Rooney Mara

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Rooney Mara nel 2013

Patricia Rooney Mara (pronuncia: /ˈmɛərə/; Bedford, 17 aprile 1985) è un'attrice statunitense.

Ha ottenuto la fama internazionale con il ruolo di Lisbeth Salander in Millennium - Uomini che odiano le donne (2011), per il quale è stata nominata ai Golden Globe e al Premio Oscar alla miglior attrice. In seguito ha recitato nel thriller Effetti collaterali (2013), nel dramma indipendente Senza santi in paradiso (2013), e nel film romantico Lei (2013). Per la sua performance in Carol (2014) si è aggiudicata il Prix d'interprétation féminine al Festival di Cannes, ricevendo la sua seconda candidatura ai Golden Globe e agli Oscar nella sezione miglior attrice non protagonista.

È anche nota per il suo lavoro di beneficenza e sovrintende alla carità Uweza Foundation, che sostiene i programmi di empowerment per bambini e famiglie nella baraccopoli di Kibera, a Nairobi, in Kenya, una delle più grandi baraccopoli in Africa.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Nata a Bedford, nello stato di New York, è la figlia di Timothy Christopher Mara, statunitense di origini italiane, vice presidente dei New York Giants, e dell'agente immobiliare Kathleen McNulty, statunitense di origini irlandesi. Ha due fratelli, Daniel e Conor, è la sorella minore dell'attrice Kate Mara[1] e la nipote di Wellington Mara.

Nel 2003 si diploma alla Fox Lane High School, prima di intraprendere un viaggio studio in Sud America, dove trascorre quattro mesi visitando Ecuador, Perù e Bolivia. Dopo aver frequentato per un anno la George Washington University, si trasferisce alla New York University's Gallatin School of Individualized Study, dove studia psicologia e politiche sociali internazionali e dove otterrà la laurea nel 2010. [2]

Carriera[modifica | modifica wikitesto]

Gli inizi ed il successo nel 2012[modifica | modifica wikitesto]

Rooney Mara decide di seguire le orme di sua sorella maggiore Kate sulla scia della sua passione per Via col vento[3] e debutta come attrice nel 2005, con un piccolo ruolo nel film horror Urban Legend 3. A questa esperienza seguono sino al 2009 numerose apparizioni a produzioni cinematografiche e televisive come Law & Order, Women's Murder Club e E.R. - Medici in prima linea.

Tra il 2009 e 2010 partecipa a diversi progetti: il primo è la commedia Youth in Revolt, ispirata all'omonimo romanzo di C.D. Payne[4][5], a fianco di Michael Cera. Recita poi in Nightmare, remake del regista Samuel Bayer di Nightmare - Dal profondo della notte del 1984[6] e in The Social Network, film del regista David Fincher sulla fondazione di Facebook[7]. Ottiene inoltre il ruolo di protagonista nella pellicola Tanner Hall, di Francesca Gregorini.

Nell'agosto del 2010 ottiene la parte di Lisbeth Salander nel riadattamento, ad opera di David Fincher, di Uomini che odiano le donne di Stieg Larsson[8][9]. Per interpretare la parte, l'attrice, oltre ad essersi tagliata i capelli e tinta le sopracciglia, ha innestato vari piercing, realizzando quattro fori in ciascun lobo dell'orecchio, nel sopracciglio, nella narice, nel labbro e nei capezzoli[10]. L'attrice ha dichiarato di aver deciso di sottoporsi alla pratica per poter entrare maggiormente nel personaggio di Lisbeth Salander, che nel libro indossa svariati piercing, pur non avendone mai avuto precedentemente nessuno.[11] Ha poi rimosso tutti i piercing una volta terminata la lavorazione del film, dichiarando di averne tenuto solamente uno.[12] Ha dichiarato che le riprese sono state lunghe e molto difficili, in quanto avvenute in Svezia e in pieno inverno, inoltre ha preso lezioni di informatica, lavorato sull'accento e praticato kick-boxing, oltre ad allenarsi due ora al giorno con la moto.[13] Su questo ruolo l'attrice ha dichiarato: «È stato facilissimo entrare, ma quasi impossibile uscirne. È stato eccitante calarmi nel suo look, ma alle scene di violenza non ero preparata».[14] Il film, uscito nel dicembre del 2011, ha avuto un buon successo incassando 232 milioni di dollari in tutto il mondo.[15] Per il ruolo di Lisbeth Salander, Rooney Mara è candidata all'Oscar 2012 come "Miglior Attrice Protagonista".[16]

