Robert Sarah

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Robert Sarah
cardinale di Santa Romana Chiesa
Cardinal Robert Sarah (cropped).JPG
Il cardinale Sarah il 5 marzo 2015
Coat of arms of Robert Sarah.svg
Sufficit tibi gratia mea
 
TitoloCardinale diacono di San Giovanni Bosco in via Tuscolana
Incarichi attualiPrefetto della Congregazione per il Culto Divino e la Disciplina dei Sacramenti
(dal 2014)
Incarichi ricoperti
 
Nato15 giugno 1945 (75 anni) ad Ourous
Ordinato presbitero20 luglio 1969 dall'arcivescovo Raymond-Maria Tchidimbo, C.S.Sp.
Nominato arcivescovo13 agosto 1979 da papa Giovanni Paolo II
Consacrato arcivescovo8 dicembre 1979 dal cardinale Giovanni Benelli
Creato cardinale20 novembre 2010 da papa Benedetto XVI
 

Robert Sarah[1] (Ourous, 15 giugno 1945) è un cardinale e arcivescovo cattolico guineano, dal 23 novembre 2014 prefetto della Congregazione per il culto divino e la disciplina dei sacramenti. È un convinto difensore della Tradizione liturgica e dottrinale della Chiesa cattolica.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

È nato il 15 giugno 1945 a Ourous, un villaggio dell'arcidiocesi di Conakry in Guinea, che allora era colonia francese. La famiglia, già di religione animista e convertita al cattolicesimo, apparteneva alla minoranza etnica dei Conagui.[2]

Formazione[modifica | modifica wikitesto]

Nel 1957 entrò nel seminario minore "Saint Augustine" di Bingerville, in Costa d'Avorio, dove studiò per tre anni, sino a quando le tensioni fra questo Paese e la Guinea, che nel frattempo aveva ottenuto l'indipendenza, lo indussero a rientrare in patria, trasferendosi presso il seminario della Congregazione dello Spirito Santo, a Dixinn. La permanenza si protrasse per pochi mesi, perché nell'agosto 1961 il governo autocratico del dittatore guineano Ahmed Sékou Touré confiscò le proprietà ecclesiastiche. Sarah fu così costretto a studiare da autodidatta sino a quando, nel 1962, le autorità religiose cattoliche ottennero di poter aprire un nuovo seminario a Kindia. Qui nel 1964 ottenne il baccalaureato in Teologia e successivamente si trasferì presso il seminario maggiore di Nancy, in Francia. La crisi diplomatica fra la Francia e l'ex colonia guineana constrinse Sarah a lasciare l'Europa e completare gli studi teologici a Sébikotane in Senegal.[3] Il 20 luglio 1969 fu ordinato presbitero nella cattedrale di Sainte Marie a Conakry, dall'arcivescovo Raymond-Maria Tchidimbo.

Dopo l'ordinazione riprese gli studi. Dal 1969 al 1974 soggiornò a Roma dove ottenne la licenza in teologia presso la Pontificia Università Gregoriana. Nel frattempo aveva conseguito anche la licenza in Sacra Scrittura presso lo Studium Biblicum Franciscanum di Gerusalemme. Rientrò in Guinea nel 1974.[4]

Ministero episcopale[modifica | modifica wikitesto]

Il 13 agosto 1979 papa Giovanni Paolo II lo nominò arcivescovo metropolita di Conakry. A 34 anni prese così il posto dell'arcivescovo Raymond-Maria Tchidimbo, che dopo molti anni di prigionia era stato costretto alle dimissioni e all'esilio. Ricevette l'ordinazione episcopale l'8 dicembre successivo nella cattedrale di Sainte Marie a Conakry dal cardinale Giovanni Benelli, coconsacranti l'arcivescovo Luc Auguste Sangaré e il vescovo Jean Pierre Marie Orchampt.

Negli anni dell'episcopato, Sarah operò per assicurare alla Chiesa l'indipendenza dal regime autocratico di Touré e, nonostante le persecuzioni di sacerdoti e laici, non si sottrasse dal pronunciare discorsi contro il potere politico anche durante gli anni della presidenza di Lansana Conté. Questo gli permise di diventare uno dei leader più rispettati tra i guineani e di essere considerato una possibile guida durante la transizione politica del Paese.[5]

Robert Sarah è stato presidente della Conferenza episcopale della Guinea dal 1985 al 2001.

Il trasferimento nella Curia vaticana e il cardinalato[modifica | modifica wikitesto]

Il 1º ottobre 2001 Giovanni Paolo II ha chiamato Robert Sarah presso la Curia romana, nominandolo segretario della Congregazione per l'evangelizzazione dei popoli[6]; Sarah ha preso il posto dell'arcivescovo Marcello Zago, deceduto il 1º marzo di quell'anno.

