Se riscontri problemi nella visualizzazione dei caratteri, clicca qui

Romeo × Juliet

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Romeo × Juliet
ロミオ×ジュリエット
(Romio×Jurietto)
Romeo × Juliet Volume 2.jpg
Copertina del secondo volume dell'edizione italiana, raffigurante Romeo e Giulietta
Genere sentimentale, fantasy, azione
Manga
Testi Reiko Yoshida
Disegni Hiroki Harada
Editore Kadokawa Shoten
Rivista Asuka
Target shōjo
1ª edizione 24 marzo 2007 – 2009
Tankōbon 2 (completa)
Editore it. Edizioni BD - J-Pop
1ª edizione it. 31 ottobre – 21 novembre 2010
Periodicità it. mensile
Volumi it. 2 (completa)
Serie TV anime
Autore Reiko Yoshida
Regia Fumitoshi Oizaki
Produttore Touyou Ikeda
Soggetto Reiko Yoshida
Char. design Hiroki Harada
Dir. artistica Masami Saito
Musiche Hitoshi Sakimoto
Studio Gonzo
Rete Chubu-Nippon Broadcasting, Tokyo Broadcasting System
1ª TV 4 aprile – 26 settembre 2007
Episodi 24 (completa)
Aspect ratio 16:9
Durata ep. 24 min
Distributore it. Yamato Video (DVD)
Rete it. RaiSat Smash Girls, Rai 4
1ª TV it. 6 aprile – 31 luglio 2009
Episodi it. 24 (completa)
Durata ep. it. 24 min
Dialoghi it. Alessandro Trombetta
Studio dopp. it. Raflesia
Dir. dopp. it. Aldo Stella

Romeo × Juliet (ロミオ×ジュリエット Romio×Jurietto?) è un anime televisivo basato sulla tragedia di William Shakespeare Romeo e Giulietta, della quale contiene numerose citazioni, con un cameo dello stesso autore. Nella serie sono presenti anche citazioni di altre opere del grande autore inglese. In Giappone la serie è stata trasmessa dall'aprile 2007 per 24 settimane sul canale Chubu-Nippon Broadcasting, e successivamente su Tokyo Broadcasting System, Kyoto Broadcasting System e SUN-TV.

L'anime in prima visione per l'Italia, col sottotitolo Romeo e Giulietta al di sotto del titolo originale, è andato in onda dal 6 aprile 2009 su RaiSat Smash Girls (canale 610 Sky)[1] fino alla chiusura del canale. Rai Gulp, Rai 4 e Man-ga hanno trasmesso le repliche di tutte le puntate nel 2010.

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Nel continente aereo di Neo Verona, Leonte Montecchi si impossessa del potere sulla città sterminando l'intera casata regnante dei Capuleti; l'unica che sopravvive alla strage è Giulietta, una bambina di soli due anni. Cresciuta costretta a celare la propria identità, l'adolescente Giulietta combatte le angherie della tirannia di Montecchi sotto le spoglie del Turbine Rosso. Un giorno si imbatte in Romeo, figlio di Montecchi, del quale si innamora ricambiata. La loro storia d'amore è però ostacolata dai piani di rivoluzione dei Capuleti e dai tentativi di repressione di Montecchi, intenzionato a uccidere Giulietta.

Personaggi[modifica | modifica wikitesto]

Giulietta e Romeo nell'anime

Protagonisti[modifica | modifica wikitesto]

Giulietta Fiammata Astro Capuleti (ジュリエット·ブレイズ·アストロ·キャピュレット Jurietto·Bureizu·Asutoro·Kyapyuretto?)
Doppiata da: Fumie Mizusawa (originale) e Marcella Silvetri (italiano).[2]

È la protagonista della storia. All'età di due anni vede l'intera famiglia dei Capuleti morire per mano di Leonte Montecchi e ne diviene l'unica sopravvissuta. Crescendo è costretta a mascherarsi da ragazzo per salvaguardare la propria incolumità. Assume l'identità dell'eroe Turbine Rosso per proteggere il popolo di Neo Verona contro i soprusi dei soldati del Gran Duca. Al Ballo della Rosa incontra Romeo, figlio di Montecchi, di cui si innamora. Nonostante gli ostacoli, guida con successo una rivoluzione contro Montecchi. Si sacrifica per salvare il mondo dopo aver scoperto di essere una Talea.

