Riviera delle Palme (Marche)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Riviera delle Palme
Grottammare - Lungomare Nord.jpg
Grottammare lungomare nord
Stati Italia Italia
Regioni Marche Marche
Mappa di localizzazione: Italia
Riviera delle Palme
Riviera delle Palme
Sito principale

Coordinate: 42°57′24.48″N 13°52′36.34″E / 42.9568°N 13.87676°E42.9568; 13.87676


Riviera delle Palme è una denominazione turistica che individua il tratto di costa marchigiana che va da Cupra Marittima alla foce del Tronto, passando per Grottammare e San Benedetto del Tronto. Rappresenta un'importante realtà turistica regionale sia per numero di strutture ricettive sia per presenze.[1] Il nome le viene dalla presenza di migliaia di palme, in prevalenza delle specie Phoenix canariensis, Washingtonia e P. sylvestris.[2][3] Anche Martinsicuro, pur non facendo parte del consorzio, è spesso considerata parte della riviera delle Palme.[4]

Geografia[modifica | modifica wikitesto]

La Riviera delle Palme è situata nella parte meridionale delle Marche, in provincia di Ascoli Piceno, è un tratto di costa che si affaccia sul mare Adriatico, lungo oltre 15 chilometri, sviluppa una conurbazione priva di interruzioni dalla foce del torrente Menocchia al fiume Tronto.

La Riviera delle Palme
San Benedetto, fontana rotonda Giorgini e il Faro
spiaggia di San Benedetto
Le palme sulla spiaggia di San Benedetto
Pista ciclabile e zona pedonale fra le palme sul lungomare sud di San Benedetto
San Benedetto, scorcio del porto turistico
Pescherecci attraccati alla banchina del porto di San Benedetto del Tronto
Grottammare, Torrione della Battaglia XVI secolo
Grottammare spiaggia
La spiaggia di San Benedetto del Tronto in un tramonto autunnale

È caratterizzata da coste basse e rettilinee con fondali bassi e sabbiosi, con conformazione di collina litoranea, con un livello di altitudine compreso fra 4 m s.l.m. della fascia costiera ai 494 m s.l.m. della fascia collinare. Si affacciano sul mare Cupra Marittima, Grottammare e San Benedetto del Tronto. Si trovano invece nell'entroterra collinare Acquaviva Picena, Monteprandone, Offida e Ripatransone.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

La Riviera delle Palme[modifica | modifica wikitesto]

La Riviera delle Palme intesa come area turistica attrezzata ha la sua origine a San Benedetto del Tronto, la principale località della Riviera, nel 1865 apriva a uso pubblico il primo “Stabilimento di Bagni Marini”.[5] Nel 1928 San Benedetto otteneva il riconoscimento di Stazione di Cura, soggiorno e turismo, prima località balneare delle Marche, nello stesso periodo nacque l’Azienda Autonoma di Soggiorno e Turismo di San Benedetto del Tronto che diede l'incarico all'ingegnere Luigi Onorati di progettare e realizzare la zona turistica della città, in modo da differenziarsi dalle altre località di villeggiatura. Il progetto conclusivo prevedeva un elevato numero di palme che caratterizzavano i lunghi viali a mare. Si cominciò a parlare di Riviera delle Palme, fin dagli anni trenta, dalla costruzione del Lungomare di San Benedetto del Tronto, ma non fu mai istituita, all'epoca e nei decenni successivi, nessuna associazione o consorzio turistico con denominazione Riviera delle Palme. All'inizio degli anni ottanta la denominazione era prerogativa della sola San Benedetto del Tronto, a fine degli anni novanta si decise di far nascere il Consorzio Turistico Riviera delle Palme.

