Riserva naturale Piana Grande della Maielletta

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Riserva naturale Piana Grande della Maielletta
Blockhaus, Majelletta and Adriatic Sea.jpg
Veduta della Maielletta
Tipo di areaRiserva naturale statale orientata
Codice WDPA31157
Codice EUAPEUAP0028
Class. internaz.Categoria IUCN IV: area di conservazione di habitat/specie
StatiItalia Italia
Regioni  Abruzzo
Province  Pescara
ComuniCaramanico Terme
Roccamorice
Superficie a terra4 km²
Superficie a terra366 ha
Provvedimenti istitutiviD.M. 18/10/1982[1]
L. 394/1991[1]
GestoreReparto Carabinieri Biodiversità
di Pescara[1]
Mappa di localizzazione
Coordinate: 42°09′31.38″N 14°05′50.02″E / 42.158716°N 14.097228°E42.158716; 14.097228

La riserva naturale Piana Grande della Maielletta è un'area naturale protetta di 366 ha, istituita nel 1982 e situata nei comuni di Caramanico Terme e Roccamorice, in provincia di Pescara[2].

Descrizione[modifica | modifica wikitesto]

Posta a nord-est della riserva naturale Valle dell'Orfento I, l'area protetta della Piana Grande della Maielletta occupa una superficie di 366 ha, pari a quasi km², con un dislivello che spazia dai 1000 m s.l.m. ai 2400 m s.l.m., all'interno dei territori dei comuni di Caramanico Terme e Roccamorice, caratterizzata dalla totale mancanza di corsi d'acqua[1]. Trae il nome dall'omonimo microtoponimo presente nella Maielletta, adibito a pascolo e compreso nel perimetro della riserva[3]. La progressiva variabilità altimetrica della riserva, unita alla derivante mutabilità del clima, annovera la presenza di tre ambienti naturali diversi (subatlantico, boreale e mediterraneo-altomontano), ognuno caratterizzato da un proprio spettro corologico delle varie specie vegetali che vi prosperano[1].

Storia[modifica | modifica wikitesto]

La riserva è stata istituita con decreto ministeriale del 18 ottobre 1982 come riserva naturale statale orientata[1]. Con la legge n. 394 del 1991 è stata inclusa nel territorio del parco nazionale della Maiella, collocata all'interno della zona A[1].

Flora[modifica | modifica wikitesto]

Il laserpizio odoroso, assieme all'inula bifronte, è presente esclusivamente nel territorio del parco nazionale della Maiella
La Parnassius apollo, rara specie faunistica endemica della riserva

La flora annovera diverse varietà di specie arboree, erbacee e floreali, così distribuite:

Fauna[modifica | modifica wikitesto]

Diversificata è la fauna, che comprende, per i grandi e i piccoli mammiferi, specie di camoscio appenninico, capriolo, cervo, gatto selvatico, lepre, lupo appenninico, orso bruno marsicano e volpe, e tra gli uccelli, rapaci e non, specie di aquila reale, coturnice[3], crociere, falco pecchiaiolo, falco pellegrino, fringuello alpino, gracchio alpino, gracchio corallino, lanario, merlo dal collare, passera scopaiola, picchio dorsobianco, piviere tortolino, sparviero e spioncello[4], mentre i rettili sono rappresentati dalla rara vipera dell'Orsini, presente negli anfratti rocciosi d'alta quota[1]. Tra gli invertebrati, si distingue la Parnassius apollo, rara specie faunistica endemica della riserva[1].

Note[modifica | modifica wikitesto]

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]