolante 1983, P. Manni, 1997.
  • R. Summo, Tursi... ha ispirato la poesia, Matera, Antezza Tipografi, 1998.
  • Giuseppe Zagarrio, Febbre, furore e fiele (Numero 30 di Civiltà letteraria del Novecento), Mursia, 1983.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN90176974 · ISNI (EN0000 0004 1963 5241 · SBN IT\ICCU\CFIV\125276 · WorldCat Identities (EN90176974