Riserva naturale Feudo Ugni

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Riserva naturale Feudo Ugni
Peregrine Falcon La Cañada.jpg
Tipo di areaRiserva naturale statale
Codice WDPA14672
Codice EUAPEUAP0023
StatiItalia Italia
RegioniAbruzzo Abruzzo
ProvinceChieti Chieti
ComuniPalombaro, Pennapiedimonte
Superficie a terra1.563,00 ha
Provvedimenti istitutiviD.M. 15.09.81
Gestoreex Azienda di Stato per le Foreste Demaniali
Mappa di localizzazione

Coordinate: 42°07′25.29″N 14°09′50.53″E / 42.123692°N 14.164035°E42.123692; 14.164035

La riserva naturale Feudo Ugni è un'area naturale protetta situata nei comuni di Palombaro e Pennapiedimonte, in provincia di Chieti. La riserva occupa una superficie di 1.563 ettari ed è stata istituita nel 1981[1][2].

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Il nome deriva dal latino omnium che significa di tutti: in epoca romana la zona che, attualmente, fa parte della riserva, venne lasciata al demanio degli abitanti del luogo. Alcune grotte della zona, in passato, vennero utilizzate dai pastori e dai briganti.[2]

Territorio[modifica | modifica wikitesto]

Il parco è attraversato dal fiume Avello. La grotta principale è la Grotta Nera formata da rocce e stalattiti color panna. Il colore delle rocce e delle stalattiti è dovuta alla presenza di ossidi naturali. Il latte di monte o latte di luna, è una particolare formazione di origine non organica, che ricopre le stalattiti con una pasta molliccia al tatto.[2] La cavità denominata "Grotta Nera" ha restituito negli anni settanta alcuni cocci preistorici risalenti a circa 70.000 anna fa. Un'altra grotta della stessa zona ha restituito un reperto paleontologico di "Marmota-Marmota" risalente a circa 10.000 anni fa.

Fauna[modifica | modifica wikitesto]

Flora[modifica | modifica wikitesto]

Punti di interesse[modifica | modifica wikitesto]

Vari belvedere sulla Maiella e sulla valle sottostante.

Note[modifica | modifica wikitesto]

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]