Rivolta al blocco 11

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Rivolta al blocco 11
Rivolta al blocco 11.png
Neville Brand in una scena del film
Titolo originale Riot in Cell Block 11
Lingua originale inglese
Paese di produzione Stati Uniti d'America
Anno 1954
Durata 80 min
Colore bianco e nero
Audio sonoro
Rapporto 1.37 : 1
Genere drammatico
Regia Don Siegel
Soggetto Richard Collins
Sceneggiatura Richard Collins
Produttore Walter Wanger
Produttore esecutivo Walter Mirisch
Casa di produzione Allied Artists Pictures
Fotografia Russell Harlan
Montaggio Bruce B. Pierce
Effetti speciali Ray Mercer
Musiche Herschel Burke Gilbert
Scenografia Dave Milton (art director)
Robert Priestley (set decorator)
Interpreti e personaggi

Rivolta al blocco 11 (Riot in Cell Block 11) è un film del 1954 diretto da Don Siegel.

È un film drammatico statunitense con Neville Brand, Emile Meyer e Frank Faylen.

È un racconto di stampo documentario sulle rivolte carcerarie che ebbero luogo in diverse prigioni di stato statunitensi nel corso del 1952.

Trama[modifica | modifica sorgente]

Produzione[modifica | modifica sorgente]

Il film, diretto da Don Siegel su una sceneggiatura e un soggetto di Richard Collins, fu prodotto da Walter Wanger[1] per la Allied Artists Pictures[2] e girato nella Folsom State Prison a Represa, in California,[3] da metà agosto all'inizio di settembre 1953.[4]

L'attore Leo Gordon, che interpreta il detenuto Crazy Mike Carnie, era stato in prigione per cinque anni anche nella vita reale per una rapina. Ciò creò qualche problema con il direttore del carcere di Folsom che non vedeva di buon occhio la partecipazione di Gordon al film nel ruolo di condannato. Lo stesso produttore del film, Walter Wanger, era stato in carcere, poco prima dell'inizio delle riprese, per tre mesi dopo aver sparato all'agente teatrale Jennings Lang, sospettato di aver intrapreso una relazione amorosa con sua moglie.[4]

Nel 1954 gli scrittori coniugi Peggy e Walter McGraw fecero causa ai produttori per un plagio riguardante il soggetto del film.[4]

Distribuzione[modifica | modifica sorgente]

Il film fu distribuito con il titolo Riot in Cell Block 11 negli Stati Uniti dal 28 febbraio 1954[5] (anteprima a New York il 18 febbraio[4]) dalla Allied Artists Pictures.[2]

Altre distribuzioni:[5]

  • in Giappone il 1º giugno 1954
  • in Francia il 28 luglio 1954 (Les révoltés de la cellule 11)
  • in Svezia il 4 ottobre 1954 (Revolt i cellblock 11)
  • in Danimarca il 15 marzo 1955 (Oprør i blok 11)
  • in Germania Ovest il 22 marzo 1955 (Terror in Block 11)
  • in Belgio il 3 giugno 1955 (Les révoltés de la cellule 11 e Opstand in cel 11)
  • in Austria nell'ottobre del 1955 (Terror in Block 11)
  • in Brasile (Rebelião no Presídio)
  • in Finlandia (Kapina vankilassa)
  • in Grecia (I antarsia arhise sto kelli 11)
  • in Italia (Rivolta al blocco 11)
  • in Venezuela (Revuelta en el bloque 11)

Critica[modifica | modifica sorgente]

Secondo il Morandini "è il più bel film carcerario degli anni '50", un racconto di cronaca preciso e senza sbavature che rasenta i migliori livelli di giornalismo puro.[6]

Promozione[modifica | modifica sorgente]

Le tagline sono:[7]

  • Walter Wanger's RAW-TRUTH EXPOSE!
  • FILMED ON THE SPOT BEHIND PRISON WALLS!
  • YOU ARE CAUGHT IN THE SCORCHING CENTER OF A PRISON RIOT! YOU feel the savage frenzy of 4000 caged humans! YOU see the horror of the wolf pack on a vengeance kick! YOU sweat out every second with tortured hostages! YOU rock with the impact of brute force against bullets!

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ (EN) IMDb - Cast e crediti completi. URL consultato il 30 giugno 2013.
  2. ^ a b (EN) IMDb - Crediti per le compagnie. URL consultato il 30 giugno 2013.
  3. ^ (EN) IMDb - Luoghi delle riprese. URL consultato il 30 giugno 2013.
  4. ^ a b c d (EN) American Film Institute. URL consultato il 30 giugno 2013.
  5. ^ a b (EN) IMDb - Distribuzioni. URL consultato il 30 giugno 201.
  6. ^ MYmovies. URL consultato il 30 giugno 2013.
  7. ^ (EN) IMDb - Tagline. URL consultato il 30 giugno 2013.

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

cinema Portale Cinema: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di cinema