Riserva faunistica del Kalahari centrale

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Riserva faunistica del Kalahari centrale
Central Kalahari Game Reserve
Kalahari C17.JPG
Codice WDPA7510
Class. internaz.Categoria IUCN Ib: area selvaggia
StatoBotswana Botswana
RegioniDistretto di Ghanzi
Superficie a terra52800 km²
Mappa di localizzazione
Mappa di localizzazione: Botswana
Riserva faunistica del Kalahari centrale
Riserva faunistica del Kalahari centrale

Coordinate: 21°53′22.2″S 23°45′23.4″E / 21.8895°S 23.7565°E-21.8895; 23.7565

La Riserva faunistica del Kalahari centrale è un'ampia area naturale protetta situata nel deserto del Kalahari, nel Botswana.[1]

Fondato nel 1961, si estende su una superficie di 52.800 km² diventando così la seconda riserva più grande del mondo. Il terreno presenta valli fluviali ricoperte da saline, ma in genere è pianeggiante o dolcemente ondulato, coperto da cespugli ed erbe, talvolta con aree alberate, ed ospita animali come giraffe, iene, zebre, facoceri, springbok, ghepardi, licaoni, sciacalli, leopardi, impala, leoni, orici, gnu, ecc.

I Boscimani, o San, hanno abitato e percorso queste terre per migliaia di anni. Tra il 1997 e il 2002, in tre diverse operazioni, il governo del Botswana sfrattò i Boscimani che vivevano nella Central Kalahari Game Reserve (CKGR). Nel 2002 i Boscimani decisero di portare il governo in tribunale accusandolo di averli sfrattati illegalmente dalla loro terra ancestrale[2] e, nel 2006, dopo “il processo più lungo e più costoso nella storia del Botswana”, una sentenza della Corte Suprema riconobbe il loro diritto a vivere e cacciare nella CKGR, definendo gli sfratti “illegali e incostituzionali”[3].

Tuttavia, i Boscimani che da allora hanno fatto ritorno nella CKGR denunciano di essere oggetto di continue molestie e intimidazioni[4]. Oggi la maggior parte di loro è costretta a richiedere un permesso di un mese per entrare nella riserva, mentre molti hanno denunciato di essere stati arrestati, multati e alcuni persino torturati, per aver cacciato[5].

Survival International, il movimento mondiale per i diritti dei popoli indigeni, ha più volte denunciato “le manovre messe in atto dal governo del Botswana per impedire ai Boscimani di vivere e cacciare liberamente nella loro terra ancestrale, distruggendo il loro stile di vita.” [6] Nel settembre 2013 Survival ha lanciato il boicottaggio del turismo in Botswana[7]. Una decisione drastica, ha spiegato il direttore generale dell'associazione, Stephen Corry, dovuta “alle continue persecuzioni messe in atto dal governo del Botswana nei confronti dei primi abitanti del paese”[8].

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Central Kalahari Game Reserve, in World Database on Protected Areas. URL consultato il 10 ottobre 2013.
  2. ^ Boscimani: processo per tornare a casa, in Nigrizia.it, 29 settembre 2006. URL consultato il 10 ottobre 2013.
  3. ^ I Boscimani vincono il caso giudiziario, in Survival.it, 13 dicembre 2006. URL consultato il 10 ottobre 2013.
  4. ^ Il Botswana perseguita i boscimani: ora i paramilitari arrestano anche i bambini, in Greenreport.it, 15 gennaio 2013. URL consultato il 10 ottobre 2013.
  5. ^ Boscimani picchiati, soffocati e seppelliti nella sabbia per aver ucciso un’antilope, in Survival.it, 13 dicembre 2012. URL consultato il 10 ottobre 2013.
  6. ^ La Corte Suprema del Botswana nega ai Boscimani l'accesso alla loro terra, in Adnkronos.com, 12 settembre 2013. URL consultato il 10 ottobre 2013.
  7. ^ Turisti: boicottate il Botswana che perseguita i Boscimani!, in Survival.it, 26 settembre 2013. URL consultato il 10 ottobre 2013.
  8. ^ Holidaymakers urged to boycott Botswana, in Telegraph Travel, 26 settembre 2013. URL consultato il 10 ottobre 2013.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN245844617 · LCCN (ENn85172502 · GND (DE4655940-1