Rocinha

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Rocinha
bairro
Una vista di Rocinha
Una vista di Rocinha
Localizzazione
Stato Brasile Brasile
Stato federato Bandeira do estado do Rio de Janeiro.svg Rio de Janeiro
Mesoregione Rio de Janeiro
Microregione Rio de Janeiro
Comune Brasão da cidade do Rio de Janeiro.svg Rio de Janeiro
Amministrazione
Subprefettura Zona Sul
Regione amministrativa RA XXVII - Rocinha
Data di istituzione 1993
Territorio
Coordinate 22°59′18″S 43°14′54″W / 22.988333°S 43.248333°W-22.988333; -43.248333 (Rocinha)Coordinate: 22°59′18″S 43°14′54″W / 22.988333°S 43.248333°W-22.988333; -43.248333 (Rocinha)
Superficie 1,44 km²
Abitanti 69 356[2] (2010)
Densità 48 163,89 ab./km²
Altre informazioni
Fuso orario UTC-3
Cartografia
Mappa di localizzazione: Brasile
Rocinha
Rocinha

Rocinha è una favela situata nella Zona Sud della città di Rio de Janeiro, in Brasile. Si distingue per essere la più grande baraccopoli del paese, con circa 70.000 abitanti.[3] La regione è ormai considerata un quartiere ed è stato definito dalla legge n. 1995 del 18 giugno 1993, con i cambiamenti dei suoi limiti tra i quartieri di Gávea, Vidigal e São Conrado.[4]

Si trova tra i quartieri di Gávea, Sao Conrado (due dei distretti con l'imposta sul valore dei terreni (tassa di proprietà) più alta della città) e Vidigal.[5] La vicinanza delle residenze di classe alta dei primi due quartieri e la classe bassa di Rocinha segna un profondo contrasto urbano nel paesaggio della regione, che viene spesso citato come simbolo di disuguaglianza sociale in Brasile. Il suo indice di sviluppo umano (HDI), nel 2000 è stato 0,732, al 120° posto tra le 126 regioni analizzate nella città di Rio de Janeiro.[6]

Rocinha ha caratteristiche peculiari: attualmente, si trova nel quartiere Barcelos, una vasta gamma di commerci e servizi, così come molti immobili residenziali di qualità. Già in altre aree, come ad esempio a Macega Vila, si trovano case di legno a rischio e senza infrastrutture, dove molte famiglie vivono in condizioni di estrema povertà. La sua popolazione è stimata in 120.000 abitanti per i registri della Light S.A., in 62.000 per l'ultimo censimento ufficiale e più di 150.000 secondi i residenti.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

È una della 700 favelas che fanno parte della città di Rio de Janeiro. È la favela più grande del mondo e conta più di 150 000 abitanti ufficiali. Come capita spesso ai quartieri poveri, essa è preda di lotte tra diverse gang di trafficanti (Amigos dos Amigos o Comando Vermelho) per prendere il controllo della favela.

Nel 2010, il distretto ha acquisito una passerella pedonale progettata dall'architetto Oscar Niemeyer, che collega il quartiere di baracche al complesso sportivo situato di fronte all'autostrada Lagoa-Barra.[7]

Il 13 novembre 2011, Rocinha è stata teatro di una grande operazione condotta dalle forze armate del Brasile e dalle forze dell'ordine brasiliane. L'obiettivo era la ripresa del territorio dalle mani dei trafficanti di droga, al fine di preparare il terreno per la futura installazione della ventottesima Unità di Polizia di Pacificazione della città.[8] In data 20 settembre 2012, la comunità ha cominciato ad essere frequentata dalla 28^ UPP con un effettivo di 700 agenti di polizia. La comunità dispone di 80 telecamere di sorveglianza per aiutare la polizia alla sicurezza della comunità.

Amministrazione[modifica | modifica wikitesto]

Rocinha fu istituito il 18 giugno 1993 come unico bairro della omonima Regione Amministrativa XXVII del municipio di Rio de Janeiro.[2][9][10]

Tubercolosi[modifica | modifica wikitesto]

Il quartiere è uno dei focolai di tubercolosi del paese, con un tasso di incidenza di 372 casi di malattia ogni 100.000 abitanti. Questo tasso è di 11 volte superiore rispetto alla media nazionale. L'alta concentrazione della malattia nel quartiere ha diverse cause, come ad esempio strade strette, che ostacolano la penetrazione della radiazione solare e la ventilazione nelle case; l'alta densità di popolazione; la povertà; e la mancanza di servizi igienico-sanitari. Tutti questi elementi stimolano la proliferazione dei batteri che causano la malattia.[11]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Dados
  2. ^ a b [1]
  3. ^ http://lista10.org/diversos/as-10-maiores-favelas-do-brasil/
  4. ^ Criação do bairro
  5. ^ Bairros do Rio
  6. ^ Tabela 1172 - Índice de Desenvolvimento Humano Municipal (IDH), por ordem de IDH, segundo os bairros ou grupo de bairros - 2000
  7. ^ G1 Rio de Janeiro. Disponível em http://g1.globo.com/rio-de-janeiro/noticia/2010/06/passarela-feita-por-niemeyer-para-rocinha-e-inaugurada.html. Acesso em 12 de maio de 2016.
  8. ^ http://www.estadao.com.br/noticias/cidades,invasao-da-rocinha-tera-2-mil-homens-aparato-belico-e-horario-marcado-5h,797649,0.htm
  9. ^ (PT) Delimita a XXVII Região Administrativa - Rocinha, criada pelo Decreto N. 6011, de 04 de agosto de 1986, cria e delimita o bairro da Rocinha, altera a delimitação da VI RA - Lagoa e dos bairros da Gávea, São Conrado e Vidigal, subdivide o bairro da Rocinha em áreas segundo especificidades e dá outras providências. (PDF), su Lei nº1995 de 18 de junho de 1993, Prefeitura do Rio de Janeiro - Secretaria Municipal de Urbanismo. URL consultato il 27 aprile 2010.
  10. ^ (PT) Estabelece a denominação, a codificação e a delimitação dos bairros da Cidade do Rio de Janeiro (PDF), su Decreto nº 3.158, de 23 de julho de 1981, Prefeitura do Rio de Janeiro - Secretaria Municipal de Urbanismo. URL consultato il 18 febbraio 2010.
  11. ^ El País. Disponível em http://brasil.elpais.com/brasil/2015/09/01/politica/1441120198_053979.html. Acesso em 12 de maio de 2016.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • (PT) Vivaldo Coarcy, Memória da Cidade do Rio de Janeiro, Rio de Janeiro, Itatiaia, 1988, pp. 401 pp., ISBN 85-319-0221-5.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

  • (PT) Rio Guia Oficial, Guida ufficiale della città di Rio de Janeiro. URL consultato il 18 febbraio 2010.
  • Rocinha, su OpenStreetMap. URL consultato il 18 febbraio 2010.
Brasile Portale Brasile: accedi alle voci di Wikipedia che parlano del Brasile