Roberto di Newminster

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
San Roberto di Newminster
Stiftskirche Baumgartenberg Kanzel06.jpg
Bassorilievo sul pulpito dell'abbazia di Baumgartenberg, Austria
 

Abate

 
NascitaXI secolo
Morte6 giugno 1159
Venerato daChiesa cattolica
Santuario principaleAbbazia di Newminster
Ricorrenza7 giugno

Roberto di Newminster (Gargrave York, XI secoloNewminster, 6 giugno 1159) è stato abate benedettino di Newminster; è venerato come santo dalla Chiesa cattolica.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Nacque alla fine dell'XI secolo a Gargrave, un villaggio dello Yorkshire. Compì gli studi nell'Università di Parigi, dove sembra scrisse un commentario ai Salmi.[senza fonte] Rientrato in Inghilterra, fu ordinato sacerdote e divenne parroco nella chiesa di Gargrave.[1]

Desideroso di una vita più contemplativa, lasciò la parrocchia per prendere l'abito benedettino nell'Abbazia di Whitby. In seguito, sentì parlare dei cistercensi e ottenne il permesso dell'abate di Whitby di unirsi all'ordine di Citeaux nell'Abbazia di Fountains.[1] Accresciutasi questa abbazia, nel 1138 circa fondò la nuova Abbazia di Newminster in Northumbria, nella diocesi di Durham, e ne fu il primo abate. Newminster prosperò e durante il suo abbaziato alcuni monaci furono inviati a fondare altri tre monasteri cistercensi: Pipewell nel 1143, Roche nel 1147 e Sawley nel 1148.[2]

Secondo leggende devozionali sarebbe stato dotato di capacità profetiche.[1] In seguito alle accuse di intrattenere rapporti con una donna del luogo mossegli da alcuni monaci, Roberto volle discolparsi davanti a san Bernardo e si presentò a lui a Clairvaux, che era la guida spirituale dell'Ordine Cistercense. Questi riconobbe la sua innocenza e i due divennero amici tanto che Bernardo gli donò la sua cintura, a cui i credenti attribuirono poteri taumaturgici.[2]

Durante questo viaggio in Francia incontrò poi papa Eugenio III, nel 1147, e fu accolto con grande onore. Nel 1159 si ammalò e morì il 6 giugno, nella vigilia della festa della Santissima Trinità, tra i monaci.[3]

Culto[modifica | modifica wikitesto]

Sulla sua tomba nella Abbazia di Newminster, luogo di pellegrinaggio, si narrano numerose leggende miracolistiche. Il suo nome fu iscritto nel Martirologio Romano al 7 giugno. Dal Martirologio Romano: "A Newminster nella Northumbria in Inghilterra, san Roberto, abate, dell'Ordine Cistercense, che, desideroso di povertà e di preghiera, fondò in questo luogo insieme ad altri dodici compagni un monastero, dal quale germogliarono in breve tempo tre famiglie di monaci."

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c Matteo Liut, Una vita intensa, in Avvenire, 7 giugno 2017, p. 2.
  2. ^ a b books.google.it
  3. ^ www.santiebeati.it

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN316452578 · ISNI (EN0000 0004 5020 2532