Roberto Cicutto

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

Roberto Cicutto (Venezia, 9 maggio 1948) è un produttore cinematografico italiano.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Nasce a Venezia dove consegue la maturità classica liceo Marco Polo.

Nel 1978 fonda la società di produzione cinematografica AURA film con cui vince il Leone d'oro a Venezia per la pellicola La leggenda del santo bevitore diretto da Ermanno Olmi. Nel 1984 fonda con Luigi Musini la Mikado Film, casa di distribuzione e produzione cinematografica con cui ha distribuito e prodotto film dei più rappresentativi registi italiani e stranieri. Nel 1997 crea con Nanni Moretti e Angelo Barbagallo la Sacher Distribuzione. Nel 1993 con Angelo Barbagallo, Nanni Moretti e Luigi Musini fonda la Sacher Distribuzione; è stato inoltre partner di Ermanno Olmi nella società di produzione Cinemaundici.[1]

Nel 1994, in occasione del centenario della nascita del cinema, viene insignito dal Presidente della Repubblica Commendatore con altre personalità del cinema

Nel 2009 è Direttore del Mercato Internazionale del Film.

Per alcuni anni è membro del Consiglio di Ace (Atelier du Cinéma Européen), EFA (Euyropean Film Academy) e del Centro Sperimentale di Cinematografia.

Dal 2009 ricopre la carica di Presidente e Amministratore Delegato di Istituto Luce-Cinecittà srl.[1]

A gennaio 2020 il Ministro dei beni e delle attività culturali e del turismo Dario Franceschini lo nomina presidente della Fondazione la Biennale di Venezia ruolo che prenderà dal 29 febbraio 2020.[2][3]

Filmografia[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b Cicutto CV, su cinecitta.com.
  2. ^ Roberto Cicutto è il nuovo presidente della Biennale di Venezia, su La Nuova di Venezia, 27 gennaio 2020. URL consultato il 14 febbraio 2020.
  3. ^ Franceschini, Cicutto nuovo presidente della Biennale - Ultima Ora, su Agenzia ANSA, 27 gennaio 2020. URL consultato il 14 febbraio 2020.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN61454264 · BNE (ESXX4842593 (data)