Rocco Casalino

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Rocco Casalino (Frankenthal, 1º luglio 1972) è un personaggio televisivo e politico italiano.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Nato in Germania in una famiglia di origine pugliese di Ceglie Messapica (in provincia di Brindisi), vi rimane per sedici anni[1] fino a studiare in una scuola superiore di indirizzo classico; otterrà poi un diploma tecnico commerciale col massimo dei voti in Puglia[2]. Nella sua giovinezza tedesca vive con un padre operaio, poi deceduto in seguito a un tumore, e assiste a percosse da lui fatti nei confronti di sua madre; per questo è costretto a sedute di psicoterapia[3]. Studia all'Università di Bologna laureandosi in ingegneria elettronica con specializzazione in ingegneria gestionale[4]. Nel suo curriculum viene indicato il conseguimento di un finto master's degree in economia presso la Shenandoah University, a Winchester, nello stato della Virginia, negli Stati Uniti d'America[5], successivamente smentito dalla stessa università[6].

Carriera televisiva[modifica | modifica wikitesto]

Rocco Casalino acquisisce notorietà pubblica nel 2000 con la partecipazione alla prima edizione del reality show Grande Fratello[7], motivandola nel provino video e nell'intervista ufficiale con il suo "riuscire molto bene a socializzare" e il suo "essere maledettamente esibizionista e voyeur"[7][8] (anche se, anni dopo e in un'altra occasione, ammetterà la sua timidezza); conclude venendo eliminato alla penultima puntata e classificandosi al quarto posto[9]. In seguito, entrato a far parte dei numerosi personaggi gestiti da Lele Mora[10], interviene come ospite e opinionista in diverse trasmissioni televisive e talk show condotti soprattutto da Maurizio Costanzo, come Buona Domenica e Buon Capodanno[4][11]. Celebri le sue focose liti al limite del contatto fisico con personaggi come Platinette e Solange soprattutto per il suo non dichiarare la propria omosessualità[12][13] (successivamente dichiarerà invece di essere bisex e di desiderare un figlio tramite surrogazione di maternità[14]), e con Tina Cipollari. Frequenta anche un corso di recitazione a Milano presso la scuola Centro Teatro Attivo[4][15].

Dal 2004 conduce per quattro anni su Telelombardia il programma mattutino di informazione, attualità e news Buongiorno Lombardia[16]. Nel 2007 diviene giornalista professionista, iscritto all'ordine della Regione Lombardia[1][16]. Da gennaio 2008 è per alcuni mesi l'inviato speciale di Versus, programma di attualità condotto da Lamberto Sposini sull'emittente pugliese Telenorba[17]. Successivamente conduce fino al 2011 sul canale Sky Betting Channel, canale tematico interamente dedicato al mondo del gioco d'azzardo, la rubrica quotidiana preserale e serale Betting Blog, coadiuvato dai giornalisti Giovanni Gentile e Dario Martucci[18].

Attività politica[modifica | modifica wikitesto]

Dal 2011 inizia la sua militanza nel Movimento 5 Stelle. Nel 2012 si candida alle elezioni regionali lombarde, ritirando poi la candidatura per contestazioni sul web dei sostenitori del Movimento e per polemiche interne[1]. A marzo 2013, in seguito alle elezioni politiche di fine febbraio, che portano per la prima volta esponenti del Movimento 5 Stelle in Parlamento, viene ingaggiato Claudio Messora quale responsabile della comunicazione del Movimento al Senato"; Casalino è il suo vice[2]. Dopo le elezioni europee di maggio 2014, che fruttano 17 seggi al Movimento, questo incarico viene esteso anche presso il Parlamento europeo in sostituzione di Claudio Messora[19].

A ottobre 2014, Messora viene allontanato per dissidi; gli incarichi passano a Casalino[20], che diviene responsabile per la comunicazione coi media al Senato della Repubblica per il gruppo parlamentare del Movimento 5 Stelle", nonché "portavoce e capocomunicazione" del medesimo gruppo. È inoltre "coordinatore della comunicazione nazionale, regionale e comunale del Movimento 5 Stelle"[2][21][22].