Dal 2013 al 2015[modifica | modifica wikitesto]

Nel 2013 l'attrice prende parte alla lavorazione di tre film: Senza santi in paradiso[17], film indipendente di David Lowery insieme a Casey Affleck, narra la vicenda di una coppia di fuorilegge che, nell'America degli anni '70, compie una lunga serie di crimini per poi venire fermata dalle forze dell'ordine. L'uomo (Casey Affleck) viene arrestato prendendosi tutta la colpa e quando esce di prigione va alla ricerca di Ruth (Rooney Mara). Appare nel thriller Effetti collaterali di Steven Soderbergh, accanto ai colleghi Jude Law, Channing Tatum e Catherine Zeta-Jones[18], dove interpreta Emily, una giovane donna che si rivolge alla prescrizione di farmaci per gestire la sua ansia riguardo all'imminente rilascio del marito dal carcere; Lei del regista Spike Jonze, presentato al Roma Film Festival[19] dove recita con Joaquin Phoenix, Amy Adams, Olivia Wilde e la voce di Scarlett Johansson. Inoltre viene scelta come testimonial del nuovo profumo Downtown di Calvin Klein[20].

Rooney Mara, Todd Haynes e Cate Blanchett alla presentazione di Carol al Festival di Cannes, nel maggio 2015

Nel 2014 prende parte al thriller Trash, pellicola diretta dal regista Stephen Daldry, e tratta dall'omonimo romanzo di Andy Mulligan, la pellicola narra la storia di tre ragazzi di strada che trovano in una discarica una misteriosa chiave e una mappa che li portano in un avventuroso viaggio inseguiti dalla polizia.[21]. Il film è stato presentato in anteprima al Festival Internazionale del Film di Roma,[22] vincendo Premio BNL del pubblico al miglior film.[23]

Nel 2015 è coprotagonista, insieme a Cate Blanchett, del film Carol diretto da Todd Haynes e tratto dal romanzo The Price of Salt della scrittrice statunitense Patricia Highsmithche. Narra la storia di una donna sposata, alle prese con un difficile divorzio, che si innamora di una commessa di un grande magazzino.[24] La pellicola viene presentata in concorso alla 68esima edizione del Festival di Cannes,[25] facendo vincere all'attrice il Prix d'interprétation féminine come migliore attrice, ex aequo con l'attrice francese Emmanuelle Bercot.[26] Inoltre riceve la sua seconda candidatura ai premi Oscar come miglior attrice non protagonista.[27]

Sempre nel 2015 è nel cast del film Pan, la nuova versione live-action della fiaba del ragazzino in grado di volare e che si rifiutava di crescere, dove interpreta la nativa Tiger Lily.[28] Per la sua scelta in questo ruolo, che si è aggiudicata dopo essere stata in competizione con le candidature di Lupita Nyong'o e Adèle Exarchopoulos, ci furono delle proteste, con la raccolta di oltre 5000 firme indirizzate alla Warner Bros, in cui fu chiesto di abolire i casting di attori bianchi per personaggi non-bianchi, dichiarando: «La scelta di Mara è particolarmente diseducativa visto che si tratta di un film per i più giovani. In questo modo si dice ai bambini che i loro modelli di riferimento sono soltanto bianchi».[29][30] Il film, costato circa 150 milioni di dollari, fu un insuccesso incassando solo 128 milioni di dollari. Per questo ruolo riceve una candidatura ai Razzie Awards come peggior attrice non protagonista,[31] premio vinto dall'attrice Kaley Cuoco.

