Robo advisor

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

I Robo advisor o Robo-advisor sono un tipo di consulenti finanziari che ti forniscono consulenze finanziarie o gestione di investimenti online con un intervento umano da moderato a minimo. [1] Forniscono una consulenza finanziaria digitale basata su formule matematiche o algoritmi. Questi algoritmi sono eseguiti direttamente da un software che non richiede un consulente umano. Il software utilizza i suoi algoritmi per distribuire, gestire e ottimizzare il patrimonio del cliente.[2]

Ci sono oltre 100 fornitori di robo-advisory.[3][4] La gestione di investimenti tramite robo-advice è considerata un'evoluzione dei servizi tradizionali.[5] I Robo-advisor generalmente investono il patrimonio del cliente sulla base del calcolo del rischio e dell'obbiettivo di rendimento desiderato. Sebbene i robo-advisor abbiano la capacità di dividere il patrimonio del cliente investendo in prodotti diversi, come azioni, obbligazioni, future, prodotti del suolo, patrimonio reale, i fondi saranno spesso diretti verso dei portafogli ETF (fondi comuni di investimento). I clienti potranno scegliere tra strategie di offerta con tecniche di passive asset allocation oppure optare per una gestione relativa all’active asset allocation.

Definizione[modifica | modifica wikitesto]

L’Osservatorio Fintech & Insurtech del Politecnico di Milano che studia il fenomeno dei robo-advisor e, più in generale, la diffusione dei servizi Fintech, a livello internazionale definisce come robo-advisor quelle "piattaforme digitali capaci di offrire servizi di consulenza in materia di investimento in maniera automatizzata, senza alcun intervento umano, coerentemente con le caratteristiche e gli obiettivi dell’investitore."[6]

Legalmente il termine consulente finanziario si riferisce a una qualsiasi entità che dia consulenza in termini di investimento. La maggior parte dei servizi offerti dai robo-advisor sono invece limitati a fornire un portafoglio di investimento (per esempio l’asset allocation), escludendo quindi piani patrimoniali o pensionistici e gestione del flusso di cassa (cash–flow) che sono anch’essi delle componenti della pianificazione finanziaria.

Altre definizioni di queste compagnie finanziarie tecnologiche includono “consulente di investimento virtuale” o “ manager di investimento virtuale”, “consulente di investimento online” , “consulente di investimento digitale”.

Tipologie di robo-advisor[modifica | modifica wikitesto]

Il robo advisor può essere anche definita come una piattaforma di asset management, che può declinarsi in diverse tipologie in base al grado di automazione nel processo di investimento. Distinguiamo:

  • human4robo advisor, piattaforme quasi totalmente automatizzate per il quale alla figura umana è richiesta la sola definizione degli asset investibili;
  • robo4human advisor, piattaforme quasi totalmente automatizzate per il quale alla figura umana è richiesta la sola gestione del portafoglio;
  • robo4strategy advisor, piattaforme gestite da consulenti umani i quali si avvalgono di algoritmi e tecnologie per la profilazione dei clienti;
  • online advisor, piattaforme online in cui le decisioni di investimento restano a carico dell’utente

Storia[modifica | modifica wikitesto]

La tecnologia propria dei robo-advisor è nota nel settore sin dagli inizi degli anni 2000. Tuttavia soltanto nel 2008, in corrispondenza della crisi economica, i primi robo-advisor hanno iniziato ad invadere la scena degli investimenti privati. Il motivo di questo successo fu dovuto in particolar modo alla capacità di queste piattaforme di intercettare le singole necessità dei consumatori e offrire un servizio di consulenza a basso costo rispetto al tradizionale approccio umano.

Nel 2010, il poco più che trentenne Jon Stein fondò Betterment, compagnia di investimenti online, contribuendo alla popolarità dei robo-advisor[7]. Nel 2017, a stessa azienda raggiunto 70 milioni di dollari investiti con un capitale proprio ha di 40 milioni di dollari[8].