Il 7 ottobre 2010 papa Benedetto XVI lo ha nominato presidente del Pontificio consiglio "Cor Unum"[7] al posto del cardinale Paul Josef Cordes, dimessosi per raggiunti limiti d'età.

Nel concistoro del 20 novembre 2010 papa Benedetto XVI lo ha creato cardinale diacono di San Giovanni Bosco in via Tuscolana. Sarah è il primo cardinale guineano. Il 30 gennaio 2011 ha preso possesso della diaconia.

Il 12 e il 13 marzo 2013 ha partecipato come cardinale elettore al conclave che ha portato all'elezione di papa Francesco.

Il 23 novembre 2014 papa Francesco lo ha nominato prefetto della Congregazione per il culto divino e la disciplina dei sacramenti[8]. Sarah succede al cardinale Antonio Cañizares Llovera, che era stato nominato arcivescovo metropolita di Valencia.

Nel giugno del 2020 viene riconfermato come prefetto della congregazione per il culto divino e la disciplina dei sacramenti.

È uno dei cardinali che celebra la messa tridentina dopo la riforma liturgica.

È membro della Congregazione per l'evangelizzazione dei popoli.

Dall'8 giugno 2018 è cardinale protodiacono de facto, essendo il cardinale diacono elettore di più antica creazione.

Posizioni teologiche, morali, sociali e su temi politici[modifica | modifica wikitesto]

Nel febbraio 2015 pubblica il libro Dio o niente per i tipi della casa editrice francese Fayard. Nella presentazione dell'opera Famille Chretienne afferma che "l'Africa potrebbe diventare la punta di lancia della Chiesa nella sua opposizione alla decadenza occidentale".

Parlando di "abbandono" afferma: "Nella mia vita, Dio ha fatto tutto; da parte mia non ho voluto che pregare. Sono sicuro che il rosso del mio cardinalato è veramente il riflesso del sangue della sofferenza dei missionari che sono venuti fino al fondo dell'Africa per evangelizzare il mio villaggio".

Sull'ideologia del gender scrive: "Per quel che riguarda il mio continente voglio denunciare con forza una volontà d'imporre dei falsi valori utilizzando argomenti politici e finanziari. In alcuni Paesi africani sono stati creati ministeri dedicati alla teoria del gender in cambio di sostegno economico! Queste politiche sono tanto più odiose in quanto la maggior parte delle popolazioni africane è senza difesa, alla mercé d'ideologi occidentali fanatici".

È particolarmente chiaro sulla XIV Assemblea generale ordinaria del Sinodo dei vescovi, avente per tema la famiglia, e verso i seguaci della linea Kasper: "L'idea che consisterebbe nel rinchiudere il Magistero in un bello scrigno staccandolo dalla pratica pastorale che potrebbe evolvere secondo le circostanze, le mode e le passioni, è una forma di eresia, una pericolosa patologia schizofrenica. Affermo dunque con solennità che la Chiesa d'Africa si opporrà fermamente a ogni ribellione contro l'insegnamento di Gesù e del Magistero"[9].

Nel 2016, il cardinale Robert Sarah ha richiamato pubblicamente l'attenzione dei fedeli sull'importanza della Visita al Santissimo Sacramento stendendo la prefazione a un testo postumo di mons. Alessandro Maggiolini, Visita a Gesù nell'Eucaristia[10], e presentandola come "la sorgente della vita interiore: l'adorazione di Gesù Cristo, Dio fatto uomo, perché sappiamo e crediamo che in Lui è l'unico vero Dio, e pertanto ci inginocchiamo e prostriamo davanti alla Santa Eucaristia".

In occasione della XV Assemblea generale ordinaria del Sinodo dei vescovi del mese di ottobre 2018, dedicato al tema dei giovani, il cardinale Sarah ha dichiarato che se alcuni giovani non sono d'accordo con l'insegnamento morale cattolico, anche nel campo della sessualità, ciò non significa che gli insegnamenti della Chiesa siano poco chiari o che dovrebbero cambiare. Secondo il cardinale, infatti, la Chiesa e i suoi pastori dovrebbero «proporre coraggiosamente l'ideale cristiano corrispondente alla dottrina morale cattolica e non annacquarla, nascondendo la verità per attirare i giovani nel seno della Chiesa». Secondo il cardinale, inoltre, i giovani sono caratterizzati da un idealismo e alte finalità non solo per ambizioni personali e professionali, ma anche nei confronti della «giustizia, trasparenza nella lotta alla corruzione [e] nel rispetto della dignità umana», la cui sottovalutazione e mancata promozione sono una grave mancanza di rispetto nei loro confronti, che «preclude le porte della loro crescita, maturazione e santità», privando la società della risorsa più preziosa per il suo futuro[11][12].

