Robert Brown (attore britannico)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

Robert Brown (Swanage, 23 luglio 192111 novembre 2003) è stato un attore britannico.

È noto per essere stato il secondo interprete del capo dell'MI6, M, nella serie di film di James Bond, dopo l'improvvisa morte dell'originale interprete, Bernard Lee.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Prima di essere scelto per l'interpretazione di M nei film della saga di 007, Robert Brown ebbe altri ruoli importanti, tra cui nei film Il terzo uomo (1949), pellicola che curiosamente vide anche la partecipazione di Bernard Lee, e Ben-Hur (1959), nel quale interpretò il capo dei vogatori sulla galea nella quale è condannato il protagonista.

Nel 1958 interpretò la parte di Gurth nella serie televisiva Ivanhoe, a fianco di Roger Moore.

Il suo debutto nella saga di 007 risale al 1977 nel film La spia che mi amava. Dopo la morte dell'attore Bernard Lee, avvenuta agli inizi del 1981, senza poter interpretare il suo ruolo in Solo per i tuoi occhi (in quel film le sue battute vennero ripartite tra il Ministro della Difesa e Bill Tanner), a partire dal film successivo, Roger Moore suggerì Brown come nuovo interprete del ruolo di "M"[1], anche se non è chiaro se questo nuovo M sia lo stesso personaggio interpretato precedentemente da Brown in La spia che mi amava. Così l'attore venne scritturato e rivestì il ruolo in quattro film della serie.

Filmografia parziale[modifica | modifica wikitesto]

Doppiatori italiani[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Roger Moore, Il mio nome è Bond, Gremese, 2009, pag. 224

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN90568899 · ISNI (EN0000 0001 1495 097X · LCCN (ENno2009095958 · WorldCat Identities (ENno2009-095958