Riserva naturale di Fanjingshan

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Riserva naturale di Fanjingshan
梵净山, Fànjìngshān
Fanjingshan-new.jpg
La roccia fungo
Tipo di areaRiserva della biosfera
Class. internaz.Categoria V
StatoCina Cina
ProvinciaGuizhou
Superficie a terra419,6 km²
Provvedimenti istitutivi1986
Mappa di localizzazione
Mappa di localizzazione: Cina
Riserva naturale di Fanjingshan
Riserva naturale di Fanjingshan
Sito istituzionale
Coordinate: 27°54′09″N 108°44′34″E / 27.9025°N 108.742778°E27.9025; 108.742778
UNESCO white logo.svg Bene protetto dall'UNESCO
Riserva naturale di Fanjingshan
UNESCO World Heritage Site logo.svg Patrimonio dell'umanità
梵淨山紅雲金頂(新金頂).jpg
TipoNaturale
Criterio(x)
PericoloNon in pericolo
Riconosciuto dal2018
Scheda UNESCO(EN) Historic Monuments of Dengfeng in “The Centre of Heaven and Earth”
(FR) Scheda

La riserva naturale di Fanjingshan è una riserva della biosfera situata sui monti Wuling, in Cina. Dal punto di vista amministrativo, si estende attraverso varie contee della prefettura di Tongren, nel nord-est del Guizhou.

Secondo l'UNESCO, che l'ha classificata riserva della biosfera, Fanjingshan è l'unico ecosistema di foresta primaria ad essersi conservato più o meno intatto a tale latitudine[1]. Inoltre, la riserva ospita una specie endemica di scimmia, il rinopiteco dal mantello bianco[2], e una rara specie endemica di abete, Abies fanjingshanensis.[3]

La riserva prende nome dal monte Fanjing (2.572 metri). L'area più particolare e visitata è la Nuova Cima dorata (2.336 metri), una vertiginosa guglia rocciosa con due vette gemelle, su cui sorgono il Tempio di Buddha e il Tempio di Maitreya, collegati da uno stretto ponte; è un luogo sacro buddista, chiamato dai cinesi Bodhimanda, luogo dell'illuminazione; è possibile raggiungerlo a piedi soltanto attraverso una lunga scalinata di quasi 9000 scalini.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Biosphere Reserve Information, China, FANJINGSHAN.
  2. ^ Rhinopithecus brelichi su http://www.animalinfo.org
  3. ^ Yang, Y., Zhang, D, Li, N., Luscombe, D e Luscombe, D, Abies fanjingshanensis, su Lista rossa IUCN. URL consultato il 19 aprile 2019.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN148190182 · LCCN (ENsh88006055 · J9U (ENHE987007534453905171
  Portale Cina: accedi alle voci di Wikipedia che parlano della Cina