A inizio 2020, pubblica un saggio sul sacerdozio cattolico dal titolo Dal profondo dei nostri cuori, in cui esprime forti critiche all'eventualità di ordinare come tali uomini sposati: "lo stato coniugale riguarda l’uomo nella sua totalità, e dato che servire il Signore richiede tutte le risorse di una persona non sembra possibile che le due vocazioni si realizzino contemporaneamente"[13]. Il libro, tra le tante cose, è una risposta "ideale" all'apertura della Chiesa cattolica ai "viri probati", ossia alla possibilità di ordinare sacerdoti uomini sposati, "anziani" e di "chiara fede", punto di riferimento per comunità locali e periferiche non facilmente raggiungibili da un sacerdote regolarmente ordinato[14]. A seguito delle anticipazioni pubblicate dal quotidiano Le Figaro, in cui sono riportati alcuni estratti attribuiti al papa emerito Benedetto XVI e in cui traspare una netta chiusura al sacerdozio per gli uomini sposati, la partecipazione del già papa Benedetto XVI alla stesura del libro come co-autore è stata smentita pubblicamente tramite il suo segretario particolare mons. Gänswein, mentre è stato confermato che il Papa Emerito è l'autore di un contributo ospitato all'interno del volume. In particolare mons. Gänswein, con una nota rilasciata alle agenzie di stampa, ha chiesto al cardinale Sarah di togliere il nome di Benedetto XVI dalla copertina, dall'introduzione e dalle conclusioni del libro, specificando che "si è trattato di un malinteso, senza mettere in dubbio la buona fede del Cardinale Sarah”[15]. Dal canto suo, il cardinale Sarah ha pubblicato, sul proprio account ufficiale di Twitter[16], delle lettere di Benedetto XVI che alludono all'inclusione del suo contributo all'interno del volume "nella forma da Lei prevista". Il cardinale Sarah ribadisce, smorzando le polemiche, la sua obbedienza a papa Francesco[17].

Genealogia episcopale[modifica | modifica wikitesto]

Successione apostolica[modifica | modifica wikitesto]

Opere[modifica | modifica wikitesto]

Varie opere del card. Sarah sono state tradotte dal francese in italiano, a cura di don Andrea Cappelli, sacerdote e membro del direttivo della Milizia del Tempio[18][19].

Autore[modifica | modifica wikitesto]

  • Culture, democracy and development in the light of Centesimus annus, Paulines Publications Africa, 2000
  • En route vers Ninive, Médiaspaul, 2012
  • Dio o niente. Conversazione sulla fede con Nicolas Diat, Cantagalli, 2015
  • La forza del silenzio. Contro la dittatura del rumore, con Nicolas Diat, Cantagalli, 2017
  • Credo la Chiesa, con Gerhard Ludwig Müller, Cantagalli, 2018
  • Si fa sera e il giorno ormai volge al declino, con Nicolas Diat, traduzione di Davide Riserbato, Cantagalli, 2019
  • Dal profondo del nostro cuore, con Benedetto XVI, traduzione di Davide Riserbato, Cantagalli, 2020

Curatore[modifica | modifica wikitesto]

  • Africa. La nuova patria di Cristo. Raccontata dai vescovi africani, autori vari, Cantagalli, 2015

Prefazioni[modifica | modifica wikitesto]

  • Le Gender, une norme mondiale? Pour un discernement, di Marguerite A. Peeters, Broché, 2013
  • Vatican II: le Concile en questions: entre événement et héritage, di Marc Aillet, Broché, 2015
  • S’il te plaît, Maman, emmène-moi me confesser, di Ingrid d’Ussel, Broché, 2016
  • L’esprit de la liturgie ancienne: Joseph Ratzinger et la messe de saint Pie V, di Gérald de Servigny, Broché, 2016
  • On ne plaisante pas avec les sacraments, di Nicola Bux, Broché, 2017

Onorificenze[modifica | modifica wikitesto]

Onorificenze straniere[modifica | modifica wikitesto]

