Rocca d'Olgisio

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Rocca d'Olgisio
Rocca Olgisio ingresso.JPG
L'ingresso
Ubicazione
Stato attualeItalia Italia
CittàPianello Val Tidone
Coordinate44°54′51″N 9°23′34″E / 44.914167°N 9.392778°E44.914167; 9.392778Coordinate: 44°54′51″N 9°23′34″E / 44.914167°N 9.392778°E44.914167; 9.392778
Mappa di localizzazione: Italia
Rocca d'Olgisio
Informazioni generali
Condizione attualeRestaurata
Proprietario attualeFamiglia Bengalli
Visitabile
Sito webRocca d'Olgisio - L'Arx impavida del piacentino
Artocchini
voci di architetture militari presenti su Wikipedia

La Rocca d'Olgisio è un complesso fortificato posto su una rupe scoscesa sullo spartiacque tra la val Tidone e la val Chiarone nel comune italiano di Pianello Val Tidone, in provincia di Piacenza.

Il castello, parte dell'Associazione dei Castelli del Ducato di Parma, Piacenza e Pontremoli[1], è situato su un ripido crinale a 564 m s.l.m. di altezza che, in una zona appenninica caratterizzata da cime di altezza non particolarmente elevata, permette una vista panoramica sulla pianura Padana e le vallate circostanti[2].

Storia[modifica | modifica wikitesto]

La zona dove sorge la fortificazione fu abitata già durante le età del bronzo e del ferro, come testimoniato da alcuni ritrovamenti fatti all'interno delle grotte situate nei pressi della costruzione[3].

L'origine leggendaria del castello risalirebbe al VI secolo, intorno al 550, periodo in cui esso sarebbe stato costruito da un certo Giovannato Miles[4], probabilmente originario del genovesato[3], le cui figlie Liberata e Faustina, cresciute secondo la tradizione cristiana da parte del loro precettore Marcello, fuggirono dal castello, con l'aiuto dello stesso Maarcello, rifugiandosi a Como, dove fondarono il monastero di Sant'Ambrogio[5], per evitare di essere di adempiere ai desideri del padre che le avrebbe volute sposate per dare continuità al proprio casato[3]. A Como le due religiose compirono alcuni atti miracolosi e riuscirono a riconquistare l'appoggio paterno il quale, dopo un'iniziale contrarietà, destinò parte dei suoi beni alla costruzione del monastero[3]. Faustina e Liberata vennero canonizzate dopo la morte diventando Santa Faustina e Santa Liberata da Como.

La rocca d'Olgisio vista dall'esterno

Le prime notizie certe riguardo l'esistenza della rocca risalgono al 1037, secondo altre fonti 1073, quando Giovanni, canonico nella cattedrale di Piacenza, ne cedette la proprietà ai monaci di San Savino di Piacenza[4][6]. Nel 1296 il castello venne venduto a Uberto Capremoldo e Raimondo Petraia[6], mentre nel 1325, fu Pietro Radati a cedere il maniero a Bartolomeo Fontana dietro il pagamento di una somma di 1 100 fiorini[7]. Nel 1326 la rocca venne posta sotto assedio da parte delle truppe guidate da alcuni nobili in rotta da Piacenza, tra cui spiccavano Manfredo Landi, Francesco Volpe Landi e Corradino Malaspina; nonostante il supporto offerto da una coppia di soldati pontifici di stanza nella rocca, l'assedio non andò a buon fine[7].

Particolare dell'interno

Nel 1352 la rocca d'Olgisio entrò a far parte delle proprietà di Bernabò Visconti[6]. Rimasto tra i beni della famiglia Visconti, il castello, così come il feudo in cui era inserito, venne concesso da parte di Gian Galeazzo Visconti a Jacopo Dal Verme, capitano dell'esercito visconteo, nel 1378[4]. Nel 1408 Filippo Arcelli riuscì a prendere possesso del castello, che, però, venne, successivamente riconcesso alla famiglia Dal Verme da parte di Filippo Maria Visconti[7].