Costituzione del "Consorzio Turistico Riviera delle Palme"[modifica | modifica wikitesto]

Costituitosi nell'anno 2000, il consorzio turistico "Riviera delle Palme" è nato come organo di informazione, promozione e valorizzazione del territorio a livello internazionale. Inizialmente costituito per la sola San Benedetto del Tronto e, successivamente per le vicine località balneari di Grottammare e Cupra Marittima, si decise di arricchire l'offerta balneare promuovendo importanti eventi culturali mettendo in risalto, accanto alla costa adriatica, anche le ricchezze dell'entroterra sambenedettese e del Piceno, con l'ingresso nel consorzio dei comuni di Offida, Monteprandone, Acquaviva Picena, Ripatransone, e, recentemente, anche del comune laziale di Accumoli (in provincia di Rieti).[6]

Principali località[modifica | modifica wikitesto]

San Benedetto del Tronto
via Olindo Pasqualetti.
Panorama della città dalla Contrada Barattelli, punto più alto del comune a 283 metri sul livello del mare.
Tratto iniziale del Lungomare Nord.
Piazza Giorgini in notturna.
Torre dei Gualtieri
Monumento al pescatore.
Monumento al Gabbiano Jonathan presso il molo sud.
Porto d'Ascoli, tratto iniziale del lungomare sud.
Viale Buozzi.
Un tratto della pista ciclabile del lungomare
  • San Benedetto del Tronto - È il comune litoraneo più meridionale delle Marche. Chiamata anche Riviera delle Palme, dicitura poi estesa anche alle località limitrofe della costa, richiama visitatori da ogni parte d'Italia e d'Europa; è una delle principali località turistiche delle Marche e del medio versante adriatico. La città presenta un nucleo antico (il “paese alto”) a poca distanza dal mare, ai piedi del quale si sviluppa la “marina”, il borgo peschereccio sviluppatosi a partire dal Settecento. Il borgo antico è caratterizzato dalla trecentesca esagonale Torre dei Gualtieri; il “torrione”, che attraverso il suo orologio scandisce le ore della giornata, è il simbolo della città.[7][8]Da sempre San Benedetto si fregia del vessillo della Bandiera Blu, indice della salubrità delle acque di balneazione così come dell’attenzione posta sulla complessiva qualità ambientale della città, dalla tutela dell’acqua potabile ad un’attenta gestione della raccolta differenziata.[9]San Benedetto vanta anche la Bandiera Verde, riconoscimento che viene assegnato alle località costiere che sono idonee per i bambini. La classifica viene stilata da un campione di pediatri italiani.[10]Dotata di un porto turistico, con circa 621 posti barca, un porto peschereccio e un mercato del pesce all’ingrosso tra i più importanti d’Italia, San Benedetto è da sempre strettamente legata al mare e alla tradizione della marineria. Il Polo Museale del Mare comprende il Museo della civiltà marinara delle Marche, il Museo delle Anfore, il Museo Ittico e l’Antiquarium Truentinum. La Pinacoteca del mare - inaugurata nell'aprile del 2009 - anche se collocata nel cuore del vecchio incasato, è parte integrante del polo museale tematico dedicato al mare che l'Amministrazione Comunale ha allestito al Mercato Ittico.[11] Lungo tutto il molo sud di San Benedetto del Tronto il MAM, Museo d'Arte sul Mare, un museo permanente all'aperto, che si sviluppa ed ospita ben 145 opere d'arte, delle quali 135 sono sculture e 10 sono grandi murali.[12]Fiore all'occhiello della città il è lungomare, per il portale virgilio.it quello di San Benedetto è uno dei lungomari più belli d'Italia.[13] Fu progettato dall'ingegner Luigi Onorati nel 1931 e fu inaugurato l'anno successivo; venne considerato una realizzazione spropositata per l'epoca.