Rocca Calascio

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Rocca Calascio
Roccacalascio.jpg
Castello di Rocca Calascio
Ubicazione
Stato Italia Italia
Stato attuale 5 abitanti
Regione Abruzzo Abruzzo
Città Calascio
Coordinate 42°19′44″N 13°41′20″E / 42.328889°N 13.688889°E42.328889; 13.688889Coordinate: 42°19′44″N 13°41′20″E / 42.328889°N 13.688889°E42.328889; 13.688889
Informazioni generali
Tipo Rocca
Stile Medievale
Inizio costruzione XII secolo
Condizione attuale Visitabile
[senza fonte]
voci di architetture militari presenti su Wikipedia

Rocca Calascio è una rocca situata in Abruzzo, in provincia di L'Aquila nel territorio del comune di Calascio, all'interno del Parco nazionale del Gran Sasso e Monti della Laga, a un'altitudine di 1.460 metri s.l.m. È conosciuta per la presenza della rocca, una delle più elevate d'Italia, e dell'antico borgo medioevale sottostante, oggi disabitato[1].

Dalla rocca si ha una delle vedute più suggestive d'Abruzzo con vista dei principali gruppi montuosi dell'Appennino abruzzese, dal Gran Sasso a nord (Corno Grande, Pizzo Cefalone, Monte Prena, Monte Camicia, Monte Bolza, Monte Ruzza), al Velino-Sirente, alla Maiella, ai Monti Marsicani, la sottostante Valle del Tirino, l'Altopiano di Navelli e in lontananza la Conca Peligna.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Veduta del castello

La fondazione della rocca è dovuta probabilmente alla volontà di re Ruggero d'Altavilla dopo la conquista normanna del 1140 con prevalente funzione di avvistamento, anche se il primo documento storico che ne attesta la presenza è datato 1240.

Fece parte con Calascio, Castelvecchio Calvisio, Carapelle Calvisio e Santo Stefano di Sessanio della celebre Baronia di Carapelle[2], della quale seguì le vicende storiche fino al 1806, anno dell'abolizione della feudalità.

Nei secoli si susseguirono nel dominio le famiglie Pagliara, Plessis, Colonna, Celano, Caldora, Accrocciamuro, Todeschini Piccolomini, Del Pezzo, Cattaneo, Medici, Borbone.

In particolare nel 1463, venne concessa da re Ferdinando ad Antonio Todeschini della famiglia Piccolomini[3] che modificò la fortificazione dotandola di una cerchia muraria in ciottolame e quattro torri di forma cilindrica a uso militare[4],con una merlatura ghibellina.

Nel 1703 venne devastata da un violento terremoto in seguito al quale l'area più alta del borgo venne abbandonata e buona parte della popolazione si trasferì nel vicino paese di Calascio[5].

Nel XX secolo anche le ultime famiglie rimaste abbandonarono il borgo e la rocca rimase disabitata[5]. Sul finire del secolo però, anche sull'onda del successo derivato dall'ambientazione di alcuni film (su tutti Lady Hawke del 1985), alcune abitazioni sono state recuperate e altre sono state convertite a strutture ricettive; il castello, inoltre, ha subito un'importante operazione di restauro e consolidamento ed è oggi una delle principali attrazioni turistiche della zona[5], grazie al lavoro di due coniugi e della loro famiglia che hanno aperto un albergo diffuso poco sotto il castello.

Mura del castello

Descrizione[modifica | modifica wikitesto]

Il castello[modifica | modifica wikitesto]

Il castello, che domina la valle del Tirino e l'altopiano di Navelli a poca distanza dalla piana di Campo Imperatore, è situato su un crinale a 1.460 metri d'altezza, in una posizione molto favorevole dal punto di vista difensivo[6] ed era utilizzato come punto d'osservazione militare in comunicazione con altre torri e castelli vicini, sino all'Adriatico[7].

La struttura, interamente in pietra bianca a conci squadrati, si compone di un maschio centrale di antica origine e di una cerchia muraria in pietra e quattro torri d'angolo a base circolare fortemente scarpate, costruite a partire dal 1480[5]. L'accesso avveniva attraverso un'apertura sul lato orientale posta a circa cinque metri da terra, cui si accedeva attraverso una rampa in legno, originariamente retrattile[5], poggiata su mensole in pietra.

Il castello, danneggiato dai terremoti, è stato soggetto a una serie di restauri conservativi tra il 1986 e il 1989 volti a risanare la struttura e a consentirne il recupero architettonico-funzionale, ed è oggi fruibile gratuitamente ai visitatori[7].

