Roberta Alloisio

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Roberta Alloisio
Roberta Alloisio.jpg
NazionalitàItalia Italia
GenereMusica d'autore
Folk
Tango
Teatro canzone
Periodo di attività musicale1977 – 2017
StrumentoCanto
EtichettaCompagnia Nuove Indye, OrangeHomeRecords
Album pubblicati4
Studio4

Roberta Alloisio (Alessandria, 12 febbraio 1964Genova, 3 marzo 2017) è stata una cantante, attrice e cantautrice italiana, piemontese d'origine ma genovese d'adozione, figlia di Sergio Alloisio e sorella di Gian Piero Alloisio (cantautore e drammaturgo).

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Trasferitasi a Genova con la famiglia nel quartiere di Oregina, debutta giovanissima fra i componenti dell'Assemblea Musicale Teatrale, gruppo fondato dal fratello Gian Piero Alloisio, partecipando con loro nel 1977 all'edizione del Premio Tenco di quell'anno[1].

Nel 1981 è diretta in teatro da Giorgio Gaber ne Gli ultimi viaggi di Gulliver[2] e in seguito è in scena in numerosi spettacoli teatrali fino alla collaborazione stabile con il Teatro della Tosse di Genova e la Stagione Ragazzi del Teatro dell’Opera di Genova. Sempre in ambito teatrale, collabora inoltre, in modo continuativo, con la Compagnia del Festival Suq e nel 2006 con Carla Peirolero, attrice e regista, presentano al Mittelfest di Moni Ovadia Esistenza soffio che ha fame con don Andrea Gallo. La collaborazione con don Andrea Gallo s'interromperà solo con la morte del presbitero, nel 2013.

Nel 2008 è in scena con Massimo Venturiello in Io Federico prodotto da Schegge di Mediterraneo e partecipa a Storia della meraviglia cofanetto cd edito da Feltrinelli e tratto dallo spettacolo con Gian Piero Alloisio e Maurizio Maggiani.

Nel 2010 è in scena al Teatro della Tosse con Adolfo Margiotta con lo spettacolo dedicato a Piero Ciampi Tutte le carte in regola per essere Piero. Sempre nel 2010 recita al Teatro Stabile di Genova in Mama Africa omaggio a Miriam Makeba ed è in scena ne Il Trombettiere con David Riondino, Mario Arcari e Gabriele Mirabassi

In ambito musicale, ancora giovanissima, affianca in qualità di vocalist molti importanti artisti italiani, compiendo, in questa veste, numerose tournée in Italia, Europa, Stati Uniti, Canada, Unione Sovietica ed esibendosi in molte trasmissioni televisive, tra le quali Domenica In, Festivalbar, Azzurro, Raffaella Carrà Show, Saint Vincent, Sanremo International.

Nel 2000 partecipa con il fratello Gian Piero al concerto-evento Faber, amico fragile in onore e in memoria di Fabrizio De André, interpretando l'inedito King e all'omonimo successivo progetto discografico, premiato con il disco di platino (BMG 2003).

Nel 2007 esce il suo primo cd da solista, Lengua Serpentina, (Compagnia Nuove Indye) in collaborazione con l'Orchestra Bailam che viene recensito come "uno tra i 10 dischi più belli del 2007", (fonte Cartadamusica), e che le offre l'opportunità di essere conosciuta anche oltre i confini nazionali e di esibirsi live su importanti palchi, sia in Italia che fuori.

Nel 2011 e sempre per l'etichetta CNI, esce un nuovo lavoro discografico Janua, (antico nome di Genova che significa porta[2]), per il quale viene premiata con la Targa Tenco, (miglior interprete)[3] e il Premio Città di Loano 2012. Contemporaneamente comincia il lungo tour Recanto che la vede accompagnata sui palchi dal chitarrista Armando Corsi.

Nel 2013 viene invitata a partecipare al progetto Uommene (Uomini), di Gino Magurno e Pietra Montecorvino, in concomitanza con la Giornata internazionale per l'eliminazione della violenza contro le donne, indetta il 25 novembre dall'ONU. Al progetto aderiscono la redazione di Blob, che ne realizzerà un cortometraggio, Amnesty International, la Casa Internazionale delle Donne di Roma e Legambiente. Il progetto prevede che il medesimo brano venga interpretato da diverse artiste, ciascuna nel proprio dialetto originario. La versione in genovese, interpretata da Roberta Alloisio, s'intitola Ommi.

Il 4 ottobre 2014 viene presentato "Xena Tango", disco realizzato in collaborazione con Luis Bacalov e Walter Rios, considerato l'erede di Astor Piazzolla, e che si avvale, tra gli altri, di autori come Carlo Marrale, Umberto Bindi, Ivano Fossati, Vittorio De Scalzi. Accompagnato da un libro curato da Giampiero Vigorito. (Fonte Adnkronos[4])

Per l'album "Xena Tango", Roberta Alloisio viene indicata tra le candidate, nella sezione Interpreti, alla Targa Tenco 2015.

Il 7 gennaio 2017 presenta assieme a Armando Corsi, anch'esso vincitore della Targa Tenco l'album "Luigi", dedicato a Luigi Tenco a cinquant'anni dal suo suicidio[5].

Nel marzo 2016 contribuisce al progetto "Animantiga: voci tra Corsica e Liguria" dove collaborano musicisti liguri e còrsi come Stéphane Casalta e Patrizia Gattaceca[6].

È scomparsa il 3 marzo 2017 all'età di 53 anni, colpita da un arresto cardiaco nella sua abitazione nel centro storico di Genova[7].

Riconoscimenti[modifica | modifica wikitesto]

  • 2007 Rassegna Nazionale Città di Loano per la musica tradizionale italiana. (Album: Lengua Serpentina)
  • 2009 Premio "Teresa Viarengo", riservato ad artiste italiane impegnate nell'interpretazione di musica tradizionale ed etnica
  • 2011 Targa Tenco come miglior interprete, (Album: Janua).
  • 2012 Premio nazionale Città di Loano, come miglior disco, (Album: Janua)

Discografia[modifica | modifica wikitesto]

Collaborazioni[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Il Dizionario della Canzone Italiana – Nuovo Millennio, (a cura di Gino Castaldo), editore Curcio; alla voce Alloisio, Roberta
  • Genova e la canzone d'autore - a cura di Enrico De Angelis - Club Tenco - alla voce La scena femminile e I dialettali
  • In Verbis - Lingue Letterature Culture - Lingua di Donna, Roberta Alloisio canta i dialetti di Genova, di Lorenzo Coveri

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]