Robert Sarah

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Robert Sarah
cardinale di Santa Romana Chiesa
Cardinal Robert Sarah (cropped).JPG
Il cardinale Sarah il 5 marzo 2015
Coat of arms of Robert Sarah.svg
Sufficit tibi gratia mea
 
TitoloCardinale diacono di San Giovanni Bosco in via Tuscolana
Incarichi attualiPrefetto della Congregazione per il Culto Divino e la Disciplina dei Sacramenti
(dal 2014)
Incarichi ricoperti
 
Nato15 giugno 1945 (73 anni) ad Ourous
Ordinato presbitero20 luglio 1969 dall'arcivescovo Raymond-Maria Tchidimbo, C.S.Sp.
Nominato arcivescovo13 agosto 1979 da papa Giovanni Paolo II
Consacrato arcivescovo8 dicembre 1979 dal cardinale Giovanni Benelli
Creato cardinale20 novembre 2010 da papa Benedetto XVI
 

Robert Sarah (Ourous, 15 giugno 1945) è un cardinale e arcivescovo cattolico guineano, dal 23 novembre 2014 prefetto della Congregazione per il culto divino e la disciplina dei sacramenti.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Nasce ad Ourous, nell'arcidiocesi di Conakry, in Guinea, il 15 giugno 1945 da una famiglia cattolica.

Formazione e ministero sacerdotale[modifica | modifica wikitesto]

Matura la vocazione al sacerdozio e intraprende gli studi; nel 1964 ottiene il baccalaureato in teologia.

Il 20 luglio 1969 è ordinato presbitero, nella cattedrale di Sainte Marie a Conakry, dall'arcivescovo Raymond-Maria Tchidimbo.

Dopo l'ordinazione riprende gli studi; ottiene la licenza in teologia presso la Pontificia Università Gregoriana di Roma e una licenza in sacra scrittura presso lo Studium Biblicum Franciscanum di Gerusalemme. Rientra in Guinea nel 1974.

Ministero episcopale e cardinalato[modifica | modifica wikitesto]

Il 13 agosto 1979 papa Giovanni Paolo II lo nomina, a soli trentaquattro anni, arcivescovo metropolita di Conakry; succede al dimissionario Raymond-Maria Tchidimbo. Riceve l'ordinazione episcopale l'8 dicembre successivo dal cardinale Giovanni Benelli, coconsacranti l'arcivescovo Luc Auguste Sangaré ed il vescovo Jean Pierre Marie Orchampt.

Nel 1985 è eletto dai vescovi della sua nazione presidente della Conferenza episcopale della Guinea.

Il 1º ottobre 2001 papa Giovanni Paolo II lo nomina segretario della Congregazione per l'evangelizzazione dei popoli[1]; succede a Marcello Zago, deceduto il 1º marzo 2001.

Il 7 ottobre 2010 papa Benedetto XVI lo nomina presidente del Pontificio consiglio "Cor Unum"[2]; succede al cardinale Paul Josef Cordes, dimessosi per raggiunti limiti d'età.

Nel concistoro del 20 novembre 2010 papa Benedetto XVI lo crea cardinale diacono di San Giovanni Bosco in via Tuscolana, diventando il primo cardinale guineano. Il 30 gennaio 2011 prende possesso della diaconia.

Il 23 novembre 2014 papa Francesco lo nomina prefetto della Congregazione per il culto divino e la disciplina dei sacramenti[3]; succede al cardinale Antonio Cañizares Llovera, precedentemente nominato arcivescovo metropolita di Valencia.

È membro della Congregazione per l'evangelizzazione dei popoli e del Pontificio consiglio della giustizia e della pace.

Posizioni teologiche, morali, sociali e su temi politici[modifica | modifica wikitesto]

Nel febbraio 2015 pubblica il libro Dio o niente per i tipi della casa editrice francese Fayard. Nella presentazione dell'opera Famille Chretienne afferma che "l'Africa potrebbe diventare la punta di lancia della Chiesa nella sua opposizione alla decadenza occidentale".

Parlando di "abbandono" afferma: "Nella mia vita, Dio ha fatto tutto; da parte mia non ho voluto che pregare. Sono sicuro che il rosso del mio cardinalato è veramente il riflesso del sangue della sofferenza dei missionari che sono venuti fino al fondo dell'Africa per evangelizzare il mio villaggio".

Sull'ideologia del gender scrive: "Per quel che riguarda il mio continente voglio denunciare con forza una volontà d'imporre dei falsi valori utilizzando argomenti politici e finanziari. In alcuni Paesi africani sono stati creati ministeri dedicati alla teoria del gender in cambio di sostegno economico! Queste politiche sono tanto più odiose in quanto la maggior parte delle popolazioni africane è senza difesa, alla mercé d'ideologi occidentali fanatici".

È particolarmente chiaro sulla XIV Assemblea generale ordinaria del Sinodo dei vescovi, avente per tema la famiglia, e verso i seguaci della linea Kasper: "l'idea che consisterebbe nel rinchiudere il Magistero in un bello scrigno staccandolo dalla pratica pastorale che potrebbe evolvere secondo le circostanze, le mode e le passioni, è una forma di eresia, una pericolosa patologia schizofrenica. Affermo dunque con solennità che la Chiesa d'Africa si opporrà fermamente a ogni ribellione contro l'insegnamento di Gesù e del Magistero"[4].

Nel 2016, il cardinale Robert Sarah ha richiamato pubblicamente l'attenzione dei fedeli sull'importanza della Visita al Santissimo Sacramento stendendo la prefazione ad un testo postumo di mons. Alessandro Maggiolini, Visita a Gesù nell'Eucaristia[5], e presentandola come "la sorgente della vita interiore: l’adorazione di Gesù Cristo, Dio fatto uomo, perché sappiamo e crediamo che in Lui è l’unico vero Dio, e pertanto ci inginocchiamo e prostriamo davanti alla Santa Eucaristia".

Genealogia episcopale[modifica | modifica wikitesto]

Successione apostolica[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

Onorificenze[modifica | modifica wikitesto]

Onorificenze straniere[modifica | modifica wikitesto]

Commendatore dell'Ordine della Legion d'Onore - nastrino per uniforme ordinaria Commendatore dell'Ordine della Legion d'Onore
Balì cavaliere di gran croce di onore e devozione per i Sig.ri Cardinali di Santa Romana Chiesa - nastrino per uniforme ordinaria Balì cavaliere di gran croce di onore e devozione per i Sig.ri Cardinali di Santa Romana Chiesa

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

- (versione epub)

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN60861936 · ISNI (EN0000 0000 3400 1950 · LCCN (ENn98073235 · GND (DE1042066167 · BNF (FRcb14043469b (data)