Roberto Carboni

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Roberto Carboni, O.F.M.Conv.
vescovo della Chiesa cattolica
Coat of arms of Roberto Carboni.svg
Per Caritatem Servite Invicem
Titolo Ales-Terralba
Incarichi attuali Vescovo di Ales-Terralba (dal 2016)
Nato 12 ottobre 1958 (59 anni) a Scano di Montiferro
Ordinato diacono 9 settembre 1983 dall'arcivescovo Virgilio Noè (poi cardinale)
Ordinato presbitero 29 settembre 1984 dal vescovo Giovanni Pes
Nominato vescovo 10 febbraio 2016 da papa Francesco
Consacrato vescovo 17 aprile 2016 dall'arcivescovo Paolo Atzei, O.F.M.Conv.

Roberto Carboni (Scano di Montiferro, 12 ottobre 1958) è un vescovo cattolico italiano, dal 10 febbraio 2016 vescovo di Ales-Terralba.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

È nato il 12 ottobre 1958 a Scano di Montiferro, nell'allora diocesi di Bosa

Formazione e ministero sacerdotale[modifica | modifica wikitesto]

Dopo la maturità classica conseguita nel 1977, ha conseguito il baccellierato in filosofia presso l'Istituto teologico Sant'Antonio Dottore di Padova nel 1980 e quello in teologia presso la Pontificia facoltà teologica San Bonaventura (Seraphicum) di Roma nel 1983.[1]

Nel 1986, sempre a Roma, ha conseguito la licenza in psicologia presso la Pontificia Università Gregoriana.[1]

Entrato in seminario a Padova nel 1977, ha emesso la professione solenne dei voti nel 1982.[2]

Il 9 aprile dell'anno successivo è stato ordinato diacono presso il collegio Seraphicum di Roma dall'allora arcivescovo (poi diventuto cardinale) Virgilio Noè,[2] segretario della Congregazione per i Sacramenti e il Culto Divino e poi il 29 settembre 1984 è stato ordinato presbitero nella chiesa di San Francesco d'Assisi di Oristano da Giovanni Pes, vescovo di Alghero e Bosa.[1]

Dopo l'ordinazione, fra l'altro, è stato docente incaricato di psicologia presso la Pontificia facoltà teologica della Sardegna di Cagliari per otto anni dal 1993 al 2001.[1]

Nel 2001 è andato missionario a Cuba con i frati della provincia delle Marche.[3]

Rientrato in Italia nel 2013, è stato segretario generale per la formazione nel suo ordine fino al 2016.[3]

Dal 1989 al 2003 è stato iscritto all'albo degli psicologi e psicoterapeuti della Sardegna mentre dal 1997 è iscritto all'albo dei giornalisti pubblicisti.[1]

Ministero episcopale[modifica | modifica wikitesto]

È stato nominato vescovo di Ales-Terralba il 10 febbraio 2016 da papa Francesco, succedendo a Giovanni Dettori, dimessosi per raggiunti limiti di età.

È stato consacrato vescovo il 17 aprile successivo in piazza Mons. Antonio Tedde ad Ales da Paolo Atzei, arcivescovo metropolita di Sassari, coconsacranti Mauro Maria Morfino, vescovo di Alghero-Bosa, e Giovanni Dettori, suo predecessore nella diocesi; subito dopo ha preso possesso canonico della diocesi in cattedrale.[senza fonte]

Opere[modifica | modifica wikitesto]

  • La minorità francescana nel cammino formativo, con Faustino Ossanna e Gabriele Lupi, Padova, Messaggero, 1999, ISBN 88-250-0822-8.
  • Casti per amare: la castità nel cammino formativo, con Anna Bissi ed Enzo Fortunato, Padova, Messaggero, 2002, ISBN 88-250-1075-3.

Genealogia episcopale[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c d e Fra Roberto Carboni nuovo Vescovo della diocesi di Ales-Terralba, su ofssardegna.it. URL consultato il 26 dicembre 2017.
  2. ^ a b S.E. Rev.ma. Mons. Roberto CARBONI, OFM Conv., su vescovo.diocesialesterralba.va.it. URL consultato il 26 dicembre 2017.
  3. ^ a b Rinunce e nomine: Rinuncia del Vescovo di Ales-Terralba (Italia) e nomina del successore, su press.vatican.va. URL consultato il 26 dicembre 2017.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN310703625 · GND (DE1059084678