Nel 2015, la società di Hong Kong 8 Securities ha lanciato il primo robo-advisor in terra asiatica[9]. Nel 2016 si segnala la partnership tra Wealthfront, robo-advisor statunitense, e l'ufficio del Tesoro dello Stato del Nevada il Tesoro del Nevada per l'offerta di un fondo pensione (529 plan) utile alle copertura delle spese universitarie.[10]

Ad oggi s contano circa 140 piattaforme di robo-advisor[11] distribuite principalmente negli Stati Uniti, anche se non mancano servizi attivi Europa,[12] Australia,[13] India, Canada, e Asia. In Canada, Bmo smartfolio e Wealthsimple sono esempi di famosi robo-advisor. Anche in Italia sono presenti diversi robo-advisor, introdotti principalmente dai più importanti istituti bancari.

Metodologia[modifica | modifica wikitesto]

Gli strumenti impiegati per gestire i portafogli dei clienti differiscono dal software di gestione del portfolio largamente utilizzato in questo ambito. La principale differenza si trova nel canale di distribuzione. Fino ad ora la gestione del portafoglio viene effettuata per lo più da consulenti umani e venduta assieme a molti altri servizi. Con i robo-advisor, i clienti hanno l’accesso diretto agli strumenti di gestione del portafoglio e allo stesso tempo possono ottenere l’accesso ad agenzie broker come Charles Schwab e a vari servizi di trading.

I costi di acquisto del cliente e i vincoli di tempo affrontati da consulenti umani tradizionali hanno lasciato molti investitori della classe media impossibilitati ad ottenere dei servizi di gestione del portafoglio a causa dei minimi imposti sul capitale investito. Il piano finanziario medio ha un investimento minimo che ammonta a 50 mila dollari, mentre l’investimento minimo per i consulenti finanziari virtuali parte da 500 dollari. Inoltre, avendo dei minimi bassi sui beni mobili rispetto ai tradizionali consulenti umani, le commissioni dei robo-advisor vanno dallo 0,2% al 1,0% del patrimonio gestito, mentre nei piani finanziari tradizionali la tassa di addebito è l’1,35% del patrimonio gestito, secondo quanto indica una ricerca condotta da AdvisoryHQ News.

Negli Stati Uniti i robo-advisor devono essere consulenti di investimento registrati e sono regolati dalla Commissione per i Titoli e per gli Scambi (Securities and Exchange Commission). Nel Regno unito sono regolati dalla Financial Conduct Authority.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Ron Lieber, Financial Advice for People Who Aren’t Rich, The New York Times, 11 aprile 2014.Template:Subscription required
  2. ^ Cos'è un Robo Advisor? Come funziona? - Robo Advisor Italia, in Robo Advisor Italia, 29 agosto 2017. URL consultato il 13 novembre 2017.
  3. ^ Robo-Advisory in Wealth Management (PDF), Deloitte Consulting GmbH, October 2016.
  4. ^ Hype vs. Reality: The Coming Waves of "Robo" Adoption (PDF), A.T. Kearney, June 2015.
  5. ^ The expansion of Robo-Advisory in Wealth Management (PDF), Deloitte Consulting GmbH, August 2016.
  6. ^ Laura Grassi, Robo Advisor: cosa sono e che ruolo svolgono nel Fintech, su blog.osservatori.net.
  7. ^ Robo Advisors Take On Wall Street, su barrons.com.
  8. ^ Robo Advisors And The Great Money Movement, su forbes.com.
  9. ^ Robo Advisors And The Great Money Movement, su japantimes.co.jp.
  10. ^ Wealthfront leads robo expansion into college savings plans", su financial-planning.com.
  11. ^ Laura Grassi, La gestione risparmi nell'era Fintech: le scelte degli italiani, su blog.osservatori.net.
  12. ^ Financial Services - Robo No 2 (PDF), su www2.deloitte.com.
  13. ^ (EN) James Eyers, ASIC's Greg Medcraft says 'robo advice' can reduce fees and conflicts, in The Sydney Morning Herald, 5 novembre 2015. URL consultato il 13 novembre 2017.
Economia Portale Economia: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di economia