Rituale romano

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

Il Rituale Romano (latino: Rituale Romanum[1]), anticamente chiamato anche «Sacerdotale[2]», è l’insieme di alcuni libri liturgici della Chiesa cattolica contenenti le disposizioni secondo le quali si celebra un rito (battesimo, matrimonio, esequie, ecc.). Esso, unitamente al Pontificale Romano costituisce il riferimento liturgico ufficiale[3][4] della Chiesa romana e comprende sia le formule, sia le diverse parti di cui si compone ogni singolo rito, sia i gesti, i movimenti e i vari portamenti del celebrante da assumere secondo lo svolgimento del rito medesimo[5] .

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Prima del Concilio di Trento ogni chiesa locale aveva un proprio rituale; dopo il Concilio di Trento si ebbe un solo rituale, detto «romano» che fu promulgato da papa Paolo V con la costituzione Apostolicae sedis[6] del 17 giugno 1614. Il rituale subì successive edizioni con modifiche, ampliamenti e migliorie che furono disposte da Benedetto XIV (1752), da Pio IX (1872), da Leone XIII (1884), da Pio XI (1925) e da Pio XII (1952), queste due ultime basate sul Rituale di Paolo V. Il rituale romano, ora completato, è stato riformato a norma dei decreti del Concilio Ecumenico Vaticano II e promulgato nel corso degli anni dai pontefici Paolo VI, Giovanni Paolo II e Benedetto XVI.

Rituale di Paolo V[modifica | modifica wikitesto]

Rituale Romanum.

Il rituale di papa Paolo V nell'indice era così costituito:

Rituale Romanum Pauli V Pontificis Maximi Jussu Editum, Aliorumque Pontificum Cura recognitum. Atque ad normam Codicis Juris Canonici accommodatum. SSMI D. B. PTI Papae XII auctoritate et auctum ordinatum. Editio I Juxta Typicam Vaticanam:

  • I (caput unicum)
  • II DE SACRAMENTO BAPTISMI (Sacramento del Battesimo)
  • III DE SACRAMENTO CONFIRMATIONIS (Sacramento della Cresima)
  • IV DE SACRAMENTO PÆNITENTIÆ (Sacramento della Penitenza)
  • V DE SANCTISSIMO EUCHARISTIÆ SACRAMENTO (Sacramento dell'Eucaristia)
  • VI DE SACRAMENTO EXTREMÆ UNCTIONIS (Sacramento dell'estrema unzione)
  • VII DE EXSEQUIIS (Esequie dei defunti)
  • VIII DE SACRAMENTO MATRIMONII (Sacramento del matrimonio)
  • IX BENEDICTIONIBUS (Benedizionale)
  • X PROCESSIONIBUS (circa le processioni)
  • XI LITANIÆ APPROBATAE (Sulle litanie dei santi)
  • XII DE EXORCIZANDIS OBSESSIS A DÆMONIO (sull'esorcismo e la possessione dal demonio)

Elenco dei libri del Rituale Romano[modifica | modifica wikitesto]

Oggi, secondo le indicazioni del Concilio Vaticano II, il Rituale è stato pubblicato in libri separati: ciascun Rito ha il proprio libro liturgico. Esso è così costituito:

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ G. Catalani, Rituale Romanum... commentariis exornatum, Roma 1757
  2. ^ Cfr. Manlio Sodi, Alessandro Toniolo, Rituale romanum. Editio typica 1952, Introduzione e storia del rituale, Libreria Editrice Vaticana, 2000, EAN: 9788820980702
  3. ^ Cfr. Pagliare (Spinetoli), Dizionario liturgico, voce Rituale Romano, Casa S. Maria, Napoli, Edizioni Dehoniane, 1975.
  4. ^ Rituale Romanum ex decreto Sacrosancti Oecumenici Concilii Vaticani II instauratum auctoritate Pauli PP. VI promulgatum. Ordo...,Typis polyglottis vaticanis, 1969.
  5. ^ A. Franz, Die kirchlichen Benediktionen im Mittelalter, voll. 2, Friburgo in B. 1909
  6. ^ Rituale romano, in Enciclopedia Italiana, Istituto dell'Enciclopedia Italiana. URL consultato il 30 giugno 2017.
  7. ^ Rito del Battesimo dei bambini
  8. ^ Rito della Penitenza
  9. ^ Rito dell'unzione degli Infermi
  10. ^ Rito delle Esequie
  11. ^ Rito del Matrimonio
  12. ^ Rito dell’iniziazione cristiana degli adulti
  13. ^ Rito della Comunione fuori della Messa e culto eucaristico
  14. ^ Benedizionale
  15. ^ Rito degli esorcismi

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Cattolicesimo Portale Cattolicesimo: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Cattolicesimo