Dal 2016[modifica | modifica wikitesto]

Nell'ottobre 2016 presenta ben tre film al Roma Film Festival, tutti in concorso.[32] Il segreto, già presentato il mese prima al Toronto Film Festival, è un adattamento cinematografico dell'omonimo romanzo di Sebastian Barry. Inizialmente il ruolo doveva essere interpretato da Jessica Chastain, poi sostituita dall'attrice, insieme a lei nella pellicola Eric Bana e Vanessa Redgrave.[33] Il secondo film in concorso è Una, diretto da Benedict Andrews, è l'adattamento cinematografico dell'opera teatrale Blackbird, di David Harrower, e racconta la storia di una giovane donna che, dopo quindici anni incontra l’uomo che ha abusato di lei quando era solamente un'adolescente, in cerca di risposte dal suo passato.[34] Infine il film drammatico Lion - La strada verso casa, tratto dal libro autobiografico di Saroo Brierley, A Long Way Home, dove recita accanto a Nicole Kidman e Dev Patel,[35] anche quest'ultimo prima presentato al Toronto Film Festival.[36] La pellicola narra la storia di un bambino di 5 anni che smarritosi per le strade di Calcutta viene adottato da una coppia australiana, molti anni dopo il ragazzo decide di ritrovare la sua famiglia utilizzando Google Earth.[37]

Nel 2017 viene fotografata da Peter Lindbergh per il Calendario Pirelli, dove è una delle protagoniste insieme ad altre attrici di Hollywod come Uma Thurman e Kate Winslet.[38] Nel mese di gennaio presenta due film in anteprima mondiale al Sundance Film Festival, La scoperta, sci-fi romantico diretto da Charlie McDowell,[39][40] e A Ghost Story, pellicola diretta da David Lowery dove recita accanto a Casey Affleck.[41]

Nel mese di marzo è nelle sale cinematografiche americane con il film Song to Song,[42] diretto da Terrence Malick, dove è protagonista insieme agli attori Ryan Gosling, Natalie Portman e Michael Fassbender,[43] le cui riprese sono avvenute nel 2012. La pellicola, ambientata ad Austin in Texas, narra la storia di musicisti in cerca di successo e triangoli amorosi.

Vita privata[modifica | modifica wikitesto]

Rooney Mara si è trasferita a Los Angeles nel 2007, dove ha vissuto per qualche tempo insieme alla sorella. Dal 2010 al 2016 è stata legata sentimentalmente a Charlie McDowell, figlio degli attori Mary Steenburgen e Malcolm McDowell.[44] Dall'inizio del 2017 ha una relazione con l'attore Joaquin Phoenix.[45][46]

È bisnipote da parte di padre di Tim Mara, fondatore dei New York Giants e bisnipote da parte di madre di Art Rooney, fondatore dei Pittsburgh Steelers. Per questa ragione è appassionata di football americano e tifosa di entrambe le squadre[47].

Ha dichiarato di essere vegana.[48]

Impegno sociale[modifica | modifica wikitesto]

Rooney Mara è anche fondatrice di Faces of Kibera, fondazione benefica creata a favore degli orfani dei bassifondi di Kibera a Nairobi in Kenya[49]. Nel gennaio 2011 Faces of Kibera ha incorporato anche la Uweza Foundation, fondazione che gestisce alcuni programmi sociali tra cui campionati di calcio e dopo-scuola. Uweza è una parola swahili che significa "opportunità", "capacità" e "potere". Rooney Mara è il presidente del consiglio di amministrazione per la fondazione.

Filmografia[modifica | modifica wikitesto]

Attrice[modifica | modifica wikitesto]

Cinema[modifica | modifica wikitesto]

Televisione[modifica | modifica wikitesto]

Doppiatrice[modifica | modifica wikitesto]

Produttrice[modifica | modifica wikitesto]

Premi e candidature[modifica | modifica wikitesto]

Premi Oscar

Golden Globe

Premi BAFTA

Screen Actors Guild Awards

Critics' Choice Movie Award

Festival di Cannes

National Board of Review Awards

Satellite Awards

Independent Spirit Awards

AACTA Awards

Empire Awards

MTV Movie Awards

Razzie Awards

Altri premi[modifica | modifica wikitesto]

Doppiatrici italiane[modifica | modifica wikitesto]

  • Chiara Gioncardi in Tanner Hall - Storia di un'amicizia, The Social Network, Senza santi in paradiso, Lei, Pan - Viaggio sull'isola che non c'è, Carol, Lion - La strada verso casa, Il segreto, La scoperta, Song to Song
  • Alessia Amendola in Millennium - Uomini che odiano le donne, Effetti collaterali, Trash
  • Valentina Mari in Nightmare
  • Letizia Scifoni in Women's Murder Club

