Ring Lardner

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Ringgold Wilmer Lardner

Ringgold Wilmer Lardner (Niles, 6 marzo 1885East Hampton, 25 settembre 1933) è stato un giornalista, scrittore e sceneggiatore statunitense famoso soprattutto per le sue satire sullo sport, sul teatro e sul matrimonio.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Nato a Niles, in Michigan, fin dall'adolescenza l'ambizione di Lardner fu di diventare un giornalista sportivo, ambizione che riuscì a realizzare nel 1907 quando ottenne un contratto dall'Inter-Ocean di Chicago. Nel biennio 1910/1911 fu direttore del The Sporting News di St. Louis; scrisse articoli per il Boston American, il Chicago American ed altri giornali fino al 1919, anno in cui si associò ad un'agenzia di stampa. Nel 1911 si sposò con Ellis Abbott.

Nel 1916 Lardner pubblicò il suo primo libro di successo, You Know Me Al, scritto in forma di lettere inviate da un giocatore di baseball di una lega di scarso livello ad un amico rimasto a casa al paese. Venne inizialmente pubblicato, come sei racconti separati ma interconnessi tra loro, sul The Saturday Evening Post, il che spinse alcuni a classificare il libro come una raccolta di racconti, mentre altri l'avevano giudicato un romanzo. Come la maggior parte delle storie di Lardner, You Know Me Al usa la satira per mettere alla berlina la stupidità e l'avidità di un certo tipo di atleti. Andrew Ferguson, che in un articolo sul The Wall Street Journal definì il libro come uno dei cinque migliori esempi di umorismo americano, scrisse:[1]

« Ring Lardner pensava a sé stesso principalmente come ad un commentatore sportivo, i cui scritti non erano destinati a durare nel tempo, e mantenne quell'assurda convinzione anche dopo che il suo primo capolavoro, You Know Me Al, fu pubblicato nel 1916 e riscosse, insieme ad altri personaggi assai seri e poco divertenti, il giudizio positivo di Virginia Woolf. »

Lardner continuò a scrivere racconti estremamente popolari come Haircut, Some Like Them Cold, The Golden Honeymoon, Alibi Ike, e A Day in the Life of Conrad Green. Continuò anche a scrivere storie che andavano ad ampliare You Know Me Al, con l'eroe di quel libro, il testardo ma ingenuo Jack Keefe, che viveva i vari alti e bassi della sua carriera nella Major league e della sua vita privata. Le lettere mandate al suo amico Al dal soldato Keefe durante la prima guerra mondiale furono raccolte nel libro Treat 'Em Rough.

Lardner fu affascinato dal teatro per tutta la vita, anche se il suo solo successo in quel campo fu June Moon, una commedia scritta insieme al veterano di Broadway George S. Kaufman. Scrisse una serie di brevi lavori dalla comicità nonsense che divertirono molto i partecipanti alle riunioni dello staff del teatro, in cui mostrava un umorismo esplosivo ed anticonformista e proponeva soluzioni di scena impossibili quali "Il sipario viene abbassato per sette giorni per suggerire che è trascorsa una settimana".

Lardner fu intimo amico di Francis Scott Fitzgerald e di altri scrittori dell'epoca del jazz, e i suoi lavori furono pubblicati dallo stesso curatore editoriale di Fitzgerald, Maxwell Perkins. Fu sotto certi aspetti il modello del tragico personaggio di Abe North nell'ultimo romanzo completo di Fitzgerald Tenera è la notte. Lardner non scrisse mai un vero romanzo, ma viene da molti considerato come uno dei migliori autori di racconti statunitensi mai vissuti. Morì per complicazioni derivate dalla tubercolosi.

La casa natale di Ring Lardner

Curiosità[modifica | modifica wikitesto]

« Il mio scrittore preferito è mio fratello D.B., e subito dopo viene Ring Lardner. Mio fratello per il mio compleanno mi ha regalato un libro di Ring Lardner, subito prima che io andassi a Pencey. C'erano queste storie davvero pazze e divertenti, e c'era quella storia di quel poliziotto addetto al traffico che si innamora di una ragazza carina che corre sempre troppo in macchina. Solo che il poliziotto è sposato, così non può né sposarla né niente. Alla fine la ragazza muore, proprio perché corre troppo. Quella storia mi ha praticamente ucciso." »

(J.D.Salinger)

Filmografia[modifica | modifica wikitesto]

Sceneggiatore (parziale)[modifica | modifica wikitesto]

Attore[modifica | modifica wikitesto]

Film o documentari dove appare Ring Lardner[modifica | modifica wikitesto]

Bibliografia selezionata[modifica | modifica wikitesto]

  • Bib Ballads (1915)
  • You Know Me Al (1916)
  • Gullible's Travels (1917)
  • Treat 'Em Rough (1918)
  • The Big Town (1921)
  • How to Write Short Stories (1924)
  • Haircut (1925)
  • Round Up (1929)

Nel 2013 sono stati tradotti in italiano e pubblicati tre racconti apparsi per la prima volta su riviste: Harmony (pubblicato sul celebre McLure's Magazine, n. 45, agosto 1915), Alibi Ike (apparso sul Saturday Evening Post nello stesso anno) e Horseshoes (The Saturday Evening Post n. 187, 15 agosto 1914). I tre racconti sono stati raccolti nel volume Armonia, traduzione di Francesca Cosi e Alessandra Repossi, Nuova Editrice Berti, Parma 2013, ISBN 88-7364-577-1.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ [1], Andrew Ferguson, "Five Best: Some humor doesn't age well, but these American classics remain funny beyond compare, says writer Andrew Ferguson", articolo del The Wall Street Journal, 2 dicembre 2006, pagina P8, consultato (su una sezione libera del sito del quotidiano) l'11 giugno 2007

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN2592704 · ISNI (EN0000 0001 1020 0821 · LCCN (ENn79023324 · GND (DE11864033X · BNF (FRcb126184419 (data) · NLA (EN35291874