[14]Con il passare degli anni il progetto si estese fino ad arrivare all'attuale dimensione di circa 6 km, dalla rotonda Giorgini alla rotonda Salvo D'Acquisto a Porto D'Ascoli. Recentemente è stata avviata una grande opera di ristrutturazione e restyling dell'intero lungomare (mentre dal 2009 si è avviata analoga operazione per la storica pineta centrale, da cui muove il lungomare)[15]: per ora i lavori sono stati realizzati nel lungomare sud, con un arricchimento di verde. Nel tratto riqualificato del lungomare sud sono compresi dieci giardini tematici: il giardino multisensoriale, il giardino di campagna, il giardino dei Bambini, della Salute, degli Agrumi, del Mediterraneo, delle Palme, l’Arido, l’Umido, delle Rose. Ognuno dei dieci giardini presenta caratteristiche originali: giochi di acqua, laghetti, panchine e poltrone per rilassarsi, giochi per bimbi, essenze arboree particolari e una pista ciclabile, su progetto dell'architetto Farnush Davarpanah, realizzato con materiali pregiati.[16] Nel 2016 sono iniziati i lavori di riqualificazione del lungomare nord, che si estende per circa 2 km e va dal "Palazzo Las Vegas" al torrente Albula.[17][18] La consistenza ricettiva è notevole: San Benedetto del Tronto vanta oltre 200 esercizi tra alberghi, residence e B&B; vanno aggiunti 116 stabilimenti balneari e 42 spiagge libere lungo il litorale sambenedettese.[19]
Grottammare e Cupra Marittima
Grottammare - Vista del Mare Adriatico dal Paese Alto.
Grottammare, Veduta dal paese alto.
Grottammare, scorcio del paese alto.
Grottammare, piazza Peretti.
Grottammare, Riqualificazione del lungomare nord.
Grottammare, lungomare nord.
Cupra Marittima, veduta panoramica
Cupra Marittima, colle di Sant'Andrea
Cupra Marittima, Marano
Cupra Marittima panorama.
  • Grottammare - È una delle rinomate località turistiche della regione Marche, premiata più volte dal Touring Club Italiano con il riconoscimento Bandiera Blu.[20]Il fiore all'occhiello della città sono il suo lungo litorale, circa cinque chilometri, dove si trovano numerosi stabilimenti balneari attrezzati e il "Paese Alto" che ha ricevuto importanti riconoscimenti come quello tra I borghi più belli d'Italia.[21] Il lungomare di Grottammare è stato recentemente oggetto di lavori di restyling con l'ammodernamento della parte pedonale e l'aggiunta di una passeggiata con pista ciclabile che collega il litorale di Grottammare a quello di Cupra Marittima.[22][23]La consistenza ricettiva, tra esercizi alberghieri e appartamenti è notevole: Grottammare vanta circa 100 esercizi tra alberghi, residence, Bed and breakfast e Campeggio.[24]
  • Cupra Marittima - Premiata più volte dal Touring Club Italiano con il riconoscimento Bandiera Blu, Cupra Marittima appartiene al comprensorio della Riviera delle Palme del basso litorale marchigiano.[25] Alle spalle della marina (il paese propriamente detto) si trovano tre colline: Sant’Andrea con l’omonima rocca, recentemente ristrutturata, Marano con l’incasato medievale, che costituisce il nucleo principale del paese, e Boccabianca.[26]La spiaggia di Cupra Marittima è sabbiosa e lunga oltre 2 chilometri, nella quale si trovano diversi stabilimenti balneari. Una lunga pista ciclabile attraversa il lungomare e continua fino a Grottammare.[27]Fiore all'occhiello della cittadina è il Museo malacologico piceno, uno dei più importanti musei di conchiglie al mondo, grazie agli oltre 900.000 esemplari esposti e alle interessanti testimonianze di arte primitiva malacologica.[28] Nel rilevante Sito archeologico di Cupra Marittima, sito a nord dell’abitato, è riconoscibile l’impianto urbano della città romana.[29]

Altre località[modifica | modifica wikitesto]

Acquaviva Picena, Monteprandone,
Offida e Ripatransone
Offida, strada tipica del centro storico
Acquaviva Picena, veduta panoramica
Acquaviva Picena veduta da est con vista sui Monti Sibillini
Monteprandone, sullo sfondo il massiccio del Gran Sasso(a sinstra) e i Monti della Laga(a destra)
Monteprandone, mura e municipio
Offida Piazza del Popolo
Offida, Mura di cinta
Offida, Chiesa Collegiata
Ripatransone, Cattedrale al tramonto vista dal colle San Nicolò
Ripatransone, il vicolo più stretto d'Italia

Aree naturali[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: Riserva naturale regionale Sentina.

