Ronal Barbaren

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Ronal Barbaren
Ronal Barbaren.jpg
Una scena del film
Lingua originaledanese
Paese di produzioneDanimarca
Anno2011
Durata69 min
Rapporto2,35:1
Genereanimazione, avventura, commedia, fantastico
RegiaThorbjørn Christoffersen, Philip Einstein Lipski, Kresten Vestbjerg Andersen
SoggettoThorbjørn Christoffersen, Philip Einstein Lipski, Kresten Vestbjerg Andersen
SceneggiaturaThorbjørn Christoffersen
ProduttoreTrine Heidegaard
Produttore esecutivoTrine Heidegaard, Jan Duckert, Henrik Juul, Bjarne Spellerberg Orfelt
Casa di produzioneDet Danske Filminstitut, Einstein Film, Nordisk Film, TV2 Danmark
MontaggioPer Risager
MusicheNicklas Schmidt
ScenografiaKresten Vestbjerg Andersen
StoryboardThorbjørn Christoffersen, Christian Kuntz, Anders Huulgaard, Kim Hagen
Character designKresten Vestbjerg Andersen, Anders Brogaard Jepsen
AnimatoriRasmus Nyhus Hansen, Andreas Normand Grøntved, Stine Sørensen, Jamie Holmes, Mads Buch, Jonas Doctor, Anders Brogaard Jepsen, Thorbjørn Christoffersen
Doppiatori originali

Ronal Barbaren è un film del 2011 diretto da Thorbjørn Christoffersen, Philip Einstein Lipski e Kresten Vestbjerg Andersen.

Trama[modifica | modifica wikitesto]

In principio, sulla terra regnava l'Oscurità, da cui ebbe origine il demone Zaal, oppressore dell'umanità. Solo Crane, il più forte di tutti gli eroi, fu in grado di sconfiggerlo grazie all'invincibile Spada degli Dei, ma a costo della sua vita. Cento guerrieri bevvero per sette giorni e sette notti il sangue sgorgato dal corpo di Crane, acquisendone la forza: così nacquero i Barbari, figli di Crane.

Migliaia di anni dopo, i Barbari sono ormai noti come il popolo più forte e impavido del mondo. Ronal è l'unico che disattende queste aspettative, con grande disappunto di suo zio Gundar, riuscendo tuttavia a compensare queste mancanze con l'intelligenza. Una sera Ronal, mentre i Barbari stanno festeggiando con una compagnia itinerante, si allontana per evitare le solite prese in giro, e nota un esercito, guidato da Volcazar, che sta per attaccare il villaggio; purtroppo, non ha abbastanza fiato per soffiare nel corno, così i Barbari vengono colti di sorpresa e catturati, tranne Gundar che viene ucciso da Volcazar. Ronal e Alibert, un bardo della compagnia itinerante, sono gli unici a salvarsi.

I due si recano da un oracolo che svela loro che l'unico modo per sconfiggere Volcazar è trafiggere la sua armatura con la Spada degli Dei, usata da Crane per sconfiggere Zaal; essa deve però essere brandita da un guerriero senza paura. Nel frattempo, Volcazar intende far risorgere Zaal sacrificando i Barbari catturati, scoprendo tuttavia che non può farlo perché ne manca uno. Ronal e Alibert si mettono in cammino verso Elfland, il regno degli elfi, per trovare una biblioteca ricchissima, sperando di trovare nel Libro della Saggezza le indicazioni necessarie sul luogo dove Crane è sepolto con la Spada degli Dei. Durante il percorso, i due si imbattono nella giovane skjaldmær Zandra, inizialmente molto ostile; Alibert, notando la forza bruta di Zandra, suggerisce a Ronal che potrebbe essere lei il guerriero senza paura di cui parlava l'oracolo. Zandra accetta di aiutarli a salvare i Barbari.

I tre giungono ad una taverna dove incontrano Elric, un elfo metrosessuale che accetta di accompagnarli a Elfland. Dopo essere sfuggiti da alcuni seguaci di Volcazar, Elric li conduce presso un pericoloso passaggio di pietra; tuttavia Ronal insiste nell'aggirarlo, facendo scattare una trappola da cui riescono a tirarsi fuori appena in tempo. Giunti alla biblioteca, Ronal vi si intrufola bevendo una pozione dell'invisibilità; con molta fatica, riesce a recuperare il Libro della Saggezza.

Quella notte, Zandra racconta a Ronal del fatto che le guerriere come lei possono sposare solo uomini che riescono a sconfiggerle in duello; dato che nessuno l'ha mai sconfitta, venne allontanata dalle altre guerriere affinché trovasse un uomo in grado di farlo, e Zandra spera di trovarne uno tra i Barbari. Ronal la consola, ma Zandra viene improvvisamente catturata dai soldati di Volcazar mentre Ronal e Alibert vengono accidentalmente catturati da un gruppo di Amazzoni le quali, non avendo visto prima d'ora degli uomini, decidono di sfogare su di loro i propri appetiti sessuali. Contemporaneamente, Zandra viene portata al cospetto di Volcazar, il quale la sconfigge in duello, costringendola ad obbedirgli. Ronal riesce a fuggire dalle Amazzoni lasciando solo Alibert, il quale preferisce aspettare con trepidazione il suo “turno”. Tuttavia, la coscienza ha la meglio su di lui, così scappa inseguito dalle Amazzoni e si rifugia in un albero cavo dove trova Elric, il quale ha già subito le voglie delle Amazzoni.

