Roma TPL

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Roma TPL
Logo
StatoItalia Italia
Forma societariaSocietà consortile
Fondazione1990 a Roma
Sede principaleRoma
Persone chiaveAntonio Pompili (presidente)
SettoreTrasporto
Prodottitrasporto pubblico
Dipendenti2 000 (2015)

Roma TPL Scarl è una società consortile privata[1] che gestisce il 20% del trasporto pubblico di superficie a Roma.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Il consorzio, inizialmente Tevere TPL, è nato da alcune associazioni temporanee di imprese che hanno iniziato a operare nel TPL romano nel 2000 con il servizio messo a gara per le linee J del Giubileo. Queste società si sono poi aggiudicate la gestione dei lotti delle linee bus periferiche, da ultimo secondo la gara bandita del 2010 di Roma Capitale e prorogata nel 2018 fino al 1° gennaio 2020[2], con la quale esercisce 103 linee[3].

Roma TPL ha un capitale sociale di 30 milioni di euro e annovera tre soci paritetici al 33,3%:

  • Umbria Mobilità (gruppo regionale umbro di Trasporto Pubblico Locale)
  • COTRI (Consorzio fra Società di Trasporto Pubblico Locale)
  • VT Marozzi (società di trasporto pubblico del Gruppo Vinella)

La flotta[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Camera di Commercio - Fascicolo società di capitale - Roma TPL Scarl (PDF), su agenzia.roma.it. URL consultato il 13-7-2018.
  2. ^ Roma Tpl, è ufficiale: contratto prorogato fino al 1 gennaio 2020, in RomaToday. URL consultato il 12 luglio 2018.
  3. ^ (IT) Roma TPL - Elenco linee, in Roma TPL. URL consultato il 13-7-2018.
  4. ^ Odissea Quotidiana: #AutobusDiRoma, su Odissea Quotidiana. URL consultato il 12 luglio 2018.