Piste ciclabili[modifica | modifica wikitesto]

La Riviera presenta una cospicuo numero di piste ciclabili. Una pista ciclabile di circa 15 km, che costeggia la spiaggia e che unisce i comuni di San Benedetto del Tronto, Grottammare e Cupra Marittima.[38]

La pista ciclabile della Riviera delle Palme è inserita nel Corridoio Verde Adriatico, la pista ciclabile che costeggia la riviera adriatica e che attraversa sette regioni dal Friuli-Venezia Giulia alla Puglia.[39]

Dalla Ciclovia Adriatica (nei pressi della Riserva naturale regionale Sentina) si dirama poi la Ciclovia Salaria, un percorso ciclistico che, una volta completato, andrà a collegare la costa adriatica con Roma e con la costa tirrenica (a Ostia) seguendo da vicino l'itinerario dell'antica Via Salaria.[40]

Monumenti e luoghi d'interesse[modifica | modifica wikitesto]

Fortezza di Acquaviva Picena
Fortezza di Acquaviva Picena
 
Offida, Santa Maria della Rocca
Offida, Santa Maria della Rocca
 
Duomo di Ripatransone
Duomo di Ripatransone
Acquaviva picena
Accumoli
Cupra Marittima
Grottammare
Monteprandone
Offida
Ripatransone
San Benedetto del Tronto


Tradizioni e folclore[modifica | modifica wikitesto]

Manifestazioni[modifica | modifica wikitesto]

