Rolex Daytona

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Rolex Daytona ref.16528 in oro giallo, movimento automatico.
Rolex Daytona (Oro bianco 18k)

Il Rolex Cosmograph Daytona è un orologio con movimento meccanico a carica automatica, con funzioni di cronografo da polso e qualifica di cronometro ufficialmente certificato dal COSC.

Rolex #116520 Daytona (acciaio inossidabile)

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Precursore del modello Daytona introdotto nel 1961, la referenza 6238 occupa un posto importante nella nascita della linea Cosmograph, denominata "pre-Daytona". Il nome è dovuto al fatto che a quel tempo la Rolex sponsorizzava la 24 Ore di Daytona. Al tempo erano disponibili solo le versioni in acciaio e oro a 14 e 18 carati.[1] Di questa prima serie si distingue la referenza nota in quanto indossata da Paul Newman durante un suo film, caratterizzata dal presentare la fascia dei minuti e i quadratini cronografici nello stesso colore, in contrasto col resto del quadrante.

Prima serie[modifica | modifica wikitesto]

La serie originale, prodotta in piccole quantità dal 1963 circa alla fine degli anni '80, presenta un numero di referenza a quattro cifre e un movimento a carica manuale. Il movimento è essenziale per distinguere la serie originale da quelle successive, poiché queste due saranno a carica automatica.

La prima versione, ref. 6239 presentava pulsanti cronografici a pompa, pertanto non era dotato di cassa Oyster resistente all'acqua. La ref. 6240 introdusse quest'ultima nel Cosmograph Daytona nel 1965, ma i Daytona Oyster furono prodotti in parallelo con altri modelli che mantennero i pulsanti semplici fino al 1972. Vari modelli della serie originale possono anche essere distinti da diversi materiali della lunetta.

Il movimento usato nella serie originale è un movimento a carica manuale prodotto da Valjoux. Fu rielaborato da Rolex e rinominato come Calibro 722.

Le referenze 6263 e 6265 (prodotti dal 1970) sono dotate di cassa Oyster. Il movimento usato rimane basato sul calibro 72 a carica manuale Valjoux, ma con alcuni perfezionamenti, e fu chiamato Rolex Calibro 727.

Esteticamente, la serie originale ha i sottoquadranti in un unico colore che contrastante con il colore del quadrante principale, in contrasto con la ref. 6238, che mantiene uno schema monocolore. Tuttavia, sono note rare varianti, dette "albino" del Daytona in cui i colori del sottoquadrante corrispondono al quadrante principale. Un celebre Daytona "Albino" era di proprietà di Eric Clapton.

I primi quadranti detti esotici (in seguito chiamati quadranti "Paul Newman") furono introdotti nel 1965. Non a caso, di questa prima serie si distingue la referenza nota in quanto indossata da Paul Newman durante un suo film, caratterizzata dal presentare la fascia dei minuti e i quadrati cronografici nello stesso colore, in contrasto col resto del quadrante.

La parola "Daytona" è stata aggiunta sotto la firma "Rolex Cosmograph" ad ore 12 nel 1964, per poi spostarsi in una posizione sopra l'indice delle 6 nel 1967. L'orologio fu prodotto come Cosmograph, Oyster Cosmograph Daytona e Cosmograph Daytona, ininterrottamente fino al 1988.

Seconda serie[modifica | modifica wikitesto]

Nel 1988 avvennero due cambiamenti fondamentali per la Rolex e in particolare per il Daytona: in primo luogo cessò la produzione del modello a 14 carati, soppiantato da uno in acciaio ed oro; in secondo luogo vennero apportati a questo modello profondi cambiamenti tecnici che non ne alterarono però l'estetica.[1] I Daytona prodotti prima di quell'anno furono relativamente poco diffusi e sono stati sostituiti da un più grande Daytona con movimento a carica automatica, che utilizzava una versione leggermente modificata del calibro Zenith El Primero, denominata Oyster Perpetual Cosmograph. Nello stesso anno, la garanzia d'impermeabilità venne portata a 10 atmosfere.[1]

La seconda serie utilizza un vetro zaffiro al posto dell'esalite) e il diametro della cassa è nuovamente portato a 40 mm. I quadranti sono lucidi, con i quadranti cronografici dello stesso colore del principale, con un anello esterno in colore contrastante. Il numero di referenza è a cinque cifre.

Terza serie[modifica | modifica wikitesto]

Nel 2000 Rolex ha sostituito il movimento Zenith con un movimento interamente di propria progettazione, il Rolex calibro 4130 (numero modello: 116.520). Tale cambiamento venne annunciato durante la Fiera di Basilea.[2]

Il numero di referenza è ora a sei cifre. Esternamente, la terza serie è riconoscibile dal quadrante: i due quadranti cronografici alle ore 3 e 9 sono leggermente al di sopra della linea tracciata tra gli indicatori delle ore 3 e 9, e il quadrante dei secondi consecutivi è stato spostato a ore 6.