Romeo Candore Montecchi (ロミオ·キャンドール·モンタギュー Romio·Kyandōru·Montagyū?)
Doppiato da: Takahiro Mizushima (originale) e Massimo di Benedetto (italiano).[2]

È il coprotagonista della storia ed è figlio dell'assassino della casata dei Capuleti. Buono e altruista, è al corrente delle ingiustizie che suo padre infligge al popolo, sebbene non abbia il potere di contraddirlo. Con l'accrescere della tirannia su Neo Verona e incoraggiato dal suo amore per Giulietta, decide di scappare con lei. Viene catturato dal Gran Duca ed esiliato a lavorare nelle miniere di Gradisca. Dopo che esse crollano, fonda un villaggio per tutti i minatori senza casa. Viene ucciso da Ofelia nel tentativo di proteggere Giulietta e impedirle di sacrificarsi.

Montecchi[modifica | modifica wikitesto]

Leonte Bando Montecchi (レオンテ·バンドー·モンタギュー Reonte·Bandō·Montagyū?)
Doppiato da: Kōji Ishii (originale) e Massimiliano Lotti (italiano).[2]

È il padre di Romeo. Nato da una prostituta e un membro della famiglia Capuleti, alla morte della madre si fa adottare dai Montecchi e ne diviene il capofamiglia con l'obiettivo di sterminare i Capuleti e vendicarsi delle sofferenze subite. Riesce nel suo intento e si impossessa di Neo Verona, governandola con il pugno di ferro. È spietato e crudele e non esita a uccidere chi lo ostacola. Severo con suo figlio, da lui ritenuto troppo debole e tenero, prima ne pianifica il matrimonio con Ermione, poi, quando Romeo gli disobbedisce, lo esilia. Uccide Tito e adotta suo figlio Mercuzio. Il giorno della riuscita della rivoluzione dei Capuleti, muore per mano di Mercuzio.

Porzia de Clemenzia Ebe

Doppiata da: Aya Hisakawa (originale).[2]

È la madre di Romeo, moglie del Gran Duca Montecchi. Vive in un convento per evitare di associarsi con le ambizioni sanguinose del marito. Premurosa e comprensiva con il figlio, gli dona Cielo in regalo quando compie sette anni.

Mercuzio Marchege (マーキューシオ Mākyūshio?)
Doppiato da: Tetsuya Kakihara (originale) e Paolo De Santis (italiano).[2]

È cugino di Romeo e nipote di Montecchi. Si vergogna del padre ubriacone e scansafatiche e ammira per tale ragione il Gran Duca, il quale gli affida il compito di spiare e controllare le mosse di Romeo. Quando Montecchi lo nomina come proprio erede e uccide suo padre davanti ai suoi occhi, Mercuzio comincia man mano a impazzire e alla fine lo pugnala, assassinandolo.

Benvolio di Frescobaldi (ベンヴオリヴ·デ·フレスコバルディ Benvorio·de·Furesukobarudi?)
Doppiato da: Shinosuke Tachibana (originale) e Renato Novara (italiano).[2]

È il migliore amico di Romeo e figlio di Vittorio di Frescobaldi, una delle famiglie nobili più importanti di Neo Verona. Quando il Podestà di Frescobaldi obietta alle parole di Montecchi, egli toglie il titolo nobiliare alla sua famiglia e li spedisce in esilio con l'intenzione di ucciderli inscenando un'imboscata. Grazie all'aiuto di Giulietta e degli altri, i Di Frescobaldi si salvano e vivono nascosti sotto la protezione dei Capuleti. In seguito Benvolio si innamora di Cordelia, che sposa e da cui ha un figlio.

Ermione Borromeo (ハーマイオニー·ボロメオ Hāmaionī·Boromeo?)
Doppiata da: Sayaka Ohara (originale) e Debora Magnaghi (italiano).[2]

È figlia della famiglia aristocratica Borromeo e promessa sposa di Romeo. Prova per Romeo sentimenti che però non sono ricambiati, cosa che la spinge a odiare Giulietta, credendola una falsa e un'approfittatrice; parlandole, però, si chiarisce con lei e smette di ostacolare la sua relazione con Romeo.