Manifestazioni
San Benedetto, spettacolo pirotecnico
Ripatransone il Cavallo di fuoco la mattina prima di essere benedetto
Il Cavallo di fuoco, la "girella" (o "girandola") in azione
porto di San Benedetto del Tronto,Scultura Viva (Museo d'Arte sul Mare)
molo sud del porto di San Benedetto del Tronto, murales
Presepe in piazza di Ripatransone
  • febbraio: Storici carnevali di Offida[41] e di San Benedetto del Tronto.[42]
  • aprile: Ottava di Pasqua a Ripatransone. Festa in onore della Madonna di San Giovanni, con il Cavallo di fuoco, un'antica (1682) tradizione di spettacolo pirotecnico realizzato tramite la sagoma di un cavallo imbottito di petardi esplosi in aria e tra la folla.[43] il Cristo Morto è una sacra rappresentazione del Venerdì Santo, che si svolge ogni tre anni a Grottammare.
  • maggio-giugno-luglio: L'Antico e le Palme di San Benedetto del Tronto è la mostra mercato dell'antiquariato più grande della Riviera. Nata a San Benedetto nel 1991 si svolge quattro volte l'anno con 200 espositori che provengono da tutta Europa.[44] Scultura Viva Organizzato a giugno di ogni anno nell'ambito del MAM (Museo d'Arte sul Mare), che si sviluppa lungo i 1.150 metri del molo sud del porto di San Benedetto del Tronto.[45]
  • luglio-agosto: Festa Madonna della Marina di San Benedetto del Tronto è uno degli eventi principali dell'estate sambenedettese, si svolge l'ultima domenica di luglio e consiste in una processione in mare con i pescherecci, in cui i pescatori rendono omaggio alla Madonna della Marina, a conclusione della festa vi è il tradizionale spettacolo pirotecnico. Il Palio del pattino Nato per promuovere lo sport in mare, valorizzando le tradizioni locali per non perderne la memoria, il Palio del pattino di Grottammare, si svolge alla fine di luglio, si disputa su mosconi in legno condotti da due rematori; esso è stato intitolato a Maurizio Pignotti, giovane grottammarese scomparso a causa di un incidente stradale e vincitore della competizione con i colori del rione “Stazione” nel 1999, anno della prima edizione. La gara ha luogo in uno specchio d'acqua delimitato da boe, sorvegliato da giudici e regolamentato da norme dettagliate. Il percorso copre una distanza di 5 miglia marine, con partenza e arrivo dalla spiaggia antistante il Kursaal edificio storico di Grottammare. Come nelle antiche competizioni medievali, in occasione del Palio la città si suddivide in 14 rioni, ciascuno distinto da stemma e colori propri.[46][47] I primi di agosto a Monteprandone si tiene la sagra delle olive fritte all'ascolana e dello spezzatino di muflone.
  • agosto: Sponsalia ad Acquaviva Picena, primi giovedì, venerdì e domenica del mese. Rievocazione storica del matrimonio di Forasteria degli Acquaviva e Rinaldo dei Brunforte a.d. 1234.[48]
  • ottobre: San Benedetto martire festa del patrono della città di San Benedetto del Tronto, per molti anni è stata organizzata ogni ultimo sabato di maggio, ma dal 2008 si è tornati a celebrarla nella data di origine, il 13 ottobre giorno esatto a cui si fa risalire nell'anno 304, il martirio del soldato romano.[49]
  • novembre: Fiera di San Martino di Grottammare, di origini antichissime, originariamente a carattere agricolo, oggi ha un aspetto più di festa popolare, con l'intera cittadina invasa da venditori ambulanti che offrono mercanzia di ogni tipo. Il 28 novembre si festeggia Il patrono di Monteprandone San Giacomo
  • dicembre-gennaio: Presepe vivente di Grottammare,Natale al borgo di San Benedetto del Tronto e il Presepe in piazza di Ripatransone.[50]

Comuni[modifica | modifica wikitesto]

Nella tabella sono riportati i comuni appartenenti al consorzio della Riviera delle Palme marchigiana.

Comune Popolazione ab.
(30 novembre 2016)[51]
Superficie km² Stemma
San Benedetto del Tronto 47.414 25,31 San Benedetto del Tronto-Stemma.png
Grottammare 16.137 17,66 Grottammare-Stemma.png
Monteprandone 12.622 26,38 Monteprandone-Stemma.png
Cupra Marittima 5.369 17,19 Cupra Marittima-Stemma.png
Offida 5.009 49,21 Offida-Stemma.png
Ripatransone 4.260 74,16 Ripatransone-Stemma.png
Acquaviva Picena 3.808 20,90 Acquaviva Picena-Stemma.png
Accumoli 667 87,37 Accumoli-Stemma.png

Controversie[modifica | modifica wikitesto]