Da doppiatrice è sostituita da:

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Serico, Chris (December 1, 2009). "A Face of Caring". The Journal News. Retrieved on December 1, 2009.
  2. ^ (EN) rooney mara:the girl who chased the dragon, suntumes. URL consultato il 26 settembre 2015.
  3. ^ "Biografia, Filmografia, Premi e Foto di Rooney Mara". Amazing Cinema, Gennaio 17, 2015.
  4. ^ Perry, Byron (August 10, 2008). "Rooney Mara". Variety. Retrieved on November 11, 2008.
  5. ^ Goldstein, Gregg (June 23, 2008). "'Youth in Revolt' gathers troops". The Hollywood Reporter. Retrieved on June 25, 2008.
  6. ^ Set Report: A Nightmare in Elm Street 2010
  7. ^ Fischer, Russ (October 20, 2009). "Casting Notes: Selena Gomez in Teen Rom Com; The Social Network Gets New Kids; The Whistleblower Gets Proven Talent". /Film. Retrieved on October 20, 2009.
  8. ^ Rooney Mara: La ragazza con il Dragone è finalmente tra noi!, movieplayer.it. URL consultato il 17 agosto 2010.
  9. ^ Ufficiale: Rooney Mara è Lisbeth in Uomini che Odiano le Donne!, badtaste.it. URL consultato il 17 agosto 2010.
  10. ^ (EN) Rooney Mara On Shaving Her Head & Getting Real Piercings For ‘Dragon Tattoo' in Access Hollywood
  11. ^ (EN) Rooney Mara Talks Getting All Pierced Up For Dragon Tattoo su Perezhilton.com
  12. ^ Rooney Mara intervistata da Dave Letterman a The Late Show del 14 dicembre 2011
  13. ^ Rooney Mara Curiosità, movieplayer.it. URL consultato il 20 ottobre 2017.
  14. ^ Rooney Mara, da cerbiatta a bad girl:"Non riesco a liberarmi di Lisbeth", repubblica.it, 9 gennaio 2012. URL consultato il 23 ottobre 2017.
  15. ^ The Girl with the Dragon Tattoo (2011), su Box Office Mojo. URL consultato il 23 marzo 2012 (archiviato il 17 agosto 2012).
  16. ^ (EN) Before They Were Famous: Oscars nominees Michelle Williams, Rooney Mara and Viola Davis' first roles are unveiled, dailymail, 24 febbraio 2012. URL consultato il 17 ottobre 2015.
  17. ^ Ain’t Them Bodies Saints – Il trailer con Rooney Mara e Casey Affleck, blog.screenweek.it. URL consultato il 3 giugno 2013.
  18. ^ (EN) The Bitter Pill 2013, starseeker, 6 febbraio 2012. URL consultato il 26 settembre 2015.
  19. ^ Her a Roma 2013: ecco le foto di Joaquin Phoenix e Rooney Mara, movieplayer.it, 10 novembre 2013. URL consultato l'11 novembre 2013.
  20. ^ Rooney Mara testimonial del nuovo profumo Calvin Klein, guidone, 28 maggio 2013. URL consultato il 26 settembre 2015.
  21. ^ Trash, un trailer dal film con Rooney Mara e Martin Sheen, everyeye. URL consultato il 4 settembre 2014.
  22. ^ Festival di Roma, Rooney Mara sul red carpet per la prima di 'Trash', adnkrones, 18 ottobre 2014. URL consultato il 24 ottobre 2014.
  23. ^ Film festival di Roma, vincono «Trash» e «Fin qui tutto bene», ilsole24ore, 25 ottobre 2014. URL consultato il 28 ottobre 2014.
  24. ^ Cate Blanchet e Rooney Mara coppia lesbica in “Carol”, lezpop.it, 24 novembre 2014. URL consultato il 6 aprile 2015.
  25. ^ Carol, prime immagini dal film con Cate Blanchett e Rooney Mara, supergacinema.it. URL consultato il 21 aprile 2015.
  26. ^ Festival di Cannes, i vincitori, sorrisi.com, 24 maggio 2015. URL consultato il 25 maggio 2015.