Scorcio del borgo

Il borgo[modifica | modifica wikitesto]

Il borgo, situato a sud-ovest rispetto al castello, lungo il sentiero che sale dall'abitato di Calascio, compone con esso un unico organismo fortificato[4].

Il suo sviluppo è legato alle modeste dimensioni del castello e all'esiguità di uomini che riusciva a ospitare, oltre che alla necessità di salvaguardare la popolazione dagli assalti di invasori.[5]. Il collegamento con il castello avveniva attraverso un ponte levatoio in legno, oggi sostituito da una semplice rampa.

Può essere distinto in due parti, una originaria adiacente al castello e una posta più a valle e più recente. La parte alta venne praticamente abbandonata già in seguito alle distruzioni causate dai terremoti del 1348/49 e del 1461 ed è oggi in forma di rudere; la parte bassa era invece abitata sino al primissimo dopoguerra ed è stata sottoposta negli anni a numerosi restauri conservativi[5]. Accanto a forme di restauro, per così dire "pubbliche", vanno segnalati anche interventi di semplici appassionati della montagna abruzzese che hanno contribuito con i loro interventi al recupero del sito, stabilendosi come residenti nel borgo.

Santa Maria della Pietà

La chiesa di Santa Maria della Pietà[modifica | modifica wikitesto]

Nelle vicinanze della rocca, sul sentiero che porta a Santo Stefano di Sessanio, si trova la chiesa di Santa Maria della Pietà, un tempietto eretto nel 1596 sul luogo dove, secondo la leggenda, la popolazione locale ebbe la meglio su una banda di briganti[4].

La chiesa, probabilmente fondata su una preesistente edicola rinascimentale[6], presenta una struttura esterna a pianta ottagonale con un ambiente adibito a sacrestia appoggiato a una delle facciate e una cupola a otto spicchi. L'interno, articolato su un sistema di paraste tuscaniche, presenta un dipinto raffigurante la Vergine miracolosa e una scultura di San Michele armato[4].

La chiesa, oggi adibita a semplice oratorio, è meta di fedeli e devoti.

Utilizzo[modifica | modifica wikitesto]

Set cinematografico[modifica | modifica wikitesto]

Nel 1968 il regista Romano Scavolini ha diretto un documentario dal titolo Nel silenzio dei sassi sullo spopolamento di Rocca Calascio.

A partire dagli anni ottanta del XX secolo il comprensorio aquilano del Gran Sasso e in particolare la rocca di Calascio sono stati utilizzati come ambientazione per numerosi film. Il primo lungometraggio è Amici miei - Atto IIº, nel 1982. Poi è stata la volta di Lady Hawke (USA, 1985) in cui la rocca (allora non ancora restaurata) era il rifugio dell'eremita impersonato da Leo McKern. Nel 1986 ospitò il cast de Il nome della rosa[8], vincitore di numerosi premi internazionali. Successivamente sono stati ambientati Il viaggio della sposa (ITA, 1997) e L'orizzonte degli eventi (ITA, 2005). È stato il set per diverse serie televisive come La Piovra 7 - Indagine sulla morte del commissario Cattani (ITA, 1995)[9] e, più recentemente, Padre Pio della RAI (ITA, 2006). La rocca è visibile anche in alcune scene del film The American (USA, 2010) con George Clooney, interamente girato nella provincia dell'Aquila, in particolare tra Sulmona, Castel del Monte, Calascio e Castelvecchio Calvisio.

Galleria d'immagini[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Touring Club Italiano, pag.141
  2. ^ Walter Morico, Palear la dinastia dei maestri di Federico II, Roma, Streetlib, 2016, pp. 368 - 382, ISBN 8892598805.
  3. ^ Castello di Rocca Calascio, abruzzoverdeblu.it. URL consultato il 12-10-2010.
  4. ^ a b c d Provincia dell'Aquila, pag.247
  5. ^ a b c d e f g Rocca Calascio, europamedievale.it. URL consultato il 12-10-2010.
  6. ^ a b Calascio, viaggioinabruzzo.it. URL consultato il 12-10-2010.
  7. ^ a b Descrizione di Rocca Calascio, icastelli.it. URL consultato il 28-06-2010.
  8. ^ Film Il nome della rosa.
  9. ^ Sequenze della Piovra 7 a Rocca Calascio, youtube.com.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Provincia dell'Aquila, Guida turistica della Provincia dell'Aquila, L'Aquila, Provincia dell'Aquila, 1999;
  • Touring Club Italiano, L'Italia - Abruzzo e Molise, Milano, Touring Editore, 2005;

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: (EN239263491