Il termine "Riviera delle Palme" è utilizzato storicamente per indicare il tratto di costa della Liguria, facente parte della Riviera Ligure di Ponente, che si estende da Varazze ad Andora, lungo tutto il territorio della Provincia di Savona. Negli anni cinquanta, in pieno boom economico e all'inizio del turismo di massa, i tour operator della provincia di Savona coniarono il termine Riviera della Palme per pubblicizzare la provincia di Savona nel florido mercato tedesco e nord europeo, in modo da distinguere questa zona della costa Ligure dalla più generica Italian Riviera (che contraddistingue la Liguria) e dalla vicina Riviera dei Fiori.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ La Riviera delle Palme, turismo.comunesbt.it. URL consultato l'11 dicembre 2018.
  2. ^ In vacanza nelle Marche sulla Riviera delle Palme, marchetravelling.com, 7 ottobre 2015. URL consultato il 23 ottobre 2018.
  3. ^ Visitare la Riviera delle Palme: Cupra Marittima, Grottammare, San Benedetto del Tronto, info-turismo.it. URL consultato il 23 ottobre 2018.
  4. ^ Redazione VeraTV, Martinsicuro - Marche ed Abruzzo insieme per il ponte sul Tronto, 27 settembre 2017. URL consultato il 10 dicembre 2017.
    «Martinsicuro è in Abruzzo ma è per molti un'enclave della Riviera delle Palme».
  5. ^ Giuseppe Merlini, Il primo stabilimento balneare sambenedettese (PDF), in comunesbt.it. URL consultato il 17 giugno 2020.
  6. ^ Associazione Albergatori San Benedetto del Tronto, in rivieradellepalme.com.
  7. ^ Giorgia Barchi, Un weekend a San Benedetto del Tronto: cosa vedere e cosa mangiare, destinazionemarche.it, 3 luglio 2018. URL consultato il 29 ottobre 2018.
  8. ^ La riviera delle palme, San Benedetto del Tronto, iviaggiatori.com. URL consultato il 29 ottobre 2018.
  9. ^ San Benedetto del Tronto un mare da Bandiera Blu, mareinitalia.it. URL consultato il 29 ottobre 2018.
  10. ^ San Benedetto conquista la “bandiera verde” per la spiaggia a misura di bambino, picenonews24.it, 4 giugno 2017. URL consultato il 29 ottobre 2018.
  11. ^ Museo del Mare - San Benedetto del Tronto, museodelmaresbt.it. URL consultato il 31 ottobre 2018.
  12. ^ MAM - Museo d'Arte sul Mare, regione.marche.it. URL consultato il 31 ottobre 2018.
  13. ^ I lungomare più belli e affascinanti d'Italia, Virgilio, 11 dicembre 2018.
  14. ^ Il lungomare di San Benedetto del Tronto, su sbt.it. URL consultato il 21-03-08 (archiviato dall'url originale il 4 luglio 2007).
  15. ^ Sulla criticità di tale intervento si veda http://www.patrimoniosos.it/rsol.php?op=getarticle&id=58203
  16. ^ Il lungomare di Porto d'Ascoli e la progettazione di quello di San Benedetto, su sambenedettoggi.it. URL consultato il 21/03/08 (archiviato dall'url originale il 5 marzo 2008).
  17. ^ San Benedetto, lo stato dei lavori sul lungomare nord nella fotogallery di Alberto Cicchini, tmnotizie.com, 22 febbraio 2017. URL consultato il 15 ottobre 2018.
  18. ^ Il lungomare nord toglie la maschera fino al Kontiki, sanbenedettonews.it, 16 giugno 2017. URL consultato il 15 ottobre 2018.
  19. ^ San Benedetto del Tronto - Una breve presentazione della nostra Città, comunesbt.it. URL consultato il 30 giugno 2016.
  20. ^ Venti anni con la Bandiera Blu, su comune.grottammare.ap.it. URL consultato il 16 ottobre 2018.
  21. ^ Grottammare - Tra palme e gabbiani, I borghi più belli d'Italia. URL consultato il 16 ottobre 2018.
  22. ^ Loredana Ciarrocchi, Grottammare, inaugurato il nuovo “lungomare da vivere”, su rivieraoggi.it, 22 luglio 2012. URL consultato il 15 ottobre 2018.
