Rolf Kanies

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Rolf Kanies

Rolf Kanies (Bielefeld, 21 dicembre 1957) è un attore di film e teatro tedesco.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Dopo gli studi alla Westfälische Schauspielschule Bochum e alla Universität der Künste (UdK) Berlin, iniziò la sua carriera nel 1981, sul palcoscenico dell'Hebbel-Theater di Berlino. Negli anni seguenti si esibì nei più importanti teatri di lingua tedesca in Germania, Austria e Svizzera. Nel 1989 partecipò al Garsington Opera Festival di Oxford, nel ruolo di Bassa Selim in Il ratto dal serraglio di Mozart, con allo stesso tempo il compito di insegnare tedesco agli altri cantanti di fama mondiale.

Rolf Kanies ha interpretato molti personaggi skakespeariani tra i più noti, come Amleto nella tragedia omonima Amleto, Romeo e Mercuzio in Romeo e Giulietta, Macbeth nella tragedia omonima Macbeth, Teseo e Oberon in Sogno di una notte di mezza estate, Sir Toby ne La dodicesima notte, Dromio di Efeso, servo di Antifolo, ne La commedia degli errori e Lucio in Misura per misura. Inoltre tra i suoi ruoli più importanti vi furono Fausto, Oreste (Iphigenia) e Biff Loman (Morte di un commesso viaggiatore).

È stato anche protagonista di numerosi musical.

Nel 1994 gli è stato conferito un premio al migliore attore teatrale della regione tedesca Renania Settentrionale-Vestfalia.

Nel 1997, dopo quasi 20 anni trascorsi sul palcoscenico, Rolf esordisce sul piccolo schermo nel film televisivo Dunkle Tage ("Giorni bui") di Margarethe von Trotta e nella serie tedesca Tatort ("Luogo del delitto"). Ma è con il ruolo da protagonista di Reginald. J. Priest nella serie canadese-americana Lexx (2000-2002) e di Adolf Hitler nella produzione USA Joe and Max (regia di Steve James, 2002) che sale agli onori della cronaca internazionale.

Negli ultimi 15 anni Rolf ha partecipato a innumerevoli fiction, film e serie televisive tedeschi.

I suoi ultimi e più importanti film cinematografici internazionali sono La caduta (2004), film storico sugli ultimi giorni di Hitler, candidato al premio Oscar come miglior film straniero, con la regia di Oliver Hirschbiegel, affermato regista tedesco che ha diretto numerosi episodi per la serie di successo Il commissario Rex (della quale anche Rolf faceva parte nel ruolo del Dottore Ballack), in cui interpreta il generale Hans Krebs, The Konclave (2005) di Christoph Schrewe, in cui interpreta cardinale Bessarione, Una donna a Berlino, uscito nel 2008, regia di Max Färberböck, che ha vinto nel 2009 il "Best International Feature Award" al Santa Barbara International Film Festival, in cui interpreta il veterano della seconda guerra mondiale Friedrich Hoch, La contessa di Julie Delpy (2009) nel ruolo del conte Krajevo, Blissestrasse di Paul Donovan (2009), nel ruolo di Anton.

Nel 2010 gira a Berlino e in Kenia per la televisione tedesca la fiction Familiengeheimnisse-Liebe, Schuld und Tod, (Secreti di Familia- Amore, Colpa e Morte), accanto a Hardy Krüger e Dennenesch Zoudé, per la regia di Carlo Rola.

Sul grande schermo fa la sua comparsa nel film Wunderkinder (Bambini Prodigi ; Regia: Marcus O. Rosenmüller) come colonnello Tapilin, capo dei servizi sovietici del NKVD.

Il 2011 lo vede impegnato in due produzioni della televisione tedesca ARD. Nel film TV Tre cuori in cucina, diretto da Thomas Nennstiel, interpreta il ruolo del protagonista affiancato da Thekla Carola Wied. Nel film storico Rommel (Regia: Niki Stein), invece è Eberhard Finckh, il colonnello, che aveva partecipato al attentato contro Hitler.

Nel 2012 si reca in Tunisia per interpretare Califfo, padre di Sherazade (Vanessa Hessler), nella produzione RAI Le Mille e una Notte-Aladino e Sherazade del regista Marco Pontecorvo. Terminate le riprese, inizia a lavorare il film semi documentario George, diretto dal regista Joachim Lang, che ripercorre la vita del`attore teatrale e cinematografico tedesco Heinrich George (1893-1946), interpretato da suo figlio Götz George, nel quale Rolf rappresenta Ernst Stahl-Nachbaur, un collega di Heinrich.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN279348684 · ISNI (EN0000 0003 8502 082X · LCCN (ENno2011182768 · GND (DE102788444X