Ronny Jordan

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Ronny Jordan
NazionalitàRegno Unito Regno Unito
GenereJazz
Acid jazz
Smooth jazz
Periodo di attività musicale1992 – 2014
Strumentochitarra
EtichettaBlue Note, Island
Sito ufficiale

Ronny Jordan, pseudonimo di Ronald Laurence Albert Simpson (Londra, 29 novembre 196213 gennaio 2014[1]), è stato un chitarrista e compositore britannico, noto principalmente nell'ambito dell'acid jazz e dello smooth jazz. Il suo singolo After Hours, dall'album The Antidote del 1992, ha avuto un notevole impatto nell'ambito dello smooth jazz[2].

La chitarra Gibson ES-175, la preferita di Ronny Jordan[3]

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Nel 1992 la sua versione di So What di Miles Davis, contenuta anch'essa nell'album The Antidote, ha riscosso un grande successo di pubblico e critica, così come le sue due registrazioni per la Blue Note: A Brighter Day nel 1999 e Off The Record nel 2001.[4]

Ha realizzato diversi lavori come leader e nel 1993 ha partecipato come guest all'album del rapper Guru "Jazzmatazz, Vol.1".[1]

Ronny Jordan ha vinto il premio indetto dalla Gibson Guitar Corporation come Best Jazz Guitarist,[2] nel 2000 ha ricevuto una nomination ai Grammy per l'album A Brighter Day[5] e nello stesso anno ha vinto il Premio Mobo come miglore artista jazz dell'anno.[2] È stato tra i primi jazzisti ad aver attraversato con successo il genere hip hop ed è entrato più volte nelle classifiche pop statunitensi e britanniche.[2] Jordan definiva la sua musica "Urban jazz", un insieme stilistico comprendente jazz, hip-hop, smooth jazz e R&B.[6]

Il suono pulito e molto espressivo ne ha fatto uno dei migliori interpreti di jazz; George Benson ha dichiarato che Jordan è il suo musicista preferito quando, durante un concerto è salito sul palco esibendosi con la propria voce mentre Jordan gli aveva offerto la propria chitarra.[senza fonte]

È morto a Londra il 13 gennaio 2014 all'età di 51 anni. Rimarrà una delle figure più rappresentative della chitarra jazz (anche nelle sue forme più varie e di tendenza come l'acid jazz), insieme a Grant Green, Wes Montgomery e George Benson.[4]

«Ronny Jordan: A Pioneer of Acid Jazz, a Staple of Smooth Jazz»

(All About Jazz[2])

Discografia[modifica | modifica wikitesto]

Album[modifica | modifica wikitesto]

  • 1992 – The Antidote
  • 1993 – The Quite Revolution
  • 1996 – Light to Dark
  • 2000 – A Brighter Day
  • 2001 – Off The Record
  • 2003 – At Last
  • 2004 – After 8
  • 2009 – The Rough and the Smooth
  • 2012 – Straight-Up Street

Singoli[modifica | modifica wikitesto]

  • 1992 – So What / Cool and Funky
  • 1992 – After Hours (The Antidote) / Nite Spice
  • 1993 – Under Your Spell / In Full Swing
  • 1993 – The Jackal (12")
  • 1994 – Tinsel Town / My Favourite Things
  • 1994 – Come With Me / S**t Goes Down
  • 1996 – The Law EP
  • 1996 – It's You (promo estratto da Light to Dark)
  • 2000 – A Brighter Day
  • 2001 – London Lowdown (promo estratto da A Brighter Day)

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Ronny Jordan, 1962-2014 (en) Mojomusic.com
  2. ^ a b c d e (EN) Alan Bryson, A fan told me the other day, 'Ronny your music is timeless.', su allaboutjazz.com, All About Jazz, 16 novembre 2017. URL consultato il 17 agosto 2021.
  3. ^ (EN) What strings do you use, Ronny Jordan?, su musicradar.com, Musicradar, 1º aprile 2011. URL consultato il 17 agosto 2021.
  4. ^ a b (FR) Mort du guitariste acid-jazz Ronny Jordan, su francemusique.fr, France Musique, 16 gennaio 2014. URL consultato il 17 agosto 2021.
  5. ^ (EN) Ronny Jordan - Best Contemporary Jazz Album A Brighter Day, su grammy.com, Recording Academy GRAMMY AWARDS, 2000. URL consultato il 17 agosto 2021.
  6. ^ (EN) Island's Ronny Jordan Sheds Some 'Light' on His Acid Jazz, su Billboard at Google Books, 29 giugno 1996, p. 20. URL consultato il 17 agosto 2021.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN85846558 · ISNI (EN0000 0001 1681 6205 · Europeana agent/base/83222 · LCCN (ENno98028322 · GND (DE13474814X · BNE (ESXX4936364 (data) · BNF (FRcb13966289z (data) · WorldCat Identities (ENlccn-no98028322