  23. ^ Luisa Roncarolo, La Riviera delle Palme dalla pista ciclabile, italiaconibimbi.it, 1º febbraio 2016. URL consultato l'8 aprile 2017.
  24. ^ Strutture ricettive nelle Marche - Comune: Grottammare, blia.it. URL consultato il 16 ottobre 2018.
  25. ^ Leonardo Delle noci, Bandiera Blu 2018: conferme per Cupra, Grottammare e San Benedetto., Riviera Oggi, 7 maggio 2018. URL consultato il 25 ottobre 2018.
  26. ^ Fabio Di Pasquale, Paesaggi marchigiani: Cupra Marittima, lembo di terra baciato dalla storia e dalla bellezza, ilmartino.it, 19 aprile 2018. URL consultato il 25 ottobre 2018.
  27. ^ Massimo Sciarra, Pista ciclabile Grottammare - Cupra Marittima, divisare.com. URL consultato il 25 ottobre 2018 (archiviato dall'url originale il 25 ottobre 2018).
  28. ^ Museo di malacologia di Cupra, mareadriatico.com. URL consultato il 25 ottobre 2018.
  29. ^ Il Parco Archeologico di Cupra Marittima, una realtà che non finisce mai di stupire, ancoraonline.it, 26 novembre 2012. URL consultato il 25 ottobre 2018.
  30. ^ Cosa vedere ad Acquaviva Picena, in bandierearancioni.it.
  31. ^ La Fortezza di Acquaviva, in fortezzadiacquavivapicena.com.
  32. ^ Cosa vedere a Monteprandone, in marchetravelling.com.
  33. ^ Cosa fare e cosa vedere nel bellissimo borgo di Offida, in siviaggia.it, 3 febbraio 2020. URL consultato il 16 giugno 2020.
  34. ^ Andrea Rossetti, 10 cose da fare e vedere a Offida, in destinazionemarche.it, 12 novembre 2017. URL consultato il 16 giugno 2020.
  35. ^ Redazione destinazionemarche.it, 10 cose da fare a Ripatransone, in destinazionemarche.it, 19 febbraio 2020. URL consultato il 16 giugno 2020.
  36. ^ Ripatransone, Borghi e Città d'arte Riviera delle Palme il Piceno e i Sibillini, in marchetravelling.com.
  37. ^ La Riserva Sentina, fuori dal mondo, Italian Ways, 11 luglio 2016. URL consultato il 17 ottobre 2018.
  38. ^ Luisa Roncarolo, La Riviera delle Palme dalla pista ciclabile, italiaconibimbi.it, 1º febbraio 2016. URL consultato il 31 ottobre 2018.
  39. ^ Paolo Volpato, La Ciclovia Adriatica da Trieste alla Puglia, bikeitalia.it. URL consultato il 31 ottobre 2018.
  40. ^ BI9 - Ciclovia Salaria, bicitalia.org. URL consultato il 31 ottobre 2018.
  41. ^ Il Carnevale di Offida, in turismo-oggi.com, 19 novembre 2018. URL consultato il 16 giugno 2020.
  42. ^ Giuseppe Merlini, Per una storia del Carnevale sambenedettese (PDF), in comunesbt.it.
  43. ^ Il cavallo di fuoco, in cavallodifuoco.com.
  44. ^ L'Antico e le Palme,Gran Mercato dell'antico, in eventiesagre.it. URL consultato il 16 giugno 2020.
  45. ^ MAM - Museo d'Arte sul Mare, regione.marche.it. URL consultato il 16 giugno 2020.
  46. ^ La Nuova Riviera, Grottammare, Giuseppe Abbagnale in diretta per il 'Palio del Pattino Story', su virgilio.it. URL consultato l'8 agosto 2020.
  47. ^ Archivio - palio del pattino, in Rivieraoggi.it.
  48. ^ Sponsalia ad Acquaviva Picena, in marcheinfesta.com.
  49. ^ Marco Braccetti, Cupra rivive il martirio di San Benedetto, su cronachepicene.it, 12 ottobre 2019. URL consultato il 16 giugno 2020.
  50. ^ Presepe vivente Grottammare, in comune.grottammare.ap.it.
  51. ^ Bilancio demografico anno 2016 (dati provvisori), Istituto nazionale di statistica. URL consultato il 6 aprile 2016.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti[modifica | modifica wikitesto]

Marche Portale Marche: accedi alle voci di Wikipedia che parlano delle Marche