Risveglio di primavera

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Risveglio di primavera - Una tragedia di fanciulli
Opera teatrale in tre atti
Autore Frank Wedekind
Titolo originale Frühlings Erwachen - Eine Kindertragödie
Lingua originale Tedesco
Composto nel 1891
Prima assoluta 20 novembre 1906
Deutsches Theater, Berlino
Personaggi
  • Moritz Stiefel
  • Melchior Gabor
  • Wendla
  • Thea
  • Martha
  • Signora Gabor, madre di Melchior
  • Signora Bergmann, madre di Wendla
  • Rettore Colpodisole
  • Possidente Stiefel, padre di Moritz
  • Professor Ossorott
  • Zio Probst
  • Amico Mungicapre
  • Signor Gabor, padre di Melchior
  • Ilse
  • Otto
  • Georg
  • Robert
  • Hänschen
  • Ernst
  • Il prete
  • L'uomo mascherato

Risveglio di primavera (in tedesco: Frühlings Erwachen, in inglese: Spring's Awakening o The Awakening of Spring) è il più importante lavoro teatrale del drammaturgo tedesco Frank Wedekind e un'opera fondamentale nella storia del teatro contemporaneo[1][2]. Fu scritto tra l'autunno del 1890 e la primavera del 1891, ma non vide però alcuna rappresentazione fino al 1906, quando riuscì ad essere allestita dal regista teatrale austriaco Max Reinhardt, direttore del Deutsches Theater di Berlino. Riporta come sottotitolo Una tragedia di fanciulli[3]. L'opera critica la cultura oppressiva riguardo il sesso del XIX secolo in Germania e offre una vivida drammatizzazione delle fantasie erotiche che tale oppressione genera[2]. A causa dei controversi temi che tratta (pubertà, sessualità, stupro, abuso minorile, omosessualità, suicidio, aborto; ma anche gioia di vivere e speranza) l'opera è stata spesso vietata o censurata[4][5][6]. Di questo testo Sigmund Freud commenterà una prima parte. Mentre lo psichiatra e filosofo Jacques Lucan elogierà Wedekind, facendo notare come i ragazzi non penserebbero alla sessualità «senza il risveglio dei loro sogni»[7].

Nel 2006 da quest'opera teatrale è stato tratto il musical di Broadway "Spring Awakening" prima rappresentato a Off-Broadway e successivamente a Broadway, dove ha vinto otto Tony Award tra cui quello di Migliore Musical. Nel 2008 ne è stata fatta una trasposizione televisiva americana dal titolo The Awakening of Spring diretta da Arthur Allan Seidelman con protagonisti Jesse Lee Soffer, Javier Picayo e Carrie Wiita[8].

Nel 1929 una produzione Ceco-Tedesca ha realizzato un film muto basato sull'opera: Frühlingserwachen, diretto da Richard Oswald[9]. Una versione moderna liberamente ispirata alla storia prodotta da Headlong ha girato i teatri inglesi nel 2014[10].

Critica psicanalitica[modifica | modifica wikitesto]

L'episodio di Moritz che ammette di aver sognato delle gambe femminili con delle calze blu sopra a una cattedra fu commentato da Freud dicendo che la cattedra rappresenta il divieto del desiderio che si presenta insieme al desiderio[7]. Jacques Lacan elogia Wedekind, perché ci fa rilevare come i ragazzi non penserebbero alla sessualità «senza il risveglio dei loro sogni»; i sogni contribuiscono a sviluppare le fantasie sessuali nelle quali il soggetto si confronta con la sessualità, e l’inconscio determina il modo in cui ciascuno si rapporta al proprio godimento. Tuttavia Lacan nota anche come il dramma di Wedekind evidenzi qualcosa che non va nella sessualità: «nessuno se la cava bene». La fantasia di Wendla, ad esempio, è di essere picchiata, e il risveglio delle sue fantasie «anziché rendere il rapporto sessuale possibile […] suscita delle fantasie [fantasmes] che lo allontanano»[7]. Lo psicoanalista Domenico Cosenza distingue due tempi nel commento di Lacan. Il primo tempo è quello in cui si evidenzia l’importanza della preminenza dell’inconscio del soggetto come dimensione che, attraverso il sogno, mette in scena il rapporto sessuale dell’adolescente con il partner. Il secondo tempo è quello dell’incontro con l’inesistenza del rapporto sessuale, inesistenza che Lacan introduce come “la sessualità fa buco nel reale”. Dunque emerge il problema dell’adolescenza. La discrepanza tra l’eccitazione sessuale e l’incontro del rapporto. Per esempio, quando Melchior vuole fare l’amore con Wendla, lei obietta “ma non c’è l’amore”, e lui passa oltre e la prende ugualmente[11].

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EN) Martin Banham, The Cambridge Guide to Theatre, Cambridge University Press, 21 settembre 1995, ISBN 9780521434379. URL consultato il 05 febbraio 2016.
  2. ^ a b Elizabeth Boa, The Sexual Circus: Wedekind's Theatre of Subversion, Oxford, B. Blackwell, 1987, pp. 243, ISBN 9780631142348.
  3. ^ (EN) Frank Wedekind, Wedekind Plays 1: Spring Awakening; Lulu: A Monster Tragedy, Bloomsbury Publishing, 27 maggio 2014, ISBN 9781408161944. URL consultato il 05 febbraio 2016.
  4. ^ (EN) Vanessa Thorpe, arts e media correspondent, Banned sex play now a teenage hit, in The Guardian, 31 gennaio 2009. URL consultato il 05 febbraio 2016.
  5. ^ (EN) Department of Theatre, Ohio (a cura di), Spring Awakening, su www.webcitation.org. URL consultato il 05 febbraio 2016.
  6. ^ (EN) The Stories Behind Some of History's Most Controversial Theatrical Productions, su Flavorwire. URL consultato il 05 febbraio 2016.
  7. ^ a b c Note a un commento di Lacan a “Risveglio di primavera” di Franz Wedekind | European Journal of Psychoanalysis, su www.journal-psychoanalysis.eu. URL consultato il 05 febbraio 2016.
  8. ^ Arthur Allan Seidelman, The Awakening of Spring, 17 novembre 2008. URL consultato il 05 febbraio 2016.
  9. ^ Richard Oswald, Frühlingserwachen, 14 novembre 1929. URL consultato il 05 febbraio 2016.
  10. ^ content: Headlong, website: M/A ma-work.co.uk, Spring Awakening, su headlong.co.uk. URL consultato il 05 febbraio 2016.
  11. ^ Domenico Cosenza, L'adolescence du XXI siècle. L’initiation à l’adolescence: entre mythe et structure, in Mental, nº 23, Revue Internationale de Psychanalyse, 2009, pp. 46-60.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

teatro Portale Teatro: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di teatro