Ne esiste, dal 2008, anche una variante in oro Everose, ovvero in lega di oro e Platino, dal caratteristico colore rosa che, come suggerisce il nome stesso, impedisce al cronografo Daytona Everose di perdere colore con lo scorrere del tempo.

Dal 2009 gli indici del quadrante sono realizzati con il materiale fotoluminescente Chromalight, a differenza dei precedenti in Luminova o Superluminova

Nel 2013 è stata introdotta la referenza in platino per celebrare il 50º anniversario della referenza.

Nel 2013 ha introdotto una versione in platino con lunetta in ceramica marrone per commemorare il cinquantesimo anniversario del Daytona e nel 2016 ha iniziato a offrire una versione con una lunetta in ceramica Cerachrom sui modelli in acciaio. Le nuove lunette si distinguono per avere i numeri allineati radialmente.

Descrizione[modifica | modifica wikitesto]

Estetica[modifica | modifica wikitesto]

È caratterizzato nelle referenze moderne da cassa impermeabile, pulsanti cronografici a vite (nelle precedenti a pompa), lunetta nera o in metallo, scala tachimetrica (graduata in un primo momento sino a 200 km/h e poi portata a 400 km/h). Il quadrante, che ha cambiato colore negli anni, ospita i totalizzatori di ore e minuti e il sotquadrante dei secondi continui. Le lancette, a bastone, sono trattate in modo tale da apparire luminescenti.[2] Oggi la scritta che compare sul quadrante è Oyster Perpetual Cosmograph Daytona Superlative Chronometer Officially Certified.

Referenze d'epoca[modifica | modifica wikitesto]

Prima serie dei Rolex Daytona con meccanismi a carica manuale.

Numero referenza Anno di produzione Calibro meccanismo Note
6238 1961-1967 72B, 722 [3]
6239 1963-1969 72B, 722-1, 722 [3]
6241 1965-1969 722-1, 722 [3]

Referenze odierne[modifica | modifica wikitesto]

È disponibile in diversi modelli, che possono essere identificati dal colore del quadrante, dal tipo di metallo utilizzato, e dal tipo di bracciale, il quale può essere in oro bianco in abbinamento ad un quadrante bianco; il bracciale può anche essere, tra l'altro, in acciaio inox abbinato ad un quadrante nero. Il quadrante è nero, i piccoli contatori del cronografo e dei secondi continui sono pure in oro.

Numero referenza Materiale Bracciale Quadrante Note
116520-0015 Acciaio Oyster acciaio Nero [4]
116520-0016 Acciaio Oyster acciaio Bianco [5]
116523-0040 Acciaio ed oro giallo Oyster acciaio ed oro Bianco [6]
116523-0055 Acciaio ed oro giallo Oyster acciaio ed oro Oro [7]
116518-0073 Oro giallo Cuoio Madreperla nera con diamanti [8]
116518-0131 Oro giallo Cuoio Champagne [9]
116528-0031 Oro giallo Oyster oro giallo Nero [10]
116528-0038 Oro giallo Oyster oro giallo Bianco [11]
116528-0037 Oro giallo Oyster oro giallo Blu [12]
116509-0036 Oro bianco Oyster oro bianco Nero [13]
116519-0163 Oro bianco Cuoio Ardesia [14]
116519-0195 Oro bianco Cuoio Meteorite [15]
116509-0037 Oro bianco Oyster oro bianco Bianco [16]
116515ln-0004 Oro rosa Cuoio Chocolate [17]
116515ln-0003 Oro rosa Cuoio Bianco [18]
116505-0002 Oro rosa Oyster oro rosa Nero [19]
116505-0001 Oro rosa Oyster oro rosa Rosa [20]
116506-0001 Platino Oyster platino Blu ghiaccio [21]

Meccanica[modifica | modifica wikitesto]

Mosso da un calibro Rolex 722 a carica manuale dal 1961 al 1970, è stato poi dotato di un calibro Rolex 727: entrambi sono derivati del Valjoux 72. Quando vennero introdotti i movimenti automatici, venne usato un calibro Rolex 4030, basato sul calibro El Primero, eccellenza della ditta Zenith, che fu sottoposto a modifiche quali la sostituzione di bilanciere e scappamento e la riduzione del numero di alternanze/ora (da 36 000 a 28 800).[2] Il calibro Rolex 4130 non si basa invece su calibri Zenith o Valjoux: interamente Rolex, funziona a 28 800 alternanze/ora come il precedente, assicurando una riserva di carica pari a 72 ore.[2]

Nella cultura di massa[modifica | modifica wikitesto]

Grazie alla sua produzione limitata e alla crescente popolarità, attualmente il Rolex Cosmograph Daytona in acciaio è considerato un orologio raro e prezioso. Il Daytona tra la fine degli anni ottanta e l'inizio del XXI secolo divenne un vero status symbol, non tanto per la qualità meccanica quanto per essere stato associato a molti personaggi famosi.[22]

Note[modifica | modifica wikitesto]

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Paolo De Vecchi e Alberto Uglietti, Orologi da polso, De Agostini.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]