Roccamare

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Roccamare
frazione
Roccamare – Veduta
Veduta della pineta di Roccamare
Localizzazione
Stato Italia Italia
Regione Coat of arms of Tuscany.svg Toscana
Provincia Provincia di Grosseto-Stemma.png Grosseto
Comune Castiglione della Pescaia-Stemma.png Castiglione della Pescaia
Territorio
Coordinate 42°46′32.8″N 10°49′24.7″E / 42.775778°N 10.823528°E42.775778; 10.823528 (Roccamare)Coordinate: 42°46′32.8″N 10°49′24.7″E / 42.775778°N 10.823528°E42.775778; 10.823528 (Roccamare)
Altitudine m s.l.m.
Abitanti 63 (2011)
Altre informazioni
Cod. postale 58040
Prefisso 0564
Fuso orario UTC+1
Cartografia
Mappa di localizzazione: Italia
Roccamare
Roccamare

Roccamare è una località balneare del comune di Castiglione della Pescaia, in provincia di Grosseto.

Geografia fisica[modifica | modifica wikitesto]

Roccamare dista dal capoluogo comunale circa 5 km e circa 24 km da Grosseto ed è situata a nord di Castiglione all'interno di una fitta pineta, lungo il corso del fosso Tonfone, breve corso d'acqua lungo appena 4 km che nasce nelle vicinanze di Pian di Rocca e sfocia nel mar Tirreno presso la spiaggia di Roccamare.

Pineta di Roccamare[modifica | modifica wikitesto]

La località è situata all'interno della pineta di Roccamare, un'ampia pineta che si estende per più di 8 km nel territorio di Castiglione della Pescaia, lungo il litorale tirrenico tra la frazione di Riva del Sole a sud e quella di Rocchette a nord. All'estremità sud della pineta sorge il promontorio definito Capezzolo, mentre all'estremità nord è delimitata dal promontorio di Punta Ala, dove si trova la frazione di Rocchette. La pineta è caratterizzata per la presenza di pini marittimi e pini domestici, con i primi che risultano più presenti in prossimità del litorale ed i secondi verso il retroterra. Si ritrovano anche specie endemiche di macchia mediterranea. Nell'antichità la pineta era una zona paludosa che faceva da margine all'ormai scomparso lago Prile, e nel corso del Settecento, a seguito delle opere di bonifica effettuate dai Lorena, e successivamente dal fascismo, la pineta assunse l'aspetto che ha adesso, così come successe per la pineta del Tombolo, che invece collega Castiglione della Pescaia a nord con Marina di Grosseto a sud.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Roccamare è un insediamento moderno andatosi a sviluppare nel corso del XX secolo insieme alla frazione di Riva del Sole, alla quale è adiacente, dopo le ultime bonifiche della Maremma.

La località nasce da un progetto di utilizzare l'ampia pineta per costruirvi al suo interno una lottizzazione o "gated community" con strade e moderne abitazioni, specialmente ville e ampi caseggiati a poca distanza dalla spiaggia. Le circa duecento ville furono realizzate in gran parte a partire dal 1963, per proseguire nel corso degli anni settanta e ottanta, dall'architetto Ugo Miglietta, con il nome progettuale di Villa in pineta,[1] caratterizzate da rivestimenti in pietra e tetti piatti aggettanti che sembrano attingere alla matrice wrightiana,[2] o dall'architetto Antonio Canali, di stile etnico-tradizionale, con tetti a padiglione ed ampi patio.