Capuleti[modifica | modifica wikitesto]

Gran Duca Capuleti

Doppiato da: Satoshi Taki (originale).[2]

È il padre di Giulietta e il signore di Neo Verona, prima di essere ucciso per mano di Leonte. Viene ricordato come un sovrano giusto e saggio.

Corrado (コラード Korādo?)
Doppiato da: Katsuhisa Houki (originale) ed Enrico Maggi (italiano).[2]

È il nonno di Antonio e uno dei soldati fedeli ai Capuleti che salva la vita a Giulietta durante la strage della famiglia da parte di Leonte Montecchi. È saggio, leale ai Capuleti e determinato a restituire il potere alla famiglia che serve.

Cordelia (コーデリア Kōderia?)
Doppiata da: Miyu Matsuki (originale) e Alessandra Karpoff (italiano).[2]

È l'amica d'infanzia e la custode di Giulietta, di cui si prende cura comportandosi come una sorella maggiore. Si innamora di Benvolio e successivamente lo sposa.

Francesco (フランチェスコ Furanchesuko?)
Doppiato da: Hirofumi Nojima (originale) e Ruggero Andreozzi (italiano).[2]

Popolare tra le donne, è segretamente innamorato di Giulietta, pur sostenendo la sua relazione con Romeo. È molto amico di Curio, che prende spesso in giro. Abile con le frecce, astuto, intelligente e calcolatore, in seguito alla rivoluzione e al sacrificio di Giulietta diventa membro del Parlamento.

Curio (キュリウム Kyuriumu?)
Doppiato da: Kousuke Toriumi (originale) e Maurizio Merluzzo (italiano).[2]

Alleato di Giulietta, è anche lui segretamente innamorato di lei. In apparenza scontroso, burbero e silenzioso, ha in realtà un cuore tenero. Si procura una cicatrice all'occhio proteggendo Giulietta da una delle guardie di Montecchi e spingendola così a diventare il Turbine Rosso. In seguito alla rivoluzione, conduce una vita semplice e diventa proprietario di una bancarella della frutta.

Antonio (アントニオ Antonio?)
Doppiato da: Riō Hirohashi (originale) e Patrizia Mottola (italiano).[2]

È il nipote di Corrado e aiuta Giulietta nel suo ruolo di Turbine Rosso e di capo della rivoluzione.

Tebaldo Volumnia Capuleti (ティボルト Tiboruto?)
Doppiato da: Ryōtarō Okiayu (originale) e Simone D'Andrea (italiano).[2]

È il fratellastro maggiore di Romeo e il figlio di una relazione illecita tra Montecchi e Volumnia Capuleti, la quale muore dopo il parto; viene di conseguenza affidato alle cure di Camillo, servitore dei Capuleti, da cui Tebaldo scappa all'età di quindici anni. Nutre rancore verso il padre, di cui si vuole vendicare, sebbene alla fine non ci riesca. Inizialmente freddo, distaccato e senza scrupoli, guidato solo dall'odio e dalla sete di vendetta, in seguito alla rivoluzione adempie alla promessa di Romeo e si occupa di Cielo.

Altri personaggi[modifica | modifica wikitesto]

Ofelia (オフェリア Oferia?)
Doppiata da: Junko Iwao (originale).[2]

È la protettrice dello Scaligero. Ha un aspetto etereo e non è del tutto umana. Quando tenta di convincere Giulietta a sacrificarsi per salvare il mondo, Romeo glielo impedisce e i due si uccidono a vicenda.

William Farnese (ウィリアム·ファルネーゼ Wiriamu· Farunēze?)
Doppiato da: Kazuhiko Inōe (originale).[2]

Parodia di William Shakespeare, è un bizzarro autore di opere teatrali senza successo ed è alla continua ricerca d'ispirazione. Viene soprannominato "Willy" dai suoi attori e da Giulietta e gli altri Capuleti, che lui nasconde in casa sua, forte della protezione che gli garantisce il suo titolo nobiliare di Farnese.

Emilia (エミリア Emiria?)
Doppiata da: Ayako Kawasumi (originale) e Jolanda Granato (italiano)[2]

È un'attrice che recita nelle opere teatrali di William. Infatuata di Odin, l'identità maschile di Giulietta, scopre solo molto tardi la sua vera identità di Giulietta.

