Rocca Mandelli

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Rocca Mandelli
Ubicazione
Stato attualeItalia Italia
RegioneEmilia-Romagna
CittàCaorso
Coordinate45°03′N 9°52′E / 45.05°N 9.866667°E45.05; 9.866667Coordinate: 45°03′N 9°52′E / 45.05°N 9.866667°E45.05; 9.866667
Mappa di localizzazione: Nord Italia
Rocca Mandelli
Informazioni generali
TipoCastello medievale - rinascimentale
MaterialeLaterizio
Condizione attualeBuona
Proprietario attualeComune di Caorso
Sito webLa storia di Caorso
Carmen Artocchini Castelli piacentini - Edizioni TEP Piacenza 1967
voci di architetture militari presenti su Wikipedia

Rocca Mandelli è un complesso fortificato di Caorso, in provincia di Piacenza. Il fortilizio si trova al centro del paese, nella bassa piacentina, non lontano dal fiume Po, lungo il percorso dell'antica via Postumia che collegava Piacenza alla città di Cremona.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Secondo la tradizione, un fortilizio sarebbe stato fatto edificare nell'anno 820, dalle sorelle del vescovo di Piacenza, Imelde e Orsa, dal suo nome deriverebbe il toponimo Cà dell'Orsa da cui Caorso[1].

Nel 1205 si ha notizia dal cronista piacentino Giovanni Codagnello, di un castello circondato da fossati, eretto dai piacentini per contrastare le scorrerie da nord da parte dei cremonesi, nel 1214 venne distrutto dai cremonesi. Nel 1258 Oberto Pallavicino, in fuga da Piacenza, occupò il castello con l'aiuto dei Ghibellini[2].

Nel 1363 apparteneva alla ricca famiglia piacentina dei Dolzani.

Il 7 aprile 1385 Gian Galeazzo Visconti, concesse a Ottone Mandelli il feudo delle terre di Caorso comprendendovi anche il castello[2].

Nel 1412 l'imperatore Sigismondo concesse a Manfredo Scotti di Ajguera l'investitura feudale di queste terre che nel 1421 ritornarono ai Mandelli[1].

Nel 1827, anno di estinzione della famiglia Mandelli, a seguito della morte dell'ultimo erede, conte Bernardino Mandelli, la Rocca passò agli Ospizi Civili di Piacenza[2].

Fu acquistato dal comune di Caorso nel 1907 venendo, poi, adibito a sede degli uffici comunali[3].

Struttura[modifica | modifica wikitesto]

Costruito interamente in laterizio ha pianta rettangolare con torri a base quadrata agli angoli, le due sul lato sud racchiudono un corpo di fabbrica che permette l'accesso al cortile interno, sormontato da una torre sormontata da caditoie e merlature a coda di rondine. Sulla sommità, nell'angolo sud-ovestsi eleva per 5 metri un piccolo torresino ottagonale[4].

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b Comune di Caorso, su turismoapiacenza.it. URL consultato il 25 aprile 2019.
  2. ^ a b c La storia di Caorso, su comune.caorso.pc.it. URL consultato il 25 aprile 2019.
  3. ^ Rocca Mandelli di Caorso, su preboggion.it.
  4. ^ Artocchini

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • P. Andrea Corna, Castelli e rocche del Piacentino, Unione Tip. Piacentina, Piacenza, 1913
  • Carmen Artocchini Castelli piacentini - Edizioni TEP Piacenza 1967
  • Carlo Perogalli Castelli e rocche di Emilia e Romagna Novara - Istituto Geografico de Agostini 1981

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]