Roberto Lasagna (critico cinematografico)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

Roberto Lasagna (Alessandria, 1967 ...) è un saggista e critico cinematografico italiano.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Roberto Lasagna è un saggista e critico cinematografico, autore di numerosi libri. Ha contribuito allo studio dell’opera di Stanley Kubrick con tre saggi: 'I film di Stanley Kubrick' (1997); 'Il mondo di Kubrick. Cinema, estetica, filosofia' (2015); '2001: Odissea nello spazio di Stanley Kubrick (2018)[1].

Dopo avere fondato, con Davide D'Alto e Saverio Zumbo, le Edizioni Falsopiano nel 1996, dal 1998 ha iniziato a scrivere sulla rivista di cinema Duel, poi Duellanti, continuando a dedicarsi alla saggistica e alla divulgazione culturale.

Laureato in psicologia, in filosofia e in economia, ha scritto una storia del cinema della Disney (due edizioni, nel 2001 e nel 2011) e un saggio sui rapporti tra cinema e psicologia del lavoro ("Da Chaplin a Loach"), oltre a libri su Scorsese, Von Trier, Spielberg, Wenders, Price[2], Meyer, Pacino, Lester, Tarantino.

Nel 2019 e nel 2020 ha condiviso con Giorgio Simonelli la direzione artistica del Festival Adelio Ferrero - Cinema e Critica. Roberto Lasagna è anche tra i principali promotori del Premio Adelio Ferrero, dedicato alla critica cinematografica, che venne istituito nel 1978 da Lorenzo Pellizzari per ricordare la figura e l'opera di Adelio Ferrero.

Il libro "America perduta. Il cinema di Michael Cimino", scritto con Massimo Benvegnù (Falsopiano, 1998), è il primo saggio italiano in ordine di tempo ad affrontare esaustivamente l'opera e la vicenda artistica del regista de "I cancelli del cielo"; un testo arricchito dal contributo introduttivo di Renato Venturelli, dalle interviste inedite a Kris Kristofferson e Steven Bach.

"Anestesia di solitudini. Il cinema di Yorgos Lanthimos", scritto con Benedetta Pallavidino (Mimesis, 2019) e con l’intervento introduttivo di Giulio Sangiorgio, è il primo volume dedicato al regista che con i suoi film è stato capace di raffigurare il nuovo corso del cinema greco.

"Jerry e Robin. Pensare divertente", scritto con Anton Giulio Mancino (Falsopiano, 2020), e con la prefazione di Steve Della Casa, rappresenta una novità nell'editoria cinematografia: restituisce con sguardo originale il racconto in parallelo della vita e dell'opera di Jerry Lewis e Robin Williams.

Roberto Lasagna collabora con le riviste “Cinecritica”, “Carte di cinema”, “InsideTheshow.it”.

Opere[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ 2001: Odissea nello spazio di Stanley Kubrick | Il Mucchio Selvaggio, in Il Mucchio Selvaggio. URL consultato il 25 agosto 2018 (archiviato dall'url originale il 25 agosto 2018).
  2. ^ LIBRI DI CINEMA - Essere Vincent Price, a cura di Roberto Lasagna - SentieriSelvaggi, su www.sentieriselvaggi.it. URL consultato il 25 agosto 2018.
  3. ^ LIBRI DI CINEMA - “Walt Disney – Una storia del cinema”, di Roberto Lasagna, su SentieriSelvaggi, 8 dicembre 2012. URL consultato il 18 ottobre 2020.
  4. ^ Tommaso Tronconi, Migliori libri su Kubrick: 5 titoli sul regista di film come Lolita e Shining, su Onesto e spietato, 10 gennaio 2019. URL consultato il 18 ottobre 2020.
  5. ^ entespettacolo.org, https://www.entespettacolo.org/2019/08/30/venezia76-il-programma-feds-di-sabato-31-agosto/.
  6. ^ Stefano Giani, Quel lavoro da Chaplin a Ken Loach, su ilGiornale.it, 6 maggio 2019. URL consultato il 18 ottobre 2020.
  7. ^ LIBRI DI CINEMA - Anestesia di solitudini. Il cinema di Yorgos Lanthimos, su SentieriSelvaggi, 23 dicembre 2019. URL consultato il 18 ottobre 2020.
  8. ^ Nemico (e) immaginario. Anestesia di solitudini nella gamification contemporanea, su Carmilla on line, 27 gennaio 2020. URL consultato il 18 ottobre 2020.
  9. ^ “Kill Bill 1&2” di Roberto Lasagna, su SoloLibri.net. URL consultato il 18 ottobre 2020.
Controllo di autoritàVIAF (EN229516 · ISNI (EN0000 0000 7731 2994 · LCCN (ENn99258237 · WorldCat Identities (ENlccn-n99258237