Monumenti e luoghi d'interesse[modifica | modifica wikitesto]

Nata nel secolo scorso come frazione balneare a vocazione turistico-residenziale, Roccamare non possiede monumenti storici all'interno del suo perimetro, ma è possibile segnalare alcune strutture di interesse artistico-architettonico realizzate a partire dalla fine degli anni cinquanta, che hanno suscitato apprezzamenti nel campo dell'architettura contemporanea. Sono qui elencate le principali ville che hanno ricevuto recensioni su diverse pubblicazioni specialistiche:

  • Villa Bartolini, realizzata tra il 1957 e il 1958 dall'architetto Ernesto Nathan Rogers come rivisitazione in chiave moderna delle case coloniche maremmane,[3][4][5] unica tre le opere contemporanee del territorio grossetano ad essere dichiarata di particolare interesse storico-artistico dai Beni Culturali e Paesaggistici della Toscana.[6]
  • Villa Bertini, costruita nel 1962 su progetto degli architetti Roberto Monsani e Luigi e Giancarlo Bicocchi, con la collaborazione dell'ingegner Lisindo Baldassini, si inserisce nel contesto ambientale creando continuità tra esterno ed interno, con l'utilizzo di vetrate e pareti in mattoni a vista in bianco opaco, che insistendo sul gioco a incastro si incrociano ortogonalmente creando un effetto labirintico che ricorda quello della fitta pineta.[7][8][9]
  • Villa Verusio, realizzata contemporaneamente alla Villa Bertini dagli stessi architetti, gioca con ampie vetrate sull'effetto trasparenza interno-esterno che si inserisce nella pineta e che individua il proprio tema principale nelle articolazioni planimetriche che si insinuano tra pianta e pianta.[10][11][12]
  • Villa Fraschetti, realizzata dagli architetti Monsani & Bicocchi nel 1965, segue il canone delle precedenti, con continua intersezione di spazi scoperti con spazi coperti.[13][14][15]
  • Casa dei Pini, precedentemente conosciuta come Villa Baldassini, costruita nel 1972 su progetto dello studio fiorentino 3BM (Giancarlo e Luigi Bicocchi con Lisindo Baldassini e Roberto Monsani), propone un'evoluzione delle opere precedenti a Roccamare, lo schema modulare della sua struttura portante interamente in acciaio verniciato, insieme all'involucro mobile costituito unicamente da grandi vetrate scorrevoli, genera configurazioni sempre diverse nel rapporto tra ambienti interni e spazi aperti.[14][15][16] Nel 2008 il progetto dell'architetto livornese Paola Talá, va ad interessare la villa e il suo giardino con opere di ridefinizione ed integrazione all'architettura esistente che ribadiscono la forza originaria della spazialità senza alterare il senso del primitivo edificio.[17]
  • Villa Settepassi, finita di costruire nel 1986 su progetto del 1966 di Pier Niccolò Berardi, sfrutta i dislivelli del terreno su richiamo della casa rustica mediterranea, con rifiniture in grassello alle pareti, pavimento in ceramica rustica fiorentina e porte in massello.[18][19] La tipologia della struttura è stata anche ripresa dall'architetto Canali per la costruzione di alcune ville della "gated community".[20]

Nel 1970 è stata realizzata una cappella, su progetto di Ugo Miglietta, riservata agli abitanti del comprensorio ed officiata nel periodo estivo.[21]

Società[modifica | modifica wikitesto]

Evoluzione demografica[modifica | modifica wikitesto]

Quella che segue è l'evoluzione demografica del centro abitato di Roccamare.

Anno Abitanti
1981
83
1991
72
2001
107
2011
63

Persone legate a Roccamare[modifica | modifica wikitesto]

Roccamare è l'abituale meta estiva del politico Romano Prodi[22][23] ed è stata in passato anche rifugio estivo dello scrittore Italo Calvino, che vi trascorreva tutte le estati, a partire dagli anni settanta fino al settembre del 1985, quando fu qui colpito dall'ictus che lo portò alla morte.[24] La stessa pineta di Roccamare e le sue spiagge sono servite allo scrittore come ispirazione nella sua opera Palomar.[24] Il suo corpo, come da indicazioni da lui lasciate, è sepolto al cimitero di Castiglione della Pescaia. La moglie, Esther Calvino, in estate risiede tuttora a Roccamare. Altro illustre residente della frazione è lo scrittore Pietro Citati, e fu proprio lui a far conoscere Roccamare a Calvino, quando nel 1972 lo invitò a trascorrere dei giorni nella sua villa.[25] Un'altra delle ville è stata la residenza dello scrittore ed editor Carlo Fruttero.[26] L'atmosfera delle ville nella pineta e del paese balneare durante l'inverno sono protagoniste del suo giallo Enigma in luogo di mare. Fruttero si è spento a Roccamare il 15 gennaio 2012 ed è stato sepolto nel cimitero di Castiglione della Pescaia.[27]

