Robert Breer

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Robert Breer (Detroit, 30 settembre 1926Tucson, 11 agosto 2011) è stato un regista statunitense.

« Beer è un importante anello di congiunzione fra il cinema astratto di Richter, Eggeling e Leger e le tradizioni radicali e liriche dell'avanguardia, da Brakhage e Baillie a Kubelka e Sharits.[1] »

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Pioniere dell'animazione sperimentale[2], si dedica inizialmente alla pittura[3]. Dopo la laurea si trasferisce a Parigi, dove s'interessa al film-collage astratto[4] (Form Phases, 1954-1956). Rientrato negli Stati Uniti alla fine degli anni cinquanta, continua a realizzare cortometraggi d'animazione e a tecnica mista, inclusa un'opera con attori in carne e ossa (Pat's Birthday, 1962). Su invito di Jonas Mekas, nel 1962 è fra i fondatori del New York Film-Makers' Cooperative[5].

Nel 1987 riceve il Maya Deren Independent Film and Video Artists Award, assegnato dall'American Film Institute[6] per "i risultati ottenuti nel cinema indipendente underground e non commerciale".

Nel 2002 il suo film Fuji (1974) è incluso nell'US Library of Congress National Film Registry[5].

Filmografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Un miracle (1954)
  • Images by images (1956)
  • A man and his dog out for air (1957)
  • Eyewash (1958)
  • Inner and outer space (1960)
  • Blazes (1961)
  • Pat's birthday (1962)
  • Homage to Jean Tinguely's (1962)
  • Homage to New York (1962)
  • Fist fight (1964)
  • 66 (1966)
  • 69 (1969)
  • 70 (1970)
  • Gulls and boys (1972)
  • Fuji (1974)
  • T.Z. (1979)
  • Atoz (2000)
  • What goes up (2003)

Pubblicazioni[modifica | modifica wikitesto]

  • Robert Breer, More Floats, Galeria Bonino, 1967
  • Robert Breer, a cura di Andres Pardey, Kerber, 2011, ISBN 9783866785311

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Lois Mendelson, Robert Breer, a study of his work in the context of the modernist tradition, UMI Research Press, Michigan, 1981, ISBN 9780835712286
  • Scott MacDonald, A Critical Cinema 2 - Interviews with Independent Filmmakers, University of California Press, 1992, ISBN 9780520079182
  • Jennifer L. Burford, Robert Breer, Co-edition Re : Voir Video, 1999

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Robert Breer, Kinetic Poet of the Avant-Garde - Harvard Film Archive, su hcl.harvard.edu. URL consultato il 27 settembre 2015.
  2. ^ Mike Everleth, Robert Breer, R.I.P., undergroundfilmjournal.com, 13 agosto 2011. URL consultato il 27 settembre 2015.
  3. ^ William Grimes, Robert Breer, Pioneer of Avant-Garde Animation, Dies at 84, in The New York Times, 17 agosto 2011. URL consultato il 27 settembre 2015.
  4. ^ Robert Breer: Animator, su www.awn.com. URL consultato il 27 settembre 2015.
  5. ^ a b William Fowler, Robert Breer obituary, su the Guardian. URL consultato il 27 settembre 2015.
  6. ^ Mike Everleth, Underground Film History: AFI’s Maya Deren Award, undergroundfilmjournal.com, 22 gennaio 2010. URL consultato il 27 settembre 2015.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: (EN57939779 · LCCN: (ENn81089190 · ISNI: (EN0000 0001 2134 6383 · GND: (DE122126564 · BNF: (FRcb13554392r (data) · ULAN: (EN500060118