Riserva naturale guidata Lecceta di Torino di Sangro

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Riserva naturale guidata Lecceta di Torino di Sangro
Tipo di area Riserva regionale
Codice EUAP EUAP1165
Stati Italia Italia
Regioni Abruzzo Abruzzo
Province Chieti Chieti
Comuni Torino di Sangro
Superficie a terra 175 ha
Provvedimenti istitutivi L.R. 67, del 19.12.01
Gestore Comune di Torino di Sangro
FoceSangro.png

La Riserva naturale guidata Lecceta di Torino di Sangro è una area naturale protetta dell'Abruzzo, istituita nel 2001.

Descrizione[modifica | modifica wikitesto]

La riserva si estende per 175 ettari, nel comune di Torino di Sangro, a sud della foce del fiume Sangro, a ridosso della costa dei trabocchi, simbolo di questa riserva è la Testuggine di Hermann, anche se i motivi per cui è diventata un'area protetta, e di importanza ambientale fin dal 1971, sono dovuti alla macchia mediterranea mista in cui il leccio, ne è la specie più rappresentativa.

Flora[modifica | modifica wikitesto]

Nel bosco misto di macchia mediterranea troviamo il leccio, l'orniello, il cerro, e le roverelle. La roverella è di gran lunga l'essenza vegetale più diffusa mentre il leccio(sporadico) si trova in formazioni compatte solo nella parte inferiore del versante rivolto a mare. È improprio parlare di macchia mediterranea poiché siamo in presenza di un bosco misto di querce caducifoglie tipico della costa teatina con presenza di leccio.

Fauna[modifica | modifica wikitesto]

L'avifauna fa di questa riserva il punto di partenza, per le vicine riserve dell'interno, tra le specie nidificanti, e particolari ricordiamo la capinera, l'occhiocotto, la sterpazzolina, la sterpazzola di Sardegna, il canapino, il gruccione, il picchio verde ed il picchio rosso maggiore, oltre ad altri uccelli acquatici tipici della foce del fiume, e varie specie che sono solo di passo.
Simbolo della riserva è la testuggine terrestre (Testudo hermanni).

Galleria d'immagini[modifica | modifica wikitesto]

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]