I Dal Verme mantennero la proprietà della rocca ininterrottamente fino al 1485 quando il conte Pietro Dal Verme, il quale nel 1478 era riuscito a salvarsi dall'incendio che aveva colpito il maniero danneggiandolo gravemente, morì avvelenato, probabilmente su ordine del duca di Milano Ludovico il Moro, il quale concesse il feudo e il castello al proprio genero, Galeazzo Sanseverino[4]. Ritornato in possesso dei Dal Verme, nei primi anni del XVI secolo il castello fu assediato dai francesi che avevano occupato l'intero territorio del ducato di Milano e ai quali i Dal Verme si erano rifiutati di riconoscere la sovranità sul territorio. L'assedio terminò con la conquista del forte da parte dei francesi grazie al tradimento di alcuni ufficiali di guardia[4].

Con la fine dell'occupazione francese, la famiglia Dal Verme rientrò nella rocca, mantenendone la disponibilità fino all'estinzione del ramo famigliare verso la metà del XIX secolo, in seguito alla quale l'edificio passò a Giulio Zileri che aveva sposato l'ultima erede della casata, Lucrezia Dal Verme. Successivamente, il castello attraversò diversi passaggi di proprietà durante i quali l'arredamento interno andò completamente perso[4].

Durante la seconda guerra mondiale, nell'ambito della resistenza partigiana, fu sede di un comando della II divisione partigiana di Piacenza; per questo motivo la rocca venne attaccata in due occasioni da parte delle truppe tedesche: nella prima i partigiani guidati da Giovanni Lazzetti, detto il Ballonaio, furono in grado di respingere l'assalto, mentre nella seconda le truppe tedesche riuscirono a occupare il castello, causando ingenti danni, tra cui il crollo di alcune parti in muratura[4].

Dopo diversi trasferimenti di proprietà, nel 1979 la rocca venne acquistata dalla famiglia Bengalli, che negli anni successivi ha provveduto a effettuare diversi lavori di ristrutturazione e ripristino dell'edificio[4].

Struttura[modifica | modifica wikitesto]

Il mastio

La rocca è edificata su uno sperone di roccia e presenta una struttura caratterizzata da una pianta di forma irregolare a cui si accede tramite l'ingresso, posto sul lato nord dell'edificio e raggiungibile mediante una strada dominata dalla presenza di blocchi di granito[6]. La costruzione è delimitata da un totale di sei ordini di cinte murarie, di cui tre posti a guardia del versante meridionale, caratterizzato dalla presenza di un declivio meno ripido e, quindi, più agevole da scalare. All'interno di ognuna delle tre cinte sono presenti diverse costruzioni, nonché varie cortine[6].

Al di sopra dell'entrata del terzo ordine murario, la quale permette di accedere direttamente al cortile interno, si trova un arco bugnato decorato con un dipinto che rappresenta l'immagine di un Santo. L'ingresso, che riporta scritto sullo stipite interno il motto latino Arx impavida[8], traducibile in italiano come fortezza impavida oppure fortezza che nulla teme, era originariamente dotto di ponte levatoio, di cui restano solo gli incastri, e di un'inferriata a saracinesca, andata perduta[7].

Nel cortile si trova un pozzo, profondo circa 50 m, decorato con rappresentazioni scolpite di episodi mitici e leggendari; secondo la leggenda a circa metà del condotto si aprirebbe un passaggio utilizzabile per fuggire dal castello in caso di pericoli e assedi[8]. Dal lato opposto del cortile, sul fronte occidentale, sono presenti diversi corpi di fabbrica, tra cui spicca l'oratorio dedicato a Santa Faustina e Santa Liberata e il mastio, caratterizzato da una pianta di forma rettangolare su cui si innesta la torre della campana, la quale, originariamente più alta, venne fatta notevolmente abbassare nei primi anni del XIX secolo in modo che non potesse venire utilizzata come segnale per indire raduni antinapoleonici[8]. Diversi elementi decorativi, come la balaustra sorretta da 13 mascheroni, alcuni affreschi e lo scalone, risalgono agli ultimi anni del XVI secolo quando furono eseguito lavori di ingentilimento per volontà del cardinale Jacopo Dal Verme III.

