Riola (Vergato)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Riola
frazione
Riola – Veduta
Localizzazione
StatoItalia Italia
RegioneRegione-Emilia-Romagna-Stemma.svg Emilia-Romagna
Città metropolitanaCittà metropolitana di Bologna - Stemma.png Bologna
ComuneVergato-Stemma.png Vergato
Territorio
Coordinate44°13′47″N 11°03′23″E / 44.229722°N 11.056389°E44.229722; 11.056389 (Riola)Coordinate: 44°13′47″N 11°03′23″E / 44.229722°N 11.056389°E44.229722; 11.056389 (Riola)
Altitudine263 m s.l.m.
Abitanti900 (31-12-06)
Altre informazioni
Cod. postale40030
Prefisso051
Fuso orarioUTC+1
Cartografia
Mappa di localizzazione: Italia
Riola
Riola

Riola (Riôla in bolognese montano medio[1]) è un paese situato nella medio-alta valle del fiume Reno, frazione del comune di Vergato, in provincia di Bologna con una popolazione di circa 900 abitanti. Il Reno divide l'abitato di Riola da quello di Ponte, frazione di Grizzana Morandi. Il paese si trova a 263 m s.l.m. ed è attraversato dalla Strada statale 64 Porrettana (SS 64). È situato a 13 km da Porretta Terme e 8 da Vergato e si trova praticamente a metà strada fra Bologna e Pistoia.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Il paese si sviluppa intorno al 1860 grazie alla costruzione della strada statale Porrettana (SS 64) e a quella della ferrovia omonima.

Monumenti[modifica | modifica wikitesto]

La Chiesa di Santa Maria Assunta, situata in territorio comunale di Grizzana Morandi ma da sempre considerata "la chiesa di Riola", bianca all'interno e rivestita in piastre di arenaria all'esterno, fu completata nel 1978 su progetto di Alvar Aalto e fa di questa piccola frazione un interessante riferimento turistico di valore internazionale.

Altra attrazione di Riola è il Museo dei Tarocchi, ospitato in un casale restaurato del XVII secolo, con un'interessante collezione di opere di vari autori nazionali ed internazionali.

Chiesa Alvar Aalto a Riola

Ad un chilometro appena da Riola si può ammirare la Rocchetta Mattei, posta nel territorio del comune di Grizzana Morandi, edificio del 1859 dalle bizzarre forme, un po' medievali, un po' arabeggianti, verosimilmente attribuibile allo stile eclettico. L'edificio è stato recentemente restaurato e riaperto al pubblico.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Luigi Lepri, Daniele Vitali (a cura di), Dizionario Bolognese Italiano / Italiano-Bolognese, Bologna, Pendragon, 2007, pp. 348-354, ISBN 978-88-8342-594-3.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]