Roberto Tardito

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Roberto Tardito
Roberto Tardito.jpg
Roberto Tardito
NazionalitàItalia Italia
GenerePop
Rock
World music
Musica sperimentale
Periodo di attività musicale2003 – in attività
Album pubblicati10[1]
Studio9
Raccolte1
Sito ufficiale

Roberto Tardito (Ivrea, 17 marzo 1984) è un musicista e cantautore italiano.

Spazia dalla sua attività principale, alla musica sperimentale, alla musica per il teatro. Ha partecipato al progetto WE7 di Peter Gabriel.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Nel 2003 ha composto delle musiche per lo spettacolo teatrale Simone Veil e nel 2005 ha partecipato al festival Tavagnasco Rock dove si è esibito con Mauro Pagani e Morgan.[2]

Nel 2007 ha pubblicato l'album Controvento, con la collaborazione di Angelo Adamo, Giorgio Cordini, Alberto Guareschi, Agostino Marangolo, Antonio Marangolo, Pier Michelatti, Vincenzo Zitello che gli permette di entrare, primo italiano, nell'ambito del progetto WE7 promosso da Peter Gabriel.[3] L'album viene presentato nello stesso anno e nel 2008 con un doppio tour europeo e attraverso la piattaforma virtuale Second Life con 116 date e oltre 45.000 spettatori.[3] Il concerto del 14 giugno 2008 a Dresda viene trasmesso in diretta dalla radio tedesca.

Sempre nel 2008 esce Distanze, un album sperimentale, composto e registrato nell'arco di tre giorni. Partecipa alla realizzazione dell'album di Vincenzo Zitello Atlas. A dicembre è pubblicato l'album Otrebor (Altri peccati di gioventù), da lui stesso prodotto, promosso con un breve tour di 19 date.

Nel 2010 scrive la biografia di Angelo Branduardi Cercando l'oro, realizzata con la collaborazione dell'artista. Nello stesso anno viene pubblicato Se fossi Dylan, il quarto album, del quale esce anche la versione inglese If I Were Dylan. L'album è prodotto con la collaborazione di musicisti provenienti da vari paesi [2] e masterizzato da Chris Stilmant. Segue un tour che tocca 35 delle principali città italiane.

Il 2011 vede invece la pubblicazione di Retrospettiva, antologia di brani eseguiti in una nuova versione, e di Porto Argo, album di inediti, tra cui un brano composto da Vincenzo Zitello. Segue il relativo tour europeo.[4]

Nel 2012 viene pubblicato Punto di fuga, ottavo album dell'artista, realizzato con la collaborazione di musicisti europei e americani, tra i quali Riccardo Galardini, Steve Cooper, Peter Sitka, Nathan Steers e Carlos Meza, oltre ad un'orchestra di 26 elementi diretta da Fyodor Vyrapàev.

Nel 2014 viene pubblicato Era una gioia appiccare il fuoco, album prodotto da Fabrizio Barale e Roberto Tardito, realizzato con la collaborazione di Claudio Fossati, Riccardo Galardini, Max Gelsi, Guido Guglielminetti, Simone Lombardo, Milen Slavov.

Il 2017 è l'anno della pubblicazione di Aquarium, un album completamente acustico, composto da brani già pubblicati e realizzato con Fabrizio Barale, Riccardo Galardini, Max Gelsi e Vincenzo Zitello. A poca distanza esce anche Llibre Vermell de Montserrat (The old pilgrims' music), dedicato al manoscritto contenente una collezione di canti e danze medievali, conservato presso il Monastero di Montserrat, nei pressi di Barcellona.

Discografia[modifica | modifica wikitesto]

Album[modifica | modifica wikitesto]

Singoli[modifica | modifica wikitesto]

Raccolte[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF: (EN107867251 · ISNI: (EN0000 0003 8523 051X · BNF: (FRcb16629631j (data)