Roberto Carignani

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

Roberto Carignani (Napoli, 1894Napoli, 1975) è stato un pittore italiano.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Studiò all'Accademia di belle arti di Napoli, dove fu allievo di Michele Cammarano, di Edoardo Dalbono e di Vincenzo Volpe. Espose per la prima volta a Roma, poi a Napoli,[1], dove divenne un pittore apprezzato.[2]

Esordì insieme a Luigi Crisconio e fu considerato fra i più promettenti artisti della sua generazione. La sua vena artistica fu incoraggiata da pittori napoletani, come Michele Cammarano, del quale alcuni critici lo consideravano un erede. Fu allievo di Edoardo Dalbono, di Giuseppe De Sanctis e di Vincenzo Volpe, artisti legati alla scuola di Domenico Morelli.

Opere[modifica | modifica wikitesto]

Dipinse per committenti ecclesiastici, distinguendosi per lo stile bizzarro e teatrale. Lasciò opere nel Santuario della Madonna di Campiglione, di Caivano[1] e nella Chiesa dei Santi Teresa e Giuseppe ai Ponti Rossi di Napoli.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b Giacinto Libertini (a cura di), Il Santuario della Madonna di Campiglione di Caivano, Istituto di Studi Atellani, 2004.
  2. ^ Ugo Campisani, Artisti calabresi: Otto-Novecento : pittori, scultori, storia, opere, Pellegrini editore, 2005, p. 73, ISBN 9788881012510.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]