Commendatore dell'Ordine della Legion d'Onore - nastrino per uniforme ordinaria Commendatore dell'Ordine della Legion d'Onore
— 24 ottobre 2012[20]
Balì cavaliere di gran croce di onore e devozione per i Sig.ri Cardinali di Santa Romana Chiesa - nastrino per uniforme ordinaria Balì cavaliere di gran croce di onore e devozione per i Sig.ri Cardinali di Santa Romana Chiesa
— 9 giugno 2016[21]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Il nome e il cognome hanno pronuncia francese: [ʁɔ'bɛːʁ sa'ʁa], Robèer (non Ròbert) Sarà.
  2. ^ (EN) Abigail Frymann Rouch, Robert Sarah to lead Congregation for Worship, in The Tablet, 24 novembre 2014.
  3. ^ Robert Sarah, God or Nothing: A Conversation on Faith with Nicolas Diat, San Francisco, Ignatius Press, 2015, pp. 17-18, 31-34, 40, 44, ISBN 978-1-62164-050-9. URL consultato il 2 agosto 2017.
  4. ^ Joshua J, Francis appoints Guinean Cardinal Robert Sarah to lead Vatican liturgical congregation, su National Catholic Reporter, 24 novembre 2014. URL consultato il 16 maggio 2016.
  5. ^ (EN) Mohamed Saliou Camara, Thomas O'Toole e Janice E.Baker, Historical Dictionary of Guinea, Scarecrow Press, 7 novembre 2013, ISBN 978-0-8108-7969-0.
  6. ^ Rinunce e nomine. Nomina del segretario della Congregazione per l'evangelizzazione dei popoli, su press.vatican.va, 1º ottobre 2001. URL consultato il 9 novembre 2018.
  7. ^ Rinunce e nomine. Rinuncia del presidente del Pontificio consiglio "Cor Unum" e nomina del successore, su press.vatican.va, 7 ottobre 2010. URL consultato il 9 novembre 2018.
  8. ^ Rinunce e nomine. Nomina del prefetto della Congregazione per il culto divino e la disciplina dei sacramenti, su press.vatican.va, 23 novembre 2014. URL consultato il 9 novembre 2018.
  9. ^ Marco Tosatti, Sarah, Sinodo: no all'eresia, in La Stampa, 24 febbraio 2015. URL consultato il 25 febbraio 2015 (archiviato dall'url originale il 25 febbraio 2015).
  10. ^ Associazione Alessandro Maggiolini, Visita a Gesù nell'Eucaristia, ultimo libro di mons. Maggiolini, su www.alessandromaggiolini.altervista.org. URL consultato il 29 maggio 2017.
  11. ^ (EN) Cindy Wooden, Young people are idealistic and want clarity, the cardinal said, su catholicherald.co.uk, 16 ottobre 2018. URL consultato il 27 ottobre 2018 (archiviato dall'url originale il 18 ottobre 2018).
  12. ^ Sabino Paciolla, Sinodo, Card. Sarah: proporre coraggiosamente dottrina morale cattolica e non annacquarla, nascondendo la verità per attirare i giovani nel seno della Chiesa, su ordo-militiae-templi.org, 17 ottobre 2018 (archiviato il 27 ottobre 2018).
  13. ^ Il libro di Benedetto XVI è diventato un caso (chi l'avrebbe mai detto), su Il Post, 14 gennaio 2020. URL consultato il 14 gennaio 2020.
  14. ^ Giuseppe Aloisi, Vaticano verso la svolta: ecco i"viri probati", nuovi sacerdoti sposati, su ilGiornale.it, 22 gennaio 2018. URL consultato il 14 gennaio 2020.
  15. ^ Il libro sul celibato: un chiarimento di monsignor Gänswein - Vatican News, su www.vaticannews.va, 14 gennaio 2020. URL consultato il 14 gennaio 2020.
  16. ^ (FR) Cardinal R. Sarah, Des attaques semblent insinuer un mensonge de ma part. Ces diffamations sont d’une gravité exceptionnelle. Je donne dès ce soir les premières preuves de ma proche collaboration avec Benoît XVI pour écrire ce texte en faveur du célibat. Je m’exprimerai demain si nécessaire. +RSpic.twitter.com/L8Q6NmkXKE, su @Card_R_Sarah, 2020T14:54. URL consultato il 14 gennaio 2020.
  17. ^ Cristina Argento e Gian Guido Vecchi, Celibato, il cardinale Sarah al contrattacco: «Ecco le lettere di Ratzinger, lui sapeva del libro», su Corriere della Sera, 14 gennaio 2020. URL consultato il 14 gennaio 2020.
  18. ^ Il Governo dell'Ordine, su ordo-militiae-templi.org. URL consultato l'11 ottobre 2018 (archiviato l'11 ottobre 2018).
  19. ^ Biografia di don Andrea Cappelli, su vanthuanobservatory.org, 10 ottobre 2018.
  20. ^ (FR) Remise des Insignes de Commandeur de la Légion d'Honneur à Son Eminence Révérendissime le Cardinal Robert Sarah, su france-vatican.org, 24 ottobre 2012. URL consultato l'11 giugno 2016 (archiviato dall'url originale il 18 aprile 2016).
  21. ^ Il Cardinale Sarah ammesso nell'Ordine di Malta con il rango di Balì Gran Croce di Onore e Devozione, su orderofmalta.int, 10 giugno 2016.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN60861936 · ISNI (EN0000 0000 3400 1950 · LCCN (ENn98073235 · GND (DE1042066167 · BNF (FRcb14043469b (data) · WorldCat Identities (ENlccn-n98073235