Robin Bengtsson

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Robin Bengtsson
Robin Bengtsson 01 (cropped) @ Melodifestivalen 2017 - Jonatan Svensson Glad.jpg
Robin Bengtsson al Melodifestivalen del 2017
NazionalitàSvezia Svezia
GenerePop
Periodo di attività musicale2008 – in attività
EtichettaCapitol Music Group
GruppiIdol 2008 Allstars

Robin Bengtsson, pseudonimo di Hans Robin Gustav Bengtsson, conosciuto anche come B Robin (Svenljunga, 27 aprile 1990), è un cantante svedese.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Nel 2016 ha partecipato a Melodifestivalen con il brano Constellation Prize. Nel 2017 ha preso parte all'edizione successiva della manifestazione con il brano I Can't Go On, risultando vincitore e diventando il rappresentante per la Svezia all'Eurovision Song Contest 2017, tenutosi a Kiev, in Ucraina. Qui è arrivato terzo nella prima semifinale, accumulando 227 e qualificandosi perciò per la finale. Nella finale del 13 maggio ha totalizzato 344 punti, che gli hanno garantito il 5º posto su 26 partecipanti.

Ha partecipato una terza volta a Melodifestivalen nel 2020 con Take a Chance, raggiungendo nuovamente la finale del programma e piazzandosi all'8º posto su 12 partecipanti.[1]

Discografia[modifica | modifica wikitesto]

EP[modifica | modifica wikitesto]

  • 2014 - Sleep on It

Singoli[modifica | modifica wikitesto]

  • 2009 - Another Lover's Gone
  • 2010 - Long Long Night (con Kim)
  • 2012 - Tjena, Tjena Tjena (con Byz e Kriss)
  • 2012 - Cross the Universe
  • 2013 - I Don't Like to Wait
  • 2014 - Fired (con J-Son)
  • 2014 - Sleep on It
  • 2016 - Constellation Prize
  • 2017 - I Can't Go On
  • 2017 - Dark Angel
  • 2018 - Day by Day
  • 2018 - Liar
  • 2018 - I Wanna Fall in Love Again
  • 2018 - Never Born to Love
  • 2019 - The First to Know
  • 2019 - Already Know
  • 2019 - Friendzoned
  • 2019 - Mama's Song
  • 2019 - Just Let It Go
  • 2020 - Take a Chance
  • 2020 - Die for You

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EN) Neil Farren, Sweden: The Mamas to Eurovision 2020, su eurovoix.com. URL consultato l'8 marzo 2020.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàISNI (EN0000 0004 0743 8857 · Europeana agent/base/127098