Romano Vaccarella

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

Romano Vaccarella (Roma, 2 agosto 1942) è un giurista italiano.

È stato eletto giudice della Corte Costituzionale il 24 aprile 2002 dal Parlamento italiano in seduta comune con 583 voti. Si è poi dimesso il 30 aprile 2007, in polemica col Governo Prodi II, sulla questione del referendum elettorale.[1]

Dopo aver insegnato in diverse università italiane, tra cui l'Università degli studi di Roma Tor Vergata, l'Università La Sapienza, e l'Università LUISS, attualmente è professore ordinario di diritto processuale civile presso l'Università La Sapienza di Roma. Insegna, inoltre, diritto processuale civile presso la LUISS Guido Carli.

È stato l'avvocato difensore di Silvio Berlusconi in numerosi processi civili. Attualmente difende la Fininvest nella vicenda che la contrappone alla CIR.

Onorificenze[modifica | modifica wikitesto]

Cavaliere di gran croce dell'Ordine al merito della Repubblica italiana - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere di gran croce dell'Ordine al merito della Repubblica italiana
«Giudice costituzionale. Di iniziativa del Presidente della Repubblica»
— 8 maggio 2002[2]

Note[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN24692162 · ISNI (EN0000 0000 2452 3624 · SBN IT\ICCU\CFIV\051474 · LCCN (ENn84057977 · BNF (FRcb124283605 (data) · WorldCat Identities (ENn84-057977