Televisione[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c Rocco Casalino, da gieffino a grillino, su TGCom24, 11 marzo 2013. URL consultato il 23 novembre 2016.
  2. ^ a b c Da Casaleggio a Casalino, così cresce il potere dell'uomo-ombra a 5 stelle, in l'Espresso, 12 settembre 2016. URL consultato il 23 novembre 2016.
  3. ^ Grande Fratello, grandi bugie, su www.societacivile.it. URL consultato il 25 novembre 2016.
  4. ^ a b c Marco Fattorini, Rocco Casalino, «l’autogol vivente» dello staff M5s, 17 febbraio 2014. URL consultato il 24 novembre 2016.
  5. ^ Ludovico Fontana, 5 Stelle, si candida Rocco Casalino «Valutatemi senza pregiudizi», in Corriere del Mezzogiorno. URL consultato il 23 novembre 2016.
  6. ^ {{Cita news|nome=Ludovico|cognome=Fontana|url=http://www.repubblica.it/politica/2018/03/16/news/m5s_il_master_falso_di_rocco_casalino-191485090/
  7. ^ a b Mediaset, Rocco Casalino - GF1 - Grande Fratello, su Grande Fratello Story. URL consultato il 23 novembre 2016 (archiviato il 6 marzo 2014).
  8. ^ Video Grande Fratello: Rocco Casalino provino originale Grande Fratello, su Video Mediaset, Mediaset. URL consultato il 23 novembre 2016.
  9. ^ Rocco, «non sono bisessuale» Incontro con l'ultimo eliminato del «Grande fratello» - La Nuova Sardegna, in Archivio - La Nuova Sardegna. URL consultato il 25 novembre 2016.
  10. ^ Mora-Corona, parla Rocco del GF: “Lele era innamorato”, in Televisionando, 30 settembre 2010. URL consultato il 23 novembre 2016.
  11. ^ TV: Canale 5, il 'Buon Capodanno' Da Costanzo, su www.adnkronos.com. URL consultato il 23 novembre 2016.
  12. ^ Rocco contro Platinette, su Gay.it, 21 dicembre 2000. URL consultato il 22 novembre 2016.
  13. ^ Gay in TV: stereotipi e invisibilità, su Arcigay.it. URL consultato il 22 novembre 2016.
  14. ^ Queerblog intervista Rocco Casalino, bisessuale e concorrente storico della prima edizione del Grande Fratello, in Queerblog.it. URL consultato il 23 novembre 2016.
  15. ^ La verità sull'intervista de Le Iene a Rocco Casalino, in Blog di Beppe Grillo. URL consultato il 24 novembre 2016.
  16. ^ a b Rocco Casalino ex gieffino: "Adoro Beppe Grillo ma gli attivisti mi rifiutano", su ilgiorno.it. URL consultato il 22 novembre 2016.
  17. ^ Sposini approda a Telenorba con 'Versus', su quotidiano.net. URL consultato il 25 novembre 2016.
  18. ^ Betting Channel arricchisce il suo palinsesto, partono le dirette e i weekend all'insegna dello sport e delle scommesse, su affaritaliani.it. URL consultato il 25 novembre 2016.
  19. ^ M5s, Casaleggio caccia Messora. Si azzera il suo staff all’Europarlamento, in Il Fatto Quotidiano, 8 ottobre 2014.
  20. ^ M5S, sciolto lo staff comunicazione a Bruxelles e “licenziato” Messora, in Corriere della Sera. URL consultato il 23 novembre 2016.
  21. ^ Rocco Casalino: l'ex GF che influenza i 5 Stelle, in DGmag, 14 settembre 2016. URL consultato il 25 novembre 2016.
  22. ^ Rocco Casalino, il pupillo di Grillo comanda i parlamentari M5S via WhatsApp, in Giornalettismo. URL consultato il 22 novembre 2016.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]