Robin Holcomb

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Robin Holcomb
Nazionalità Stati Uniti Stati Uniti
Genere Jazz
Folk
Periodo di attività 1988 – in attività
Album pubblicati 8
Sito web

Robin Holcomb (...) è una cantante e compositrice statunitense. Nata in una famiglia povera della Georgia si trasferì in California in cerca di fortuna. Studiò musica all'Università della California dove conobbe il suo futuro marito, il compositore e pianista Wayne Horvitz. La coppia si trasferì a New York dove entrò a far parte della "downtown scene" con un proprio gruppo: i White Noise. Più tardi i due fondarono la New York Composers Orchestra, il cui album d'esordio Todos Santos del 1988 (Sound Aspects) fu interamente composto dall'artista.[1]

L'anno seguente esordì da solista con l'album Larks They Crazy accompagnata oltre che dal marito anche da Doug Wiselman e Marty Ehrlich (clarinet, sax), David Hofstra (contrabbasso e tuba), Bob Previte (batteria). Nell'album, prevalentemente frutto del lavoro di improvvisazione, vi è solo una traccia cantata: la title track.[1]

L'artista si è poi dedicata alla messa in musica dell'opera La Tempesta di Shakespeare ed al concerto di lieder Angels at the Four Corners a cui hanno partecipato Syd Straw, Peter Blegvad e Jearlyn Steele-Battle. Si trasferisce a Seattle.

Nel successivo album da solista, l'omonimo Robin Holcomb, fu accompagnata da Doug Wieselman al clarinetto e al sax, da Dave Hofstra al basso, da Danny Frankel alle percussioni e da Bill Frisell alle chitarre. Secondo il critico Piero Scaruffi questo album ha pochi rivali nella canzone d'autore femminile.[1]

Due anni dopo esce Rockabye per la Elektra accompagnata con una formazione diversa e dallo stile meno sperimentale del precedente. Little Three del 1996 fu un lavoro quasi interamente strumentale.

Nel 2002 pubblicò The Big Time accompagnata da Bill Frisell ed il marito e che vide la partecipazione delle sorelle Kate e Anna McGarrigle

Discografia[modifica | modifica wikitesto]

Album[modifica | modifica wikitesto]

  • 1989 - Larks They Crazy (Sound Aspects)
  • 1990 - Robin Holcomb (Elektra Records)
  • 1992 - Rockabye (Elektra Records)
  • 1996 - Little Three (Nonesuch Records)
  • 2002 - The Big Time (Nonesuch Records)
  • 2005 - Solos con Wayne Horvitz
  • 2006 - John Brown's Body J (Tsadik)
  • 2009 - The Point of It All (Jewl)

Collaborazioni[modifica | modifica wikitesto]

  • Joe Hill: 16 Actions for Orchestra, Voices and Soloist
  • 2006 - Mr. Man in the Moon dei Varmint

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c The History of Rock Music. Robin Holcomb: biography, discography, reviews, links

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Scheda su Allmusic

Controllo di autorità VIAF: (EN69121127 · LCCN: (ENn91122047 · ISNI: (EN0000 0000 5519 2354 · GND: (DE134657861 · BNF: (FRcb13948723g (data)
musica Portale Musica: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di musica