Seguendo le indicazioni del libro recuperato, Ronal trova il mausoleo di Crane e recupera la Spada degli Dei. Poco dopo arriva Zandra, ma la felicità di Ronal svanisce quando compare anche Volcazar, al quale è costretto a consegnare la Spada, e da cui viene catturato. Volcazar può infine organizzare i preparativi per resuscitare Zaal e fondersi con lui, così da dominare il mondo intero. Alibert ed Elric riescono ad entrare nella fortezza di Volcazar, recuperare la spada di Crane e consegnarla a Ronal il quale, seppur accidentalmente, riesce a liberare dalle catene i Barbari, i quali ingaggiano immediatamente una lotta contro l'esercito di Volcazar. Nonostante il caos, Volcazar riesce a completare il rito e a fondersi con Zaal, venendo comunque sconfitto da Ronal, che lo pugnala nello stesso punto debole individuato a suo tempo da Crane. I Barbari si apprestano a rendere i dovuti omaggi a Ronal, credendolo morto, ma questi si risveglia all'improvviso, essendo semplicemente rimasto incosciente. Zandra confessa a Ronal i sentimenti che prova per lui, apertamente ricambiati.

Tutti quanti tornano al villaggio dei Barbari (compresi Zandra, Alibert ed Elric), dove tengono dei festeggiamenti in onore di Ronal e di suo zio Gundar, al quale tributano una statua.

Produzione[modifica | modifica wikitesto]

Il film è una parodia degli stereotipi del genere sword & sorcery, dei giochi di ruolo, di personaggi come Conan il barbaro e dei barbari presenti nel gioco Dungeons & Dragons, con alcuni cenni al fantasy degli anni '80 e alla sua associazione con l'heavy metal.[1].

Per aumentare il potenziale di vendita internazionale del film, venne realizzato parallelamente un doppiaggio in lingua inglese nel quale diversi termini scurrili furono leggermente riadattati affinché il film, ricco di umorismo politicamente scorretto e allusioni sessuali, risultasse più appetibile per il pubblico statunitense, poiché più "sensibile" rispetto a quello europeo.[1]

Doppiatori della versione inglese[modifica | modifica wikitesto]

Colonna sonora[modifica | modifica wikitesto]

  1. Barbarian RhapsodyTrond Clementsen & Mads Storm – 4:28
  2. Legend of KronThe City of Prague Philharmonic Orchestra & Nicklas Schmidt – 1:59
  3. Barbarian Theme – The City of Prague Philharmonic Orchestra & Nicklas Schmidt – 1:47
  4. King of the Volcano – The City of Prague Philharmonic Orchestra & Nicklas Schmidt – 1:40
  5. Realm of the Elves – The City of Prague Philharmonic Orchestra & Nicklas Schmidt – 2:53
  6. Amazones – Nicklas Schmidt – 2:37
  7. A Quest is Born – The City of Prague Philharmonic Orchestra & Nicklas Schmidt – 3:06
  8. False Alarm – The City of Prague Philharmonic Orchestra & Nicklas Schmidt – 1:57
  9. Zandra's Tale – The City of Prague Philharmonic Orchestra & Nicklas Schmidt – 2:40
  10. Battle for Destiny – The City of Prague Philharmonic Orchestra & Nicklas Schmidt – 2:55
  11. The Nutcracking Job – The City of Prague Philharmonic Orchestra & Nicklas Schmidt – 4:03
  12. Village Attack – The City of Prague Philharmonic Orchestra & Nicklas Schmidt – 3:46
  13. A Nearby Town – The City of Prague Philharmonic Orchestra & Nicklas Schmidt – 1:42
  14. Evil Preparations – The City of Prague Philharmonic Orchestra & Nicklas Schmidt – 5:15
  15. The Hall of Kron – The City of Prague Philharmonic Orchestra & Nicklas Schmidt – 4:19
  16. A Foul Voice in the Wind – The City of Prague Philharmonic Orchestra & Nicklas Schmidt – 1:43
  17. Volcazar the Triumphant – The City of Prague Philharmonic Orchestra & Nicklas Schmidt – 4:15
  18. This One is for my Uncle – The City of Prague Philharmonic Orchestra & Nicklas Schmidt – 1:30
  19. The Greatest Barbarian – The City of Prague Philharmonic Orchestra & Nicklas Schmidt – 2:21
  20. Medieval TechnoFredrik Bock & Pernille Petersen – 1:57

Fonte[2]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b (EN) Annemarie Hørsman, Ronal challenges the market, su dfi.dk, 12 novembre 2010. URL consultato il 13 marzo 2018.
  2. ^ Ronal the Barbarian Original Soundtrack itunes.apple.com

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]