Rocca di Bagnara

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Rocca di Bagnara
Rocca Bagnara di Romagna.jpg
La Rocca di Bagnara
Ubicazione
Stato attualeItalia Italia
RegioneEmilia-Romagna
CittàBagnara di Romagna
Coordinate44°23′18.24″N 11°49′31.98″E / 44.388401°N 11.825551°E44.388401; 11.825551Coordinate: 44°23′18.24″N 11°49′31.98″E / 44.388401°N 11.825551°E44.388401; 11.825551
Informazioni generali
TipoCastello-Rocca
Condizione attualeVisitabile
voci di architetture militari presenti su Wikipedia
Castello Sforzesco (Bagnara di Romagna).jpg

La rocca di Bagnara è una fortezza di età medievale sita a Bagnara di Romagna (RA).

Storia e descrizione[modifica | modifica wikitesto]

La rocca fu eretta nel XV secolo ad opera dei signori di Imola, i Riario-Sforza, sulle rovine del castrum medievale edificato nel 1354 da Barnabò Visconti e andato distrutto nel 1428 nella battaglia contro Angiolo della Pergola. Girolamo Riario, signore di Imola dal 1482 al 1488, avviò il rifacimento della rocca, conferendole l'aspetto che vediamo ancora oggi. Dopo la sua prematura scomparsa, la vedova Caterina Sforza fece completare la costruzione della fortezza: il maschio e il loggiato sono databili a questo periodo.

Il maschio è considerato da molti studiosi "una delle migliori opere d'arte fortificatoria del XV secolo in Italia". È suddiviso in tre ordini di casematte, costituite da camere circolari molto ampie, coperte con volte semisferiche laterizie, tuttora ben conservate. Oltre al maschio, elementi di notevole interesse sono il cortile centrale, conservato ancora oggi nell'aspetto rinascimentale, alcuni ambienti interni con i soffitti lignei originali, i supporti in ferro del ponte levatoio posto a mezzogiorno, i loggiati sulle cortine dei lati Est e Nord, il pozzo di riserva d'acqua e la scala a chiocciola formata da 78 monoliti in arenaria sovrapposti. Tutti elementi caratteristici del “bello stile cinquecentesco”.

A partire dal Settecento si procedette alla riconversione del complesso edilizio dall'uso militare all'uso civile. Nel 1732 le fosse furono prosciugate e bonificate. La rocca divenne residenza del commissario del vescovo; in alcuni periodi i suoi locali furono anche destinati a carcere.

Con la fine del dominio pontificio la rocca passò al Regno d'Italia. Successivamente, lo Stato la mise in vendita: il Comune se l'aggiudicò per il prezzo di 2.570 lire, più 500 lire per le fosse (in tutto, circa 15.000 euro del 2002). Dopo l'acquisto, il Comune vi stabilì la sede delle scuole elementari, che vi restarono fino al 1926, quando furono trasferite nella sede attuale. Nel 1962 la rocca divenne la residenza municipale. Nel 2008 il Comune è tornato nella sua sede storica in piazza G. Marconi, la piazza centrale del paese. All'interno della rocca è stato allestito il Museo della città.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Architettura Portale Architettura: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Architettura