Lancillotto (ランスロット Ransurotto?)
Doppiato da: Keiji Fujiwara (originale).[2]

È un medico di Neo Verona con una moglie e due figli che è contro la tirannia di Montecchi e cura le ferite di Giulietta sotto i panni del Turbine Rosso. Quando le guardie di Montecchi tendono una trappola per catturare il Turbine Rosso, Lancillotto si finge l'eroe mascherato e si dà fuoco davanti agli occhi di tutti per porre fine alle persecuzioni dei soldati.

Petruccio (ペトルーキオ Petorūkio?)
Doppiato da: Akio Suyama (originale).[2]

È un debole giovane che lavora nelle miniere di Gradisca con la colpa di aver rubato del pane per i suoi fratellini affamati. Dopo che viene salvato da Romeo, lui e Romeo diventano amici. Muore di malattia e gli fa promettere di far fare ai suoi fratelli un giro sul suo cavallo-drago. Alla fine della serie, è Tebaldo che mantiene la sua promessa.

Giovanni (ジョヴァンニ Jyovanni?)
Doppiato da: Tōru Ōkawa (originale).[2]

È un minatore che aiuta Romeo durante il suo soggiorno presso le miniere di Gradisca. Ammira i sogni idealistici di Romeo e pertanto decide di seguirlo nel suo obiettivo di costruire un villaggio, di cui agisce come capo in assenza di Romeo.

Camillo (カミロ Kamiro?)
Doppiato da: Saito Jiro (originale).[2]

È un buon amico di Corrado, che tuttavia tradisce fornendo le informazioni riguardanti il nascondiglio dei Capuleti ai Monteccchi. Viene poi ritrovato tra Giulietta, Francesco e Curio a casa di Tebaldo, il quale da bambino è stato cresciuto dall'uomo. Dopo le minacce di Tebaldo, Camillo fugge dalla villa.

Nomi dei personaggi[modifica | modifica wikitesto]

I nomi di tutti i personaggi vengono da svariate opere del Bardo:

Terminologia[modifica | modifica wikitesto]

  • Cavallo-Drago (竜馬 Ryūba?): cavalli alati con la coda da drago, simili a Pegasi. Sono in grado di volare e trasportare sulla loro groppa coloro che li cavalcano. Possono essere guidati tramite redini. Oltre ad essere considerati mezzi di trasporto, sono considerati simbolo di un elevato status sociale.
  • Scaligero (大樹エスカラス Taiki Esukarasu?): un enorme albero magico che si trova in un luogo sotterraneo e che dona prosperità a Neo Verona. Secondo la sua custode, Ofelia, benedice e sostiene il popolo, ma in quanto è legato ai Capuleti, che da secoli sacrificano le loro fanciulle ad esso, dopo la presa del potere da parte di Montecchi è sempre più instabile.

Radio[modifica | modifica wikitesto]

La serie ha avuto anche una diffusione tramite internet intitolato Romejuli×Radio (ロミジュリ×レイディオ Romijuri×Reidio?), sul canale radio Cospa dal 13 aprile 2007. Grazie alla voce della doppiatrice di Giulietta, Fumie Mizusawa, insieme alla doppiatrice di Cordelia, Miyu Matsuki.

Sigle[modifica | modifica wikitesto]

Sigla iniziale[modifica | modifica wikitesto]
Inori~You Raise Me Up~ (祈~You Raise Me Up~?)
Sigle finali[modifica | modifica wikitesto]
Cyclone (サイクロン?)
Good Bye, Yesterday

Episodi[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Lo stesso argomento in dettaglio: Episodi di Romeo x Juliet.

Edizione italiana[modifica | modifica wikitesto]

In Italia la serie è stata pubblicata in DVD dalla Yamato Video in due cofanetti da tre dischi, usciti nel 2010.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Romeo X Juliet su RaiSat Smash Girls dal 6 aprile, AnimeClick.it, 1º aprile 2009. URL consultato il 16 giugno 2017.
  2. ^ a b c d e f g h i j k l m n o p q r s t u Romeo x Juliet (ed. it)

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]