A Roccamare hanno risieduto anche il direttore d´orchestra Georg Solti,[26] le attrici Sophia Loren[26] e Claudia Cardinale, l'attore Roger Moore,[28] il produttore Carlo Ponti,[26] l'esploratore e navigatore Ambrogio Fogar,[26] il re di Spagna Juan Carlos di Borbone, che tutti gli anni raggiunge la località per andare a fare vela a Punta Ala,[26] i politici Alberto Michelini e Stefano Passigli, il banchiere Siegmund Warburg,[29][30] l'attore Francesco Nuti e il regista Giovanni Veronesi,[31][32] il quale, durante il corso delle riprese per il film Manuale d'amore 3, ha ospitato nella sua villa gli attori Robert De Niro e Monica Bellucci.[32][33]

Infrastrutture e trasporti[modifica | modifica wikitesto]

La frazione è attraversata dalla strada provinciale 158 delle Collacchie, che la collega a nord con Follonica e a sud con Grosseto. La pineta di Roccamare è inoltre attraversata interamente dalla pista ciclabile Castiglione della Pescaia-Bivio di Rocchette, che partendo dal centro del capoluogo comunale, attraversa la frazione stessa di Roccamare fino al bivio che porta in direzione della frazione di Rocchette.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Barbara Catalani, Marco Del Francia e Giovanni Tombari, Itinerari di architettura contemporanea. Grosseto e provincia, Pisa, ETS, 2011, p. 37.
  2. ^ Marco Del Francia, Walter Di Salvo. Poetiche wrightiane in Maremma, in Architetture Grosseto, 4–5, Pisa, ETS, 2008, pp. 39–40.
  3. ^ Catalani, Del Francia, Tombari, op. cit., pp. 24–25.
  4. ^ A. Aleardi e C. Marcetti, L'architettura in Toscana dal 1945 a oggi, Firenze, Alinea Editrice, 2011, pp. 106–107.
  5. ^ Villa Bartolini, su L'architettura in Toscana dal 1945 ad oggi. Selezione delle opere di rilevante interesse storico-artistico. URL consultato il 21 gennaio 2016.
  6. ^ 21 dicembre 2005, ai sensi dell'art. 10 del D.Lgs 42/2004.
  7. ^ Catalani, Del Francia, Tombari, op. cit., p. 33.
  8. ^ Due ville in pineta, sulla costiera maremmana, vicino a Castiglione della Pescaia, in Domus, nº 400, marzo 1963, pp. 31–36.
  9. ^ Espaces ouverts, murs fermès, in La maison français, nº 188, giugno 1965, pp. 98–103.
  10. ^ Catalani, Del Francia, Tombari, op. cit., pp. 34–35.
  11. ^ Due ville in pineta, sulla costiera maremmana, vicino a Castiglione della Pescaia, in Domus, nº 400, marzo 1963, pp. 23–30.
  12. ^ F. Rotundo, Architettura contemporanea a Grosseto e Provincia, in Architetture Grosseto, nº 1, 2007, p. 15.
  13. ^ Catalani, Del Francia, Tombari, op. cit., p. 43.
  14. ^ a b House in Castiglione della Pescaia, in Global Interior, Tokyo, 1972, pp. 108–113.
  15. ^ a b Una casa per le vacanze in pineta, in Domus, nº 435, febbraio 1966, pp. 21–28.
  16. ^ Catalani, Del Francia, Tombari, op. cit., p. 46.
  17. ^ M. C. Fruttero, M. De Luca, F. Fabbrizzi, A. Merlo, A. Romboni, P. Talá, A. Valentini e U. Velo, Roccamare. Una villa in pineta, Pontedera, Bandecchi e Vivaldi, 2011.
