Ron Arad (designer)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Ron Arad alla Biennale di Venezia del 2004.

Ron Arad (in ebraico: רון ארד?; Tel Aviv, 24 aprile 1951) è un designer e artista israeliano.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Studiò alla Jerusalem Academy of Art dal 1971 al 1973, continuando gli studi all'Architectural Association di Londra. Nel 1981 fondò uno studio di design con il nome di One Off e in seguito quello di architettura e design Ron Arad Associates. Per One Off produce nel 1989 la little heavy chair, considerata una icona del design[1]

Ha progettato vari oggetti per Kartell, tra cui la libreria Bookworm (1997) e la sedia FPE e per Bonaldo, tra cui RON-ALDODOWN vincitore del premio iF Design Award 2003. È stato capo del dipartimento prodotti di design al Royal College of Art di Londra dal 1997 al 2009. Nel 2008 la progettazione del Museo del Bauhaus di Tel Aviv.

Ha disegnato assieme a Bruno Asa il Design Museum Holon che ha aperto nel 2010 a Holon (Israele)[2].

Nel 2014 ha personalizzato la Fiat 500 che è stata presentata con il nome di 500 Ron Arad Edition ed è stata messa in produzione in serie limitata da novembre dello stesso anno[3][4].

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Imma Puzio, Vintage o contemporaneo?, in Casa Facile, aprile 2012, p. 177.
  2. ^ Welcome to Design Museum Holon, Design Museum Holon, 2010. URL consultato il 17 settembre 2011.
  3. ^ Fiat 500 Couture: arriva la Ron Arad Edition
  4. ^ Fiat 500 Couture: arriva la Ron Arad Edition

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

  • (EN) Ron Arad Associates, ronaradweb.squarespace.com.
  • Ron Arad, in Treccani.it – Enciclopedie on line, Istituto dell'Enciclopedia Italiana, 15 marzo 2011. URL consultato il 12 marzo 2017.
  • Ron Arad, in Enciclopedia Italiana, Istituto dell'Enciclopedia Italiana, 2000. URL consultato il 12 marzo 2017.
  • Ron Arad, in Lessico del XXI secolo, Istituto dell'Enciclopedia Italiana, 2012. URL consultato il 12 marzo 2017.
Controllo di autorità VIAF: (EN96365202 · ISNI: (EN0000 0000 8402 7059 · SBN: IT\ICCU\MILV\201011 · LCCN: (ENn91049551 · GND: (DE11567411X · BNF: (FRcb13187867k (data) · ULAN: (EN500093363