La grotta della goccia

All'esterno del complesso, poco oltre la cinta muraria più esterna, sono presenti alcune grotte naturali all'interno delle quali sono stati trovate tracce di insediamenti preistorici. Una delle grotte, il cui accesso è possibile tramite una scalinata affiancata, sui due lati, da sedili litici la cui conformazione fa pensare ad una realizzazione umana, è legata alla presenza delle sante Faustina e Liberata che, secondo la leggenda, vi si recavano a pregare: la grotta presenta al proprio interno alcuni gradini e una formazione in materiale pietroso dotata ai propri piedi di un incavo che poteva verosimilmente fungere da altare sacrificale, mentre su di una parete è presente la scritta ADE in caratteri stilizzati[3].

Un'altra grotta, detta del cipresso, oppure della goccia, presenta una vasca scavata nella roccia in cui si deposita l'acqua che penetra all'interno della grotta dalle fessure nella pietra; secondo la leggenda la grotta veniva utilizzata per condannare a morte delle persone che, opportunamente legate subita il lentissimo sfondamento del cranio da parte delle goccioline d'acqua che vi cadevano addosso regolarmente, la veridicità di questa leggenda sembra essere confutata dalla totale assenza di tracce di catene per impedire la fuga dei condannati[3]. La grotta nera presenta, oltre a diverse tracce preistoriche, una volta annerita, da cui prende il nome, probabilmente a causa del fumo generato dall'accensione di focolari. Infine, la grotta dei coscritti venne utilizzata come rifugio dai ragazzi che fuggivano alla leva obbligatoria durante il regno d'Italia napoleonico[3].

Ambiente[modifica | modifica wikitesto]

L'area nei pressi della rocca fa parte del sito SIC ZSC delle rupi di Rocca d'Olgisio, una zona che presenta caratteristiche naturalistiche diverse da ogni altro luogo a livello provinciale, infatti il terreno arenaceo particolarmente atto all'erosione e l'esposizione verso meridione rendono la zona piuttosto arida favorendo la presenza di specie termofile. Tra le specie più particolari si distinguono il fico d'India nano, lo zafferanastro giallo, oltre a specie tipicamente mediterranee come la ballerina e il corbezzolo, oltre a essenze diffuse sull'alto Appennino come l'aquilegia scura, l'Armeria arenaria e la Saxifraga paniculata[9].

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Rocca d'Olgisio, su castellidelducato.it. URL consultato l'11 settembre 2020.
  2. ^ Paolo Reale, Rocca d'Olgisio: il castello sulla roccia, in La Provincia di Cremona.
  3. ^ a b c d e f g “Piacenza Misteriosa”: Grotte e misteri della Rocca d’Olgisio, in PiacenzaSera, 13 aprile 2015.
  4. ^ a b c d e f g h Storia, su roccadolgisio.it. URL consultato l'11 settembre 2020.
  5. ^ Chiesa di San Giacomo Maggiore <Olgisio, Pianello Val Tidone>, su chieseitaliane.chiesacattolica.it, 20 aprile 2011. URL consultato l'11 settembre 2020.
  6. ^ a b c d e Monica Bettocchi, 08 - Rocca d'Olgisio, su emiliaromagna.beniculturali.it, 2007. URL consultato l'11 settembre 2020.
  7. ^ a b c d Rocca d'Olgisio, su preboggion.it. URL consultato l'11 settembre 2020.
  8. ^ a b c Rocca d'Olgisio, castello medievale, su pianellovaltidone.net. URL consultato l'11 settembre 2020.
  9. ^ IT4010019 - ZSC - Rupi di Rocca d'Olgisio, su ambiente.regione.emilia-romagna.it. URL consultato l'11 settembre 2020.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Leonardo Cafferini, Piacenza e la sua Provincia, Castelveltro Piacentino, 2005, pp. 206–207.
  • Pier Andrea Corna, Castelli e rocche del Piacentino, Piacenza, Unione Tip. Piacentina, 1913.
  • Giorgio Eremo, Rocca d'Olgisio, 1996.
  • Daniela Guerrieri, Castelli del Ducato di Parma e Piacenza, NLF, 2006.
  • Alessandra Mordacci, Castelli del piacentino Rocca d'Olgisio, Piacenza, Editoriale Libertà, 2011.
  • Carlo Perogalli, Castelli e rocche di Emilia e Romagna, Novara, 1994, pp. 183–184.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]