  18. ^ Elisabetta Insabato e Cecilia Ghelli, Guida agli archivi di architetti e ingegneri del Novecento in Toscana, Firenze, Edifir, 2007, pp. 60–64.
  19. ^ Villa Settepassi, su L'architettura in Toscana dal 1945 ad oggi. Selezione delle opere di rilevante interesse storico-artistico. URL consultato il 21 gennaio 2016.
  20. ^ Catalani, Del Francia, Tombari, op. cit., p. 55.
  21. ^ Giuseppe Guerrini (a cura di), La Diocesi di Grosseto. Parrocchie, chiese e altri luoghi di culto, dalle origini ai nostri giorni, Roccastrada, Il mio amico, 1996, p. 76.
  22. ^ E oggi arriva Romano Prodi con Flavia, Il Tirreno.it, 4 settembre 2007. URL consultato il 30 settembre 2009.
  23. ^ Caduta la Faenzi, Prodi fa pace con Castiglione, Il Tirreno.it, 20 agosto 2011. URL consultato il 21 gennaio 2016.
  24. ^ a b Il bisturi può salvare Italo Calvino, La Repubblica.it, 7 settembre 1985. URL consultato il 21 gennaio 2016.
  25. ^ Pietro Citati, "Io e Italo Calvino". "In Maremma trovò un'altra patria", La Repubblica Firenze.it, 15 settembre 2010. URL consultato il 21 gennaio 2016.
  26. ^ a b c d e f Castiglione, la formula? Natura e sapori familiari, La Repubblica Firenze.it, 10 luglio 2008. URL consultato il 21 gennaio 2016.
  27. ^ L'omaggio dei lettori su Twitter. Sarà sepolto accanto a Calvino, Il Corriere della Sera, 16 gennaio 2012. URL consultato il 21 gennaio 2016.
  28. ^ Addio a Roger Moore, lo 007 che amava passare le estati a Castiglione della Pescaia, Il Giunco.net, 23 maggio 2017. URL consultato il 24 maggio 2017.
  29. ^ Niall Ferguson, High Financier: The Lives and Time of Siegmund Warburg, Penguin Press, 2010.
  30. ^ (FR) Jacques Attali, Un homme d'influence: Sir Siegmund G. Warburg (1902-1982), books.google.it.
  31. ^ Giovanni Veronesi a Castiglione fa il "padrino" agli incontri letterari, Il Tirreno, 26 settembre 2011. URL consultato il 21 gennaio 2016.
  32. ^ a b L'amore al tempo dei capelli bianchi. Giovanni Veronesi e l'amore per Roccamare: «Ho voluto Bob nel cast per avere la cittadinanza onoraria a Castiglione della Pescaia», Il Tirreno, 21 ottobre 2010. URL consultato il 21 gennaio 2016.
  33. ^ Manuale D'Amore 3, il set a Castiglione della Pescaia, Kataweb, 22 ottobre 2010. URL consultato il 9 settembre 2012.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Felice Martinelli, Punta Ala, Roccamare e Riva del Sole: tre nuovi insediamenti turistici sul litorale maremmano, vol. 27, Pubblicazioni dell'Istituto di geografia economica dell'Università di Firenze, Firenze 1970.
  • Andrea Aleardi, Corrado Marcetti, L'architettura in Toscana dal 1945 a oggi. Una guida alla selezione delle opere di rilevante interesse storico-artistico, Firenze, Alinea Editrice, 2011.
  • Barbara Catalani, Marco Del Francia, Giovanni Tombari, Itinerari di architettura contemporanea. Grosseto e provincia, ETS, Pisa, 2011.
  • Autori vari, Roccamare. Una villa in pineta, Pontedera, Bandecchi & Vivaldi, 2011.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]