Roby Guareschi

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Roby Guareschi
Nazionalità Italia Italia
Genere Swing
Musica leggera
Periodo di attività musicale 1946 – 1970
Etichetta Music, The Red Record, Celson, Jolly
Album pubblicati 2
Studio 2

Roby Guareschi, nome d'arte di Roberto Guareschi (Parma, 1924), è un cantante e batterista italiano.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Lavora come fattorino, ma inizia a suonare la batteria, prima in varie orchestre locali e poi dal 1946 con Wolmer Beltrami, Luciano Zuccheri e Gorni Kramer.

Nel 1954 entra nell'orchestra di Bruno Clair[1], in cui debutta come cantante.

Ottiene un contratto con la Music, etichetta di Walter Guertler, con cui incide i primi dischi da solista; ammiratore di Fred Buscaglione, ne interpreta alcune cover (tra cui Che bambola!) e ne imita lo stile anche nelle sue canzoni originali.

Nel 1960 ottiene molto successo con Kriminal tango, brano scritto da Piero Trombetta, inciso anche da molti altri cantanti (tra cui Riz Samaritano); nello stesso anno pubblica anche il suo primo album, che ottiene alcune recensioni positive[2]

Passa poi alla Celson e in seguito alla Jolly, per cui nel 1963 incide nel 45 giri Il tangaccio/Grazie prego scusi due cover di Adriano Celentano.

Alla metà degli anni sessanta forma una sua orchestra con cui lavora all'estero, fino al ritiro alla fine degli anni '70.

Discografia parziale[modifica | modifica wikitesto]

33 giri[modifica | modifica wikitesto]

EP[modifica | modifica wikitesto]

45 giri[modifica | modifica wikitesto]

Flexy Disc[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ PRAMZANBLOG: Chiedi chi era Bruno Clair, il re delle orchestre
  2. ^ malavita edulcorata, pubblicato su Stampa Sera del 22 febbraio 1961, n° 45, pag. 8

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Gino Castaldo (a cura di), Dizionario della canzone italiana, edizioni Curcio, 1990; alla voce Guareschi Roby, pag. 815.