Roberto Cingolani

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Roberto Cingolani
Roberto Cingolani - Festival Economia 2018.jpg

Ministro dell'ambiente e della tutela del territorio e del mare
In carica
Inizio mandato 13 febbraio 2021
Capo del governo Mario Draghi
Predecessore Sergio Costa

Dati generali
Partito politico Indipendente
Titolo di studio Laurea in fisica
Università Università di Bari

Roberto Cingolani (Milano, 23 dicembre 1961[1]) è un fisico e accademico italiano, dal 13 febbraio 2021 ministro dell'ambiente e della tutela del territorio e del mare[2] nel governo Draghi.

È stato responsabile dell'innovazione tecnologica di Leonardo sino al 2021, dopo aver ricoperto, dal 2005 al 2019, la carica di direttore scientifico dell'Istituto italiano di tecnologia (IIT) di Genova.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Trascorre l'infanzia a Bari[3] e si laurea in fisica presso l'Università degli Studi di Bari Aldo Moro nel 1985. Sempre a Bari ha conseguito il dottorato nel novembre 1988. Nel 1990 si è perfezionato alla Scuola Normale Superiore di Pisa. Dal 1988 al 1991 è stato membro dello staff della Società Max Planck di Stoccarda in Germania, sotto la direzione del premio Nobel per la fisica professor Klaus von Klitzing. Successivamente avrebbe dovuto trasferirsi in via definitiva in Giappone per lavorare presso l'Università imperiale di Tokyo, ma dovette tornare in Italia[4] a causa della morte del padre.[3]

Dal 1991 al 1999 è stato prima ricercatore e poi professore associato di fisica generale presso il Dipartimento di scienza dei materiali dell'Università del Salento (all'epoca chiamata Università di Lecce). Fra il 1997 e il 2000 è stato professore in visita presso l'Università di Tokyo, in Giappone e poi presso la Virginia Commonwealth University, negli Stati Uniti.[5] Dal 2000 al 2005 è stato professore ordinario di fisica generale presso la Facoltà d'Ingegneria dell'Università del Salento, dove ha fondato e diretto il Laboratorio Nazionale di Nanotecnologie di Lecce.[6]

Nel 2001 ha lavorato come perito per la Procura di Roma effettuando alcune perizie relative al caso Marta Russo e al caso Unabomber.[7] Dal dicembre 2005 è direttore scientifico dell'Istituto italiano di tecnologia (IIT) di Genova, di cui viene anche considerato una sorta di amministratore delegato.[8] Nel dicembre 2015, gli viene assegnato il Premio Roma per lo Scienza "per aver dato vita, con l'Istituto Italiano di Tecnologia, a un centro di ricerca avanzata di grande rilevanza nazionale e internazionale, combinando straordinarie capacità di analisi scientifica, di coordinamento organizzativo e di correttezza amministrativa".[9]

Nel 2016 lavora alla nascita dello Human Technopole di Milano, il progetto per una cittadella di Scienza della vita. Il 27 giugno 2019 viene nominato Chief Technology and Innovation Officer della società del settore difesa e aerospazio Leonardo[10] diventando operativo dal 1º settembre 2019.[11]

Il 12 febbraio 2021 viene nominato Ministro dell'ambiente e della tutela del territorio e del mare nel governo Draghi, prestando giuramento il giorno successivo ed entrando ufficialmente in carica.

Vita privata[modifica | modifica wikitesto]

Sposato una prima volta con Rosaria Rinaldi, docente di fisica, e una seconda volta con Athanassia (Nassia) Athanassiou, fisica di origini greche, ha tre figli.[12]

Premi[modifica | modifica wikitesto]

  • Premio Giovani ricercatori della Philips (1980)
  • Premio Giovani ricercatori della Philips (1981)
  • Premio della Società Italiana di Fisica (1986)
  • Premio della Società Italiana di Fisica (1990)
  • Premio "Ugo Campisano' dell'Istituto Nazionale per la Fisica della Materia (1999)
  • Premio Società Italiana di Fisica - STMicroelectronics (2000)
  • Premio grande Ippocrate per il ricercatore medico dell'anno (2010)
  • Premio Tech for Good - Thinker Award da parte di IBM (2018)

Opere[modifica | modifica wikitesto]

Onorificenze[modifica | modifica wikitesto]

Commendatore Ordine al Merito della Repubblica Italiana - nastrino per uniforme ordinaria Commendatore Ordine al Merito della Repubblica Italiana
«Di iniziativa del Presidente della Repubblica»
— 21 settembre 2006 [13]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Pagina ufficiale sul sito web dell'IIT Archiviato il 28 gennaio 2012 in Internet Archive.
  2. ^ Il professore Roberto Cingolani è il nuovo Ministro dell'ambiente, su minambiente.it, 13 febbaio 2021. URL consultato il 15 febbraio 2021.
  3. ^ a b Riccardo Luna, Divertimento, avventura e competizione. Ecco gli ingredienti per fare ricerca, in la Repubblica, 9 aprile 2013. URL consultato il 15 febbraio 2021.
  4. ^ Raffaele Oriani, Ma gli androidi italiani sognano trenette al pesto?, Wired, 1° novembre 2011. URL consultato il 15 febbraio 2021 (archiviato dall'url originale il 2 novembre 2011).
  5. ^ Intervista a Roberto Cingolani, direttore scientifico dell'IIT, su sites.google.com. URL consultato il 15 febbraio 2021.
  6. ^ Istituto italiano di tecnologia: dieci risposte, su cattaneo-lescienze.blogautore.espresso.repubblica.it. URL consultato il 15 febbraio 2021.
  7. ^ Processo d'appello per l'omicidio della studentessa Marta Russo, su Radio Radicale, 22 gennaio 2001. URL consultato il 15 febbraio 2021.
  8. ^ Commissioni Finanze e Attività produttive, commercio e turismo della Camera, su Radio Radicale, 19 febbraio 2015. URL consultato il 15 febbraio 2021.
  9. ^ A Laura Biagiotti il Premio Roma allo sviluppo del Paese, in Il Sole 24 Ore, 3 dicembre 2015. URL consultato il 15 febbraio 2021.
  10. ^ Leonardo: Profumo rafforza la squadra di vertice e crea 3 unita' organizzative, in Il Sole 24 ORE Radiocor, 13 settembre 2019. URL consultato il 15 febbraio 2021.
  11. ^ E dopo 15 anni lascia Cingolani ora tocca a Metta, in la Repubblica, 24 luglio 2019. URL consultato il 15 febbraio 2021.
  12. ^ Governo Draghi, la "parentopoli" del neo ministro alla Transizione ecologica, su basilicata24.it, 16 febbraio 2021. URL consultato il 20 febbraio 2021.
  13. ^ Cingolani, Prof. Roberto, su quirinale.it. URL consultato il 15 febbraio 2021.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN27144928029554340303 · SBN IT\ICCU\CFIV\321410 · LCCN (ENn2014189029 · WorldCat Identities (ENlccn-n2014189029