  27. ^ Oscar 2016: tutte le nomination, glamour.it, 15 gennaio 2016. URL consultato il 20 gennaio 2016.
  28. ^ Da Garett Hedlund a Rooney Mara, ecco i poster del nuovo film su Peter Pan, blog.screenweek.it, 25 novembre 2014. URL consultato il 26 novembre 2014.
  29. ^ Peter Pan, se Tiger Lily è bianca scatta subito la protesta, ilmanifesto, 20 marzo 2014. URL consultato il 20 marzo 2015.
  30. ^ (EN) Online Petition Launched To Protest Rooney Mara's Casting In Pan, cinemablend, giugno 2014. URL consultato il 12 giugno 2015.
  31. ^ Le nomination ai 36esimi Razzie Awards: ecco i peggiori film dell’anno!, badtaste.it, 13 gennaio 2016. URL consultato il 19 maggio 2017.
  32. ^ Consigli per la Festa del Cinema di Roma, sorrisi.com, 12 ottobre 2016. URL consultato il 15 ottobre 2016.
  33. ^ #RomaFF11: Il Segreto è il nuovo film di Jim Sheridan con Rooney Mara, sentieriselvaggi.it, 10 ottobre 2016. URL consultato il 15 ottobre 2016.
  34. ^ Una: un adattamento coraggioso che fa faville sullo schermo, cineuropa.org, 12 ottobre 2016. URL consultato il 15 ottobre 2016.
  35. ^ Lion, il nuovo film drammatico con Nicole Kidman e Rooney Mara, mauxa, 4 agosto 2015. URL consultato il 10 agosto 2015.
  36. ^ LION: IL TRAILER DEL FILM CON DEV PATEL, NICOLE KIDMAN E ROONEY MARA, movieplayer.it, 25 agosto 2016. URL consultato il 15 ottobre 2016.
  37. ^ Lion – La Strada verso Casa: ecco il poster italiano del film con Rooney Mara e Dev Patel, badtaste.it, 30 ottobre 2016. URL consultato il 1 novembre 2016.
  38. ^ Calendario Pirelli, il backstage del “Cal 2017”. Lindbergh: «Vere e vestite, il nudo non serve più», corriere.it, 28 agosto 2016. URL consultato il 5 ottobre 2016.
  39. ^ NETFLIX DISTRIBUIRÀ THE DISCOVERY, CON ROONEY MARA E ROBERT REDFORD, movieplayer.it, 13 giugno 2016. URL consultato il accesso 10 dicembre 2016.
  40. ^ Sundance Film Festival Unveils 2017 Premieres, Midnight, Spotlight Sections, variety.com, 5 dicembre 2016. URL consultato il 10 dicembre 2016.
  41. ^ CASEY AFFLECK E ROONEY MARA NEL MISTERIOSO FILM DI DAVID LOWERY, blog.screenweek.it, 23 novembre 2016. URL consultato il 10 dicembre 2016.
  42. ^ «Song by Song»: il trailer del nuovo film con Ryan Gosling e Rooney Mara, sorrisi.com, 20 febbraio 2017. URL consultato il 22 marzo 2017.
  43. ^ Ryan Gosling snuggles up to Rooney Mara on the set of their new film, dailymail.co.uk.
  44. ^ Dekel, Jon (January 19, 2012). "Rooney Mara dating Charlie McDowell". The Vancouver Sun. Retrieved on February 11, 2012.
  45. ^ Joaquin Phoenix e Rooney Mara sempre più legati a Cannes, talkylife.it, 29 maggio 2017. URL consultato il 29 maggio 2017.
  46. ^ Rooney Mara e Joaquin Phoenix: la coppia è ufficiale, vogue.it, 30 maggio 2017. URL consultato l'11 giugno 2017.
  47. ^ (EN) Alan Robinson, Rooney-Mara relationship shaped Steelers, Giants and NFL, su TribLIVE.com. URL consultato il 1º aprile 2017.
  48. ^ (EN) Celebrity vegans and the veganism facts you need, msn.com.
  49. ^ Martin, Michael. "Rooney Mara". Interview. Retrieved on June 25, 2009.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: (EN107450806 · ISNI: (EN0000 0000 7711 6782 · LCCN: (ENno2010029303 · GND: (DE143836838